domenica 19 Maggio 2024

A Parigi le Olimpiadi fanno piazza pulita

2 mesi ago

Parigi 2024: Olimpiadi a impatto zero?

In vista delle Olimpiadi estive di Parigi, gli organizzatori si impegnano per ridurre l’impatto ambientale dell’evento in un’epoca sensibile all’emergenza climatica.

Un’Eco-Edizione delle Olimpiadi

Le Olimpiadi di Parigi del 2024 si pongono l’obiettivo di limitare le emissioni di gas serra, puntando su energia pulita e riduzione degli sprechi. L’attenzione si concentra su trasporti e costruzioni sostenibili.

Esigenze ambientali spingono a riconsiderare il tradizionale approccio alle Olimpiadi, suggerendo soluzioni innovative per ridurre l’inquinamento derivante da eventi su larga scala.

Adattare, Non Costruire: La Filosofia di Parigi

Parigi si distingue per il recupero di strutture esistenti anziché la costruzione di nuovi impianti. Questo approccio mira a minimizzare l’impatto ecologico, promuovendo la riqualificazione urbana.

L’idea di rinunciare a certi comfort, come l’aria condizionata tradizionale, solleva dibattiti sull’equilibrio tra sostenibilità e benessere degli atleti partecipanti.

Un Modello per il Futuro delle Olimpiadi

I progetti sostenibili delle Olimpiadi di Parigi 2024 potrebbero delineare un nuovo standard per gli eventi internazionali, ispirando città di tutto il mondo a adottare approcci ecologici nell’organizzazione di futuri giochi olimpici.

Gli edifici progettati per l’evento rispecchiano l’obiettivo di creare infrastrutture a basso impatto ambientale, destinati a restare come risorse per la comunità locale anche dopo la fine delle Olimpiadi.

L’importanza della redistribuzione degli eventi

Cesar Dugast, cofondatore di Eclaircies, sottolinea la necessità di ripensare la concentrazione degli eventi in un’unica città, proponendo di distribuirli globalmente per affrontare la crisi climatica in modo più efficace.

Le sfide legate al cambiamento climatico alle Olimpiadi

Il rischio imminente per le Olimpiadi riguarda il cambiamento climatico, con temperature sempre più elevate a Parigi. Le autorità stanno adottando misure come piantare alberi e torri di nebulizzazione per proteggere atleti e tifosi.

Obiettivi ambientali e compensazione delle emissioni

I Giochi di Parigi si pongono l’obiettivo di emettere non più della metà delle emissioni del 2012, a Londra. L’organizzazione prevede di compensare le emissioni acquistando crediti di carbonio per finanziare progetti di riduzione delle emissioni, con dettagli ancora da definire.

La trasformazione di Parigi per il clima globale

Parigi mostra come una città storica possa adattarsi al nuovo clima globale, evidenziando anche le sfide. Luoghi come la Place de la Concorde ospiteranno eventi olimpici, implementando soluzioni sostenibili come generatori elettrici al posto di diesel.

Trasporto e trasformazione urbana

Parigi, affrontando sfide legate alle emissioni, ha implementato misure come limitazioni al traffico e promozione della mobilità ciclabile, con un’attenzione particolare verso le Olimpiadi imminenti. Il vicesindaco Pierre Rabadan indica le nuove piste ciclabili e sottolinea la necessità di ripensare la città.

Con l’avvicinarsi delle Olimpiadi, il sistema di trasporto parigino dovrà gestire una folla enorme, mettendo sotto pressione le infrastrutture già congestionate. Gli sforzi per migliorare e espandere il sistema metropolitano sono in corso per far fronte alla crescente domanda.

Riutilizzo e sostenibilità

La pista ciclabile “Olympistes” e la trasformazione della piscina Georges Vallerey, risalente alle Olimpiadi del 1924, rappresentano esempi di riutilizzo intelligente delle risorse esistenti. La città punta a limitare la costruzione di nuove strutture, privilegiando interventi sostenibili.

Il recupero della piscina Georges Vallerey, con l’uso di materiali originali e l’integrazione di soluzioni moderne, simboleggia l’approccio alla conservazione storica con uno sguardo al futuro. Il rispetto per la storia e l’identità locale si intrecciano con l’innovazione e la sostenibilità ambientale.

Un approccio laboratoriale

Le Olimpiadi del 2024 sono considerate un “laboratorio” per sperimentare soluzioni innovative, specialmente nella progettazione di nuove strutture. Il nuovo centro acquatico a Saint-Denis, con il suo design ecologico e imponente, rappresenta un esempio di come la sostenibilità possa abbracciare il futuro dello sport e dell’architettura.

Costruzioni ecologiche per le Olimpiadi del 2024

Un nuovo approccio alle costruzioni è stato adottato per le Olimpiadi del 2024 a Parigi, con un forte focus sull’ecosostenibilità. Le nuove strutture sono progettate per ridurre le dimensioni dell’edificio, diminuendo così l’energia necessaria per il riscaldamento.

Progettazione sostenibile

La piscina olimpica, ad esempio, è profonda 5 metri solo dove necessario per i tuffi, ottimizzando l’uso dell’acqua e riducendo il consumo energetico. Inoltre, parte del calore necessario proviene da un data center vicino, e i 5.000 posti a sedere sono realizzati con plastica riciclata.

Il concetto guida degli architetti è stato quello di “fare meglio con meno”, come affermato da Cécilia Gross, uno degli architetti responsabili del progetto.

Impatto ambientale ridotto

Il Villaggio degli atleti, uno dei più grandi nuovi progetti olimpici, verrà trasformato in un quartiere misto per 6.000 residenti dopo le Olimpiadi. Le emissioni del Villaggio sono dichiarate essere almeno il 30% inferiori rispetto a un progetto convenzionale delle stesse dimensioni.

L’uso del legno riveste un ruolo chiave nell’iniziativa, con la struttura principale del villaggio realizzata in legno, considerato più sostenibile del cemento nonostante i costi ambientali legati alla sua coltivazione.

Tecnologie innovative

Per ridurre l’impatto ambientale, nel villaggio viene sperimentata la raccolta delle acque piovane, il raffreddamento degli interni attraverso un sistema di geoscambio con acqua raffreddata, e l’utilizzo di materiali riciclati come i gusci di ostriche per pavimentare i marciapiedi.

Unitamente agli alberi che forniscono ombra e alla brezza del fiume, queste soluzioni consentiranno di mantenere una temperatura interna confortevole anche durante le estati più calde.

Controversie sull’aria condizionata

Anche se le strutture sono progettate per limitare l’uso dell’aria condizionata, alcune squadre olimpiche come quelle degli Stati Uniti, del Canada e della Norvegia hanno dichiarato di voler portare i propri sistemi di condizionamento.

Il sindaco di Parigi, la signora Hidalgo, ha incoraggiato le squadre a seguire soluzioni eco-sostenibili e ad “affidarsi alla scienza” per affrontare le condizioni climatiche.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.