mercoledì 22 Maggio 2024

come gli scherzi sul lavoro possono sollevare lo spirito del laboratorio

2 mesi ago

La leggerezza negli ambienti di lavoro: gli scherzi come strumento di connessione

Il 1° aprile 2022, John Prensner, ricercatore post-dottorato in biologia del cancro, è stato oggetto di uno scherzo sul suo lavoro presso il Broad Institute del MIT e Harvard. Una lettera fittizia annunciava un interesse museale per i suoi strumenti di laboratorio, suscitando sorpresa e ilarità.

La macchina da PCR che utilizzava, la PTC-200, diventò la protagonista di una presunta mostra. Tuttavia, il tono ufficiale della lettera si trasformò in umorismo quando fu menzionato anche lo stereo del 1995 di Prensner, funzionante e “antiquato”. La situazione scherzosa evidenziò il buon clima di lavoro nel laboratorio.

Tradizioni e umorismo quotidiano

Le gioiose bevute che si scambiano i ricercatori nei laboratori sono un piccolo rituale quotidiano, che spesso rimane una tradizione di gruppo. Questi scherzi hanno uno scopo ben oltre il semplice divertimento: contribuiscono a cementare il senso di comunità, ad alleggerire un ambiente di lavoro intenso e persino a trasmettere insegnamenti.

Eppure, esistono delle regole non scritte che sottolineano il rispetto e la considerazione verso chi è oggetto dello scherzo. La sicurezza e il rispetto sono pilastri fondamentali, senza compromettere la serietà del lavoro svolto in laboratorio.

Il rispetto come base dello scherzo

Un aspetto centrale degli scherzi è la considerazione e il rispetto verso chi è coinvolto. Jess McLaughlin, ex postdoc in genomica presso l’Università della California, sottolinea l’importanza di non arrecare disagio con le proprie azioni, ma piuttosto di condividere momenti di leggerezza all’interno della comunità lavorativa.

Questi episodi, se gestiti con tatto e sensibilità, possono rivelarsi un modo per consolidare i legami tra colleghi e rendere più piacevole l’ambiente di lavoro, offrendo un momento di distrazione e allegria.

La creatività degli scherzi nel mondo accademico

Alcuni studiosi, come Monica Tomaszewski, trovano nei giochi di prestigio un modo per divertirsi e rilassarsi durante il lavoro. La sua esperienza con lo sciroppo d’acero a quell’università ne è un esempio lampante.

Intenzioni e contesto degli scherzi accademici

La differenza tra scherzi opportunistici e premeditati nel mondo accademico è sottolineata dai ricercatori stessi. Questi gesti possono essere ben accolti in certi contesti, ma altrove sono considerati poco appropriati.

L’importanza dei segnali sociali

La ricercatrice Jennifer Phillips sottolinea l’importanza dei segnali sociali nell’ambiente accademico per valutare se uno scherzo è benvenuto. La cultura del laboratorio può variare notevolmente a seconda dei colleghi presenti.

Gli scherzi come strumento di coesione

Gli scherzi possono contribuire a creare un’atmosfera più distesa e solidale in laboratorio. Phillips evidenzia come il buon umorismo abbia facilitato l’interazione tra colleghi, rendendo più agevole la condivisione di conoscenze e opinioni.

L’importanza dell’umorismo nell’ambito della ricerca scientifica

I ricercatori intervistati su Natura riconoscono il valore dell’umorismo nel promuovere una cultura accademica più inclusiva e collaborativa. L’uso dell’ironia e dei giochi di parole può migliorare il clima di lavoro e favorire la comunicazione tra gli studiosi.

La solidarietà dietro gli scherzi sociali

Un esempio del potere dei legami sociali è stato quello del gruppo di lavoratori che ha organizzato una festa per una bottiglia di soluzione di cloruro di calcio arrivata al suo 21° compleanno.

Coinvolgere persone giovani o nuove negli scherzi come complici può rafforzare i legami. È quanto accaduto alla paleontologa Lisa Buckley, che coinvolse gli studenti in una guerra di scherzi divertente con suo marito.

La forza dei legami temporanei

L’organizzare scherzi può essere una forma di coesione per i gruppi di lavoro temporanei. Lisa Buckley e i suoi studenti stamparono immagini di gatti per fare scherzi al collega paleontologo Richard McCrea, creando momenti che li univano.

Anche se l’ufficio si trasformava in un campo di battaglia per scherzi come guerre di gatti e aracnidi, il risultato era un rafforzamento dei legami tra colleghi che duravano anche dopo aver cambiato posto di lavoro.

Scopo e beneficio dei giochi

Pur richiedendo tempo ed energia, i ricercatori sottolineano i benefici positivi dell’umorismo e dei giochi come valvole di sfogo dallo stress accademico. Gli scherzi permettono di trovare gioia nel lavoro, compensando la pressione delle intense carriere accademiche.

Un millepiedi morto nell’ex laboratorio di Rachel Thayer ha ispirato i passanti a creare una scena commemorativa, completa di altri esemplari di laboratorio defunti.Credito: Rachel Thayer

Scienziati come Tomaszewski evidenziano come anche piccole distrazioni come scherzi o momenti ludici come il karaoke possano mantenere viva la passione per il lavoro svolto, specialmente in contesti accademici stressanti.

La comunità accademica e gli scherzi

Un esempio è Rachel Thayer, che ricorda con affetto l’episodio del millepiedi nella tromba delle scale del laboratorio, trasformato in una scena funeraria dai colleghi. Questo momento di leggerezza le ha reso più piacevole la routine quotidiana.

Il coinvolgimento di altri colleghi nel creare scherzi o momenti ludici può trasformare l’ambiente di lavoro, rendendolo più accogliente e favorendo la coesione tra i membri della comunità accademica.

Ricordi spassosi nell’ambiente accademico

Alcuni ricercatori condividono aneddoti divertenti legati al passato, quando gli scherzi abbondavano tra le mura accademiche. Daniel Bolnick, attuale biologo evoluzionista all’Università del Connecticut, racconta di alcuni episodi da protagonista.

Uno di questi è riferito alla volta in cui mise una mano di gomma realistica nel congelatore a -80 °C di un collega, mentre da studente creò un poster scherzoso su un teorema scientifico fittizio che legava il battito d’ali di una farfalla all’insorgenza di tifoni dall’altra parte del mondo.

Divertimento scientifico

Anche il suo complice di allora, Evan Preisser, ora ecologista comunitario all’Università del Rhode Island, era coinvolto nel presentare ricerche sotto falso nome. Questi scherzi, ricorda Bolnick, rappresentano un momento catartico che riporta alla mente l’importanza della creatività nella scienza.

Pur riconoscendo la necessità di scherzi più gentili, Bolnick ha già individuato i suoi prossimi bersagli tra gli ex studenti ora colleghi nel suo dipartimento, trovando in loro una leale fonte di divertimento.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Le proteste per la guerra tra Israele e Hamas hanno fatto a pezzi le università americane: quale sarà il prossimo passo?

Le proteste e la divisione nelle università americane Le recenti proteste legate

cosa significa per l’intelligenza artificiale il boom dei chatbot cinesi

Il boom dei chatbot cinesi e l’intelligenza artificiale Con la crescente competizione