giovedì 13 Giugno 2024

1.000 anni fa, i pagani baltici importarono cavalli dalla Scandinavia per decapitarli o seppellirli vivi

4 settimane ago

Analisi approfondita sui sacrifici di cavalli nella cultura baltica

Recenti studi rivelano l’importanza dei cavalli nella cultura baltica di 1.000 anni fa, evidenziando comportamenti crudeli di sacrificio pubblico.

Importanza dei cavalli nella cultura baltica

I cavalli giocavano un ruolo centrale nella cultura baltica tra il I e il XIII secolo, come dimostrato da manufatti e testimonianze storiche.

Ricerca e scoperte recenti

Un nuovo studio pubblicato su Progressi della Scienza ha esaminato 80 cavalli sacrificati provenienti da siti archeologici della regione baltica orientale, confermando importazioni da luoghi distanti.

Rivoluzione nella comprensione dell’antica pratica sacrificale

Contrariamente alle ipotesi precedenti, la ricerca ha rivelato che il 66% dei cavalli sacrificati erano stalloni, sfidando le credenze archeologiche consolidate.

Dichiarazioni dell’autrice principale

L’autrice principale dello studio, il Dr. Caterina Francese, ha sottolineato che la selezione dei cavalli per i sacrifici non era limitata ai soli maschi, smentendo convinzioni passate.

Origine dei cavalli importati

L’analisi degli isotopi di stronzio sui denti dei cavalli ha rivelato che alcuni di essi non erano nati localmente, svelando dettagli sorprendenti sull’importazione di cavalli nella regione baltica.

Origine dello stronzio nei denti

Lo stronzio presente nelle corone dei denti è riconducibile alla dieta degli animali. Misurando il rapporto tra varianti di stronzio in diversi denti, i ricercatori possono tracciare il luogo di crescita degli animali o i loro spostamenti.

Origine dei cavalli baltici

Secondo uno studio, i cavalli baltici hanno la loro origine nella penisola fennoscandica, in particolare in Svezia centro-orientale o Finlandia meridionale. Risalenti all’XI-XIII secolo, provenivano dall’area con reti commerciali consolidate.

Scoperte archeologiche

La presenza di un cavallo non locale sepolto con manufatti scandinavi in Kaliningrad suggerisce legami commerciali. I cavalli potrebbero essere stati trasportati su navi, rivelando una mobilità sconosciuta prima archeologicamente.

Impatto delle scoperte

L’ampio campione di 80 cavalli analizzato dimostra l’importanza di questi metodi di ricerca. Dibble, zooarcheologo, sottolinea che il commercio di cavalli nel Nord Europa richiede ulteriori approfondimenti, aprendo nuove prospettive di studio.

Nuove prospettive di ricerca

French, coinvolta nello studio, ha annunciato ulteriori ricerche sull’argomento. Sta lavorando a un progetto sulla tecnologia navale dell’Età vichinga e sui cavalli trasportati su navi mercantili, aprendo spazi innovativi nel campo della ricerca archeologica.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.