“Appeso a un filo”: il capo delle Nazioni Unite avverte di non aver mancato un obiettivo climatico chiave

2 settimane ago

Il campanello d’allarme sul cambiamento climatico

Con il pianeta alle prese con le temperature più alte degli ultimi 100.000 anni, gli scienziati prevedono che record di calore saranno sempre più frequenti nel prossimo futuro. L’Organizzazione Meteorologica Mondiale ha lanciato un importante avvertimento in merito.

Una sfida senza precedenti

Nei prossimi cinque anni, c’è il 90% di probabilità che la Terra stabilisca nuovi record di calore, superando i massimi registrati nel 2023. Questo scenario allarma gli esperti che evidenziano come il riscaldamento globale rappresenti una minaccia concreta per l’ambiente.

Obiettivo climatico a rischio

L’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius è a rischio, secondo il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. Un appello urgente è stato lanciato per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, l’adozione di energie rinnovabili e il sostegno finanziario ai paesi vulnerabili per affrontare il cambiamento climatico.

La battaglia contro i combustibili fossili

Un appello per una nuova direzione

Guterres ha sollecitato i governi a porre fine ai sussidi per petrolio e gas, sottolineando la necessità di vietare la pubblicità delle aziende produttrici di combustibili fossili. L’analogia con l’industria del tabacco evidenzia la portata del problema e l’urgenza di agire con determinazione.

Un’iniziativa contro la pubblicità dei combustibili fossili

La richiesta di Guterres di vietare la pubblicità delle aziende che operano nel settore dei combustibili fossili è stata accolta da alcune testate giornalistiche, che hanno interrotto la loro collaborazione pubblicitaria. Questa iniziativa mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle conseguenze dell’utilizzo dei combustibili fossili.

Le temperature record impongono riflessioni

Un trend allarmante

Le temperature record registrate sulla Terra hanno confermato un trend allarmante. Il mese scorso è stato segnato da cifre eccezionalmente alte, rendendo il dodicesimo mese consecutivo di calore record. Questo fenomeno evidenzia l’urgenza di agire con determinazione per contrastare il cambiamento climatico.

La temperatura media mondiale continua a salire

Secondo i dati di Copernicus, la temperatura media globale ha superato ogni record precedente per quel periodo dell’anno, registrando un aumento di 1,63 gradi Celsius rispetto al periodo preindustriale.

Il difficile traguardo dell’Accordo di Parigi

L’Accordo di Parigi pone l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius come una meta a lungo termine. Il superamento di questa soglia in modo temporaneo potrebbe diventare sempre più comune nel prossimo futuro.

Impatti globali del surriscaldamento

Le ondate di calore estremo stanno colpendo molte regioni del mondo, con temperature che superano i 110 gradi Fahrenheit in Asia meridionale e ondate di caldo intenso che interessano anche gli Stati Uniti.

Conseguenze climatiche e ambientali

Dagli eventi meteorologici estremi alle inondazioni in Brasile, il riscaldamento globale sta causando danni significativi. Le previsioni sull’eccezionale attività degli uragani atlantici evidenziano l’importanza del controllo sulle emissioni di gas serra.

Il progressivo sbiancamento delle barriere coralline e il riscaldamento record degli oceani contribuiscono alla formazione di tempeste più intense e pericolose.

Prospettive future e possibili soluzioni

Gli scienziati ritengono che sia possibile mitigare il riscaldamento globale agendo sulle emissioni di gas serra. La riduzione di queste emissioni potrebbe consentire alla Terra di raffreddarsi entro la fine del secolo, se adottati provvedimenti tempestivi.

Prospettive di sollievo temporaneo

La fine imminente dell’El Niño, responsabile in parte delle temperature record del 2023, potrebbe portare a un temporaneo sollievo climatico. Tuttavia, altre cause potrebbero contribuire a ulteriori aumenti di temperatura, come suggerito da recenti studi scientifici.

Gli Effetti Contraddittori dell’Inquinamento Atmosferico da Navi

L’olio combustibile bruciato dalle navi produce anidride carbonica che contribuisce al riscaldamento globale. Tuttavia, rilascia anche composti di zolfo che hanno un effetto di raffreddamento, riflettendo la luce solare.

Regolamentazioni per Ridurre le Emissioni delle Navi

Per contrastare l’impatto dell’inquinamento da zolfo, l’Organizzazione marittima internazionale ha stabilito nuovi limiti alle emissioni delle navi a partire dal 2020. Tuttavia, ciò potrebbe aver involontariamente contribuito a un leggero riscaldamento attuale.

Il Principale Motore del Riscaldamento Globale

Pur considerando gli effetti dell’inquinamento marittimo, è chiara la responsabilità principale del riscaldamento globale: l’aumento costante dei livelli di anidride carbonica, metano e protossido di azoto. Questi gas antropogenici stanno alterando la chimica dell’atmosfera in modo significativo.

Con un attuale trend di crescita delle emissioni, gli scienziati stimano che potrebbero essere necessari solo cinque anni per superare il limite di riscaldamento di 1,5 gradi Celsius, rendendo estremamente difficile evitare conseguenze climatiche catastrofiche.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.