giovedì 13 Giugno 2024

10 modi sorprendenti in cui il DNA dei Neanderthal influisce sulla nostra salute

4 settimane ago

Nei tempi antichi, circa 250.000 anni fa, gli antenati di molti popoli europei e asiatici lasciarono l’Africa dirigendosi verso le terre più fredde dell’Eurasia, dove si scontrarono con i Neanderthal, i nostri cugini umani estinti più prossimi. Nel corso del tempo, si sono verificati accoppiamenti e scambi genetici tra i due gruppi.

Attualmente, circa il 2% dei genomi delle persone al di fuori dell’Africa presenta tracce del DNA Neanderthal, evidenziando l’eredità di quegli antichi incontri.

Scoperte scientifiche e impatto sulla salute

Grazie alla ricerca sui fossili e ai progressi nella tecnologia genetica, gli scienziati hanno scoperto molte informazioni sul DNA ereditato dai Neanderthal e sul suo potenziale impatto sulla nostra salute.

1. Rischio di allergie

Il rischio di allergie è influenzato dai geni Neanderthal. (Credito immagine: Oscar Wong tramite Getty Images)

Nel 2016, è emerso che alcuni esseri umani moderni hanno geni Neanderthal legati alle proteine che possono predisporre alle allergie. Questi geni codificano proteine che influenzano la risposta immunitaria agli agenti patogeni.

Le varianti genetiche ereditate dai Neanderthal coinvolgono una famiglia di proteine chiamate Recettori toll-like (TLR), fondamentali nell’immunità innata del corpo contro le infezioni. Questi recettori riconoscono i microbi e attivano il sistema immunitario per contrastarli.

Scoperte sull’influenza del DNA Neanderthal su diverse condizioni umane

Gli scienziati hanno individuato una correlazione tra i geni TLR di Neanderthal e un aumento delle malattie allergiche. L’ipersensibilità dei recettori potrebbe causare reazioni esagerate agli allergeni ambientali.

Sensibilità al dolore

Il gene SCN9A di Neanderthal potrebbe influenzare la soglia del dolore, rendendo le persone più resistenti al dolore causato da oggetti appuntiti. Uno studio del 2023 ha dimostrato che le persone con varianti di questo gene erano più sensibili al dolore in seguito a un trauma fisico.

Secondo l’Ufficiale di Kaustubh, genetista statistico dell’University College di Londra, la sensibilità al dolore potrebbe avere avuto un ruolo cruciale nell’evoluzione umana, influenzando la capacità di sopravvivere. Lo studio ha valutato la sensibilità al dolore acuto, escludendo il dolore cronico.

Rischio di diabete di tipo 2

Le popolazioni latinoamericane potrebbero presentare un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 a causa di una mutazione genetica ereditata dai Neanderthal. Questa variante genetica potrebbe contribuire alla suscettibilità alla patologia, richiedendo una vigilanza maggiore sui livelli di zucchero nel sangue.

SLC16A11 e il metabolismo degli acidi grassi

Il gene SLC16A11 gioca un ruolo nel metabolismo degli acidi grassi, che potrebbe essere fondamentale nello sviluppo del diabete di tipo 2 (T2D), una patologia con alti livelli di glucosio nel sangue, particolarmente diffusa tra gli ispanici e i latini.

Sensibilità alla luce solare e caduta dei capelli

Recenti ricerche evidenziano come alcune varianti genetiche ereditate dai Neanderthal possano influenzare la sensibilità alla luce solare e la caduta dei capelli.
(Credito immagine: Shutterstock)

Un recente studio del 2021 ha rilevato che varianti genetiche dei Neanderthal sono correlate a un maggiore rischio di calvizie e sensibilità alla luce solare nei giorni nostri, secondo la rivista “Comunicazioni sulla natura”.

Analizzando un vasto archivio di dati genetici e sanitari nel Regno Unito, gli scienziati hanno identificato 17 varianti genetiche dei Neanderthal associate alla calvizie, di cui 15 sono legate alla caduta dei capelli, come evidenzia il coautore dello studio Giovanni Capra, genetista evoluzionista della Vanderbilt University.

La ricerca ha inoltre rivelato che il DNA dei Neanderthal rendeva i portatori più sensibili alla luce solare, suggerendo che tali tratti potessero offrire un vantaggio agli esseri umani moderni che si sono spostati in Eurasia, consentendo loro di sfruttare al meglio la limitata esposizione solare tipica di latitudini più elevate.

In uno studio separato del 2017, è emerso che la presenza di un allele Neanderthal aumenta significativamente il rischio di scottature solari infantili e una scarsa capacità di abbronzatura negli europei, evidenziando ulteriori legami tra il patrimonio genetico neanderthaliano e le caratteristiche fisiche moderne.

Grave rischio di COVID-19

Impatto del DNA Neanderthal sulla salute umana

Durante la pandemia di COVID-19, la comunità scientifica ha evidenziato il ruolo del DNA Neanderthal nell’influenzare la salute umana.

Studio sul cromosoma 3 e il rischio di COVID-19

Un’analisi del 2020 su Natura ha evidenziato che il DNA Neanderthal sul cromosoma 3 aumenta il rischio di malattie gravi correlate a SARS-CoV-2.

Effetti contrastanti del DNA Neanderthal sul cromosoma 12

Contrariamente, ricerche del 2021 hanno dimostrato che il DNA Neanderthal sul cromosoma 12 potrebbe ridurre il rischio di terapia intensiva post-COVID-19 del 22%.

Dipendenza dalla nicotina influenzata dal DNA Neanderthal

Le varianti genetiche Neanderthal incidono sulla dipendenza dalla nicotina, come dimostrato da uno studio del 2016 sulla rivista Scienza.

Uno specifico gene, SLC6A11, codifica una proteina coinvolta nella trasmissione dei segnali cerebrali, influenzando la dipendenza da nicotina.

Impatto sulla fertilità umana

Studi recenti suggeriscono che il DNA Neanderthal potrebbe migliorare la fertilità umana, aprendo nuove prospettive sulla riproduzione e sulla salute.

Geni Neanderthaliani e Fertilità

Uno studio ha rivelato che il 30% delle donne europee porta una variante genetica Neanderthaliana collegata a una maggiore fertilità, con minor rischio di complicazioni in gravidanza come aborti spontanei e sanguinamenti.

Queste donne hanno ereditato un recettore per il progesterone, fondamentale nel preparare l’utero per l’impianto dell’ovulo. Il supporto del progesterone durante lo sviluppo embrionale precoce è anch’esso cruciale.

Rischio di Depressione

Alcuni individui potrebbero essere più inclini alla depressione se portano specifici geni Neanderthaliani. (Credito immagine: MementoJpeg tramite Getty Images)

Sebbene il DNA Neanderthaliano sia meno presente nelle parti del genoma legate al cervello, come geni della funzione cognitiva, studi indicano una correlazione tra varianti Neanderthaliane e disturbi dell’umore, tra cui la depressione nelle popolazioni europee.

Gli esperti ipotizzano che la conservazione di tali geni potrebbe essere legata all’esposizione solare. Le varianti Neanderthaliane contribuiscono alla protezione UV, potenzialmente influenzando il rischio di depressione, che può essere collegato ai livelli di luce.

Rischio della Malattia Vichinga

Genetica Neanderthal e la malattia di Dupuytren

Secondo recenti studi, le varianti genetiche ereditate dai Neanderthal possono influenzare lo sviluppo della malattia di Dupuytren, un disturbo alla mano.

La malattia di Dupuytren si verifica quando il tessuto nel palmo della mano diventa meno flessibile, causando contratture delle dita e limitando il movimento.

Un’indagine condotta su persone di origine europea ha identificato 61 varianti genetiche legate alla malattia, tra cui tre provenienti dai Neanderthal, come il gene EPDR1.

Rischio autoimmune e DNA Neanderthal

Alcuni geni ereditati dai Neanderthal, in particolare legati al sistema immunitario, potrebbero aumentare il rischio di malattie autoimmuni, come il morbo di Crohn.

Uno studio del 2014 ha evidenziato che le varianti genetiche Neanderthal possono contribuire allo sviluppo di malattie autoimmuni attaccando erroneamente le cellule del corpo.

Impatto delle sequenze genetiche Neanderthal sugli esseri umani moderni

Le sequenze genetiche di Neanderthal presenti negli esseri umani moderni sono associate a un aumento del rischio di sviluppare due disturbi cronici: il lupus e il Morbo di Crohn.

Lupus: un disturbo multisistemico

Il lupus è una malattia autoimmune che può colpire molte parti del corpo, inclusi le articolazioni, la pelle e i reni. I ricercatori hanno individuato una variante genetica legata al lupus, presente nel 10% degli europei e nel meno dell’1% degli asiatici orientali.

Morbo di Crohn: malattia infiammatoria intestinale

Il Morbo di Crohn è una patologia infiammatoria che colpisce l’intestino. Gli studi hanno evidenziato una variante genetica legata al Morbo di Crohn nel 26% degli europei e nell’8% degli asiatici orientali.

Curiosità sul corpo umano

Le sequenze genetiche di Neanderthal non influenzano solo la predisposizione a determinate malattie, ma possono anche essere responsabili di caratteristiche fisiche uniche. Curiosità come la facilità di costruire muscoli o la comparsa delle lentiggini potrebbero avere radici nei nostri antenati.

Hai domande sul funzionamento del corpo umano?

Se hai curiosità o domande su come funziona il nostro corpo, inviaci un’email a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. La tua domanda potrebbe essere selezionata e ricevere una risposta dettagliata sul nostro sito web!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.