venerdì 24 Maggio 2024

Alcune stelle potrebbero essere “infettate” da buchi neri che le distruggono dall’interno, suggerisce un nuovo studio

2 mesi ago

Scoperta: Stelle “infettate” da buchi neri dall’interno

Un recente studio suggerisce che microscopici buchi neri potrebbero costituire una parte significativa della materia dell’universo e potrebbero divorare le stelle dall’interno verso l’esterno.

La Materia Oscura e i Buchi Neri Primordiali

La materia oscura, che rappresenta l’85% della massa dell’universo, potrebbe essere costituita dai buchi neri primordiali (PBH), secondo il nuovo studio pubblicato sui Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Origine e Caratteristiche dei Buchi Neri

I buchi neri possono formarsi dalla morte delle stelle massicce o direttamente dalla compattazione della materia poco dopo la Big Bang. Questi PBH potrebbero variare di dimensioni e rappresentare una parte della massa mancante nell’universo.

Studio sui PBH e le Stelle in Formazione

Uno studio condotto da Nicola Esser e colleghi ha esaminato l’interazione tra PBH delle dimensioni di un asteroide e le nubi di gas in cui si formano le stelle. Hanno scoperto che i PBH potrebbero essere catturati dall’attrazione delle stelle in formazione.

Implicazioni per la Comprese dell’Universo

Queste scoperte potrebbero fornire nuove prospettive sulle interazioni tra buchi neri e stelle, offrendo una chiave per comprendere meglio la materia oscura e il funzionamento dell’universo nel suo complesso.

Lo strano fenomeno dei buchi neri

Quando i microscopici buchi neri vengono catturati all’interno di una stella neonata, la loro densità diventa sempre più vicina a quella della stella ospitante.

Il mistero del cannibalismo stellare

Le stelle che catturano i buchi neri vivono un destino diverso, consumate dall’interno dal buco nero che si nutre dell’idrogeno tramite la fusione nucleare nel nucleo.

Il formarsi del disco di accrescimento

Da questo processo potrebbe nascere un disco di accrescimento, una spirale di gas che si muove verso il buco nero. Si pone quindi il dubbio se tutto il materiale finirà nel buco nero o causerà un’esplosione.

Conseguenze del fenomeno

Questo cannibalismo cosmico porta alla distruzione, specialmente tra le stelle più vecchie che costituiscono la maggior parte della massa solare.

Prospettive di individuazione

Le galassie nane ultradeboli rappresentano il luogo migliore per individuare queste stelle mancanti, influenzate dai buchi neri. Le osservazioni saranno cruciali per comprendere l’età e la quantità di stelle all’interno di queste galassie.

Le deboli galassie nane come NGC 1140 sono i posti migliori per cercare segni di stelle mancanti. (Credito immagine: NASA Goddard)

Strumenti di osservazione

Il Telescopio Spaziale Hubble e il Telescopio Spaziale James Webb sono strumenti in grado di rilevare questi effetti. Anche il Telescopio Euclide potrebbe offrire importanti contributi in questo ambito.

Ipotesi sulla materia oscura

La rilevazione di un deficit di stelle più vecchie nelle galassie nane ultradeboli potrebbe suggerire che la materia oscura sia costituita proprio da questi buchi neri di massa asteroidale. Tuttavia, rimangono aperte diverse ipotesi e spiegazioni alternative che richiedono ulteriori approfondimenti.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.