domenica 16 Giugno 2024

10 cose sorprendenti fatte dal petrolio

3 settimane ago

Utilizzi sorprendenti del petrolio che potresti non conoscere

Il petrolio, ingrediente fondamentale di numerosi prodotti, va oltre il semplice carburante e il riscaldamento domestico. È presente in molti oggetti di uso quotidiano, da alimenti a prodotti di bellezza, in modi sorprendenti che potresti non immaginare.

Cioccolato

Le ricoperture di cioccolato contengono spesso cera di paraffina, derivata da petrolio, carbone o scisto. Questo ingrediente conferisce brillantezza al cioccolato, lo mantiene solido a temperature elevate e facilita la sua rimozione dagli stampi. Nonostante non sia digeribile, uno studio non ha riscontrato rischi per la salute.

Dentifricio

Anche il dentifricio può contenere derivati del petrolio. Questi ingredienti, come il propilene glicole derivato dal petrolio, aiutano a mantenere il prodotto fresco e ad aumentarne la consistenza. Anche in questo caso, non sono state evidenziate problematiche per la salute umana.

Derivati del petrolio in prodotti di uso comune

Il dentifricio può contenere derivati del petrolio come il glicole polietilenico, aggiunti per aroma, proprietà antibatteriche e consistenza. Produttori usano polossamero 407 per farlo dissolversi in acqua e saccarina sodica come dolcificante.

Profumo

Le fragranze spesso contengono oli derivati dal petrolio anziché oli essenziali naturali. Ad esempio, Iso E Super offre un aroma simile all’ambra, mentre l’hedione fornisce un profumo di gelsomino. Il Galaxolide è noto per la sua nota di fondo di lunga durata.

Colore

La plastica, derivata dal petrolio, rende le vernici più resistenti all’acqua e durevoli. Queste vernici aderiscono bene alle superfici e si riducono meno rispetto alle opzioni naturali. Tuttavia, con il tempo, la vernice può sfaldarsi, con alcune contenenti fino a un terzo di plastica.

La problematica delle vernici

La contaminazione delle acque da parte delle vernici, in particolare dalle superfici di acciaio, equivale a 150-225 miliardi di bottiglie di plastica.

Pillole rivestite di plastica

Molte pillole sono rivestite in plastica per facilitarne la deglutizione ed evitare l’agglomerazione. Tuttavia, esistono alternative naturali per ridurre l’impatto ambientale e migliorare la sostenibilità.

Gelato alla vaniglia e aromi artificiali

Gli oli sintetici derivati dal petrolio sono comunemente usati negli aromi alimentari, come vaniglia, mandorla e limone. Questi composti offrono un profilo di gusto costante, sono economici, ma sollevano preoccupazioni ambientali e di salute.

Vaselina

La vaselina è un prodotto versatile ampiamente impiegato per la protezione e l’idratazione della pelle. È utilizzata per lenire la pelle secca, come barriera protettiva post-tatuaggio e altro ancora. La vaselina deriva da processi di distillazione del gas naturale e del petrolio.

Lassativi

I lassativi contengono polietilenglicole, un derivato petrolifero anche utilizzato nel dentifricio. Queste sostanze attraggono acqua nel colon, rendendo le feci più morbide e agevolando il transito intestinale. Alcuni lassativi contengono olio minerale derivato dal petrolio.

Schiuma da barba

La crema da barba contiene isopentano, derivato dal petrolio greggio. Questa sostanza aiuta a scomporre il sebo sulla pelle, facilitando la rasatura. Gli ingredienti petroliferi sono comuni in prodotti per la cura personale come la schiuma da barba.

Utilizzo del Glicole Polietilenico nella Rasatura

Il glicole polietilenico è comunemente utilizzato nella rasatura per la sua versatilità e stabilità. Presente anche in lassativi e lubrificanti sessuali, crea una barriera protettiva sulla pelle riducendo attrito e irritazione.

Deodoranti per Ambienti

(Credito immagine: Carol Yepes/Getty Images)

I deodoranti per ambienti spesso contengono oli derivati dal petrolio per creare piacevoli profumi che durano più a lungo e sono più consistenti degli oli naturali. Gli oli sintetici imitano le fragranze diffuse e possono rilasciare profumi gradualmente nel tempo, garantendo una durata maggiore.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.