domenica 16 Giugno 2024

Arte rupestre di 2.000 anni fa, tra cui un serpente lungo quasi 140 piedi, potrebbe segnare antichi territori in Colombia e Venezuela

2 settimane ago

Scoperte dell’arte rupestre datata 2.000 anni fa in Colombia e Venezuela

Gli archeologi hanno completato il mapping di antiche opere d’arte rupestre in Venezuela e Colombia, inclusa la più grande incisione monumentale al mondo, attraverso l’uso di fotografie e droni.

Questi capolavori, con motivi umani e animali, sono ubicati lungo il fiume Orinoco, in un’area strategica per l’Atures Rapids, antica rotta commerciale e di viaggio.

Il possibile significato della localizzazione delle opere

L’autore principale Filippo Riris ipotizza che il posizionamento delle incisioni potesse riflettere aspetti di territorialità, marcando il dominio e comunicando un messaggio di appartenenza.

Le incisioni monumentali, tra cui un serpente di quasi 42 metri di lunghezza, potrebbero essere legate a credenze locali, con serpenti come boa constrictor e anaconda centrali nei miti delle popolazioni indigene.

Approfondimento sul simbolismo serpentesco

Il serpente, simbolo di divinità creatrice per alcune tribù locali, potrebbe aver funzionato anche come avvertimento per gli estranei a rischio di intrusione nel territorio del serpente, data la sua natura letale.

Un’incisione raffigurante un serpente, simile a un disegno su ceramica rinvenuto nella zona, ha suscitato particolare interesse per le somiglianze nelle rappresentazioni.

Correlazioni tra diverse opere d’arte

L’artista che ha decorato una piccola urna con un serpente simile potrebbe aver tratto ispirazione dalle incisioni rupestri, suggerendo una possibile contemporaneità tra gli autori di diverse opere d’arte nella regione.

Scoperte sull’arte rupestre: nuove prospettive sulla sua antichità

Secondo uno studio, l’arte rupestre potrebbe risalire a circa 2.000 anni fa, in base alle analisi della ceramica utilizzata nei luoghi scoperti.

Scoperte inattese durante il progetto di mappatura

Durante il progetto di mappatura, sono stati scoperti diversi nuovi siti, anche se la maggior parte era già nota ai ricercatori. Questa scoperta ha arricchito la conoscenza sull’estensione e la varietà dell’arte rupestre nella regione.

Una vista del serpente monumentale e di altri motivi rupestri su uno degli affioramenti rocciosi. (Credito immagine: Philip Riris et al.; Antiquity Publications Ltd.; CC-BY 4.0)

Concentrazione senza precedenti di arte rupestre

Secondo quanto riportato dal dottor Riris, il progetto ha rivelato una concentrazione senza precedenti di siti con arte rupestre regione. Questa scoperta differisce da quanto osservato in altre parti del mondo, dove tali reperti sono sporadici e isolati.

Raccolta di motivi rupestri, inclusi disegni di millepiedi e serpenti. (Credito immagine: Philip Riris et al.; Antiquity Publications Ltd.; CC-BY 4.0)

Impegno per la protezione del patrimonio culturale

Il gruppo di ricerca ha avviato procedure per registrare i siti presso gli enti del patrimonio nazionale colombiano e venezuelano. Inoltre, stanno collaborando con le comunità indigene locali per garantire la protezione di queste testimonianze culturali, specialmente in vista dell’incremento del turismo nella regione.

Il dottor Riris sottolinea l’importanza di coinvolgere attivamente le comunità locali nella tutela e nella conservazione di questi siti, considerandole i migliori custodi di questo patrimonio prezioso.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.