domenica 16 Giugno 2024

Boeing trasporta gli astronauti della NASA in orbita nel volo Starliner “Milestone”.

2 settimane ago

Boeing trasporta gli astronauti della NASA in orbita nel volo Starliner “Milestone”

Dopo due tentativi non andati a buon fine, mercoledì la Boeing ha finalmente portato due astronauti della NASA in orbita con il veicolo spaziale Starliner.

Un traguardo atteso da tempo

Il primo volo di Starliner rappresenta un passo significativo dopo anni di ritardi costosi, consentendo alla NASA di affidarsi sempre di più al settore privato per i voli spaziali umani.

La NASA punta alla diversificazione

Con l’arrivo previsto di Starliner, la NASA avrà due capsule spaziali americane in grado di trasportare gli astronauti in orbita, garantendo una maggiore sicurezza e un backup.

Successo fondamentale per Boeing

Il successo della missione sarà un ottimo segnale anche per Boeing, un’azienda recentemente sotto esame per problemi di sicurezza. La divisione aerospaziale ha affrontato sfide tecniche significative nel progetto di Starliner.

Emozioni e successo nel lancio

Il comandante Butch Wilmore ha dato il via al lancio con entusiasmo, seguito dal pilota Suni Williams che ha espresso emozione prima del decollo della capsula nominata Calypso.

Un lancio senza intoppi

L’Atlas V ha sollevato la Starliner in orbita senza problemi, offrendo un inizio tranquillo alla missione spaziale. Mark Nappi della Boeing ha espresso soddisfazione e attenzione per le fasi successive.

Continuità della missione

Anche se si è verificato un piccolo problema tecnico legato al sistema di raffreddamento, i primi momenti del volo sono stati un successo, portando sollievo e speranza verso il completamento della missione.

Missione spaziale: ecco cosa è successo

Durante il lancio della navicella spaziale, è stato rilevato un problema con il sistema di raffreddamento, ma fortunatamente è stato risolto una volta raggiunta l’orbita.

Indagini in corso e arrivo alla stazione spaziale

Gli astronauti a bordo testeranno manualmente il volo e i sistemi vitali della navicella spaziale durante il percorso verso la stazione spaziale.

È previsto che Wilmore e Williams attracchino alla stazione giovedì alle 12:15 per un soggiorno di almeno otto giorni.

Obiettivi della missione e prossimi passi

La missione comprende 87 obiettivi di prova, focalizzati su aspetti ergonomici e funzionalità della navicella spaziale.

Una volta completata la missione, i dati verranno esaminati per la certificazione dello Starliner prima di iniziare i voli operativi annuali per la NASA.

Storia e sfide del programma spaziale

Boeing e SpaceX sono stati selezionati nel 2014 per sostituire le navette spaziali ritirate nel 2011, con Boeing che ha affrontato sfide nel perfezionare il suo Starliner.

Boeing ha incontrato diversi ostacoli tecnici, inclusi problemi al software e componenti difettosi, ritardando il lancio effettivo della navicella.

Rischi e pianificazione futura

Le sfide incontrate durante il processo di test e lancio hanno evidenziato rischi e criticità nel programma, che richiedono attenzione e risoluzione per garantire la sicurezza delle future missioni spaziali.

Starliner: Il problema dei paracadute e le conseguenze

La mancanza di apertura dei tre paracadute dello Starliner ha causato ritardi e costi significativi per Boeing, stimati in 1,4 miliardi di dollari.

SpaceX all’azione: missioni lanciate mentre Starliner è a terra

Mentre Starliner ha avuto problemi, SpaceX ha lanciato nove missioni con equipaggio per la NASA, inclusa la Crew-8 attualmente attraccata alla stazione, e quattro missioni commerciali con passeggeri non NASA.

Le difficoltà nei tentativi di lancio di quest’anno

Il ciclo di tentativi di lancio è iniziato il 6 maggio con un volo che è stato annullato a causa di una valvola difettosa sul razzo Atlas V. Successivamente è emersa una perdita di elio nel sistema di propulsione dello Starliner, che ha richiesto ulteriori indagini.

Problemi durante il secondo tentativo di lancio

Il secondo tentativo di lancio è stato interrotto 3 minuti e 50 secondi prima del decollo a causa di un problema riscontrato dai computer che gestiscono la sequenza di lancio. Dopo la sostituzione di un componente difettoso, il lancio di mercoledì è stato un successo.

Contributi alla segnalazione

Niraj Chokshi ha contribuito alla segnalazione dell’evento.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.