cosa ottengono queste uscite di gruppo?

2 mesi ago

Dimissioni in risposta a cambiamenti editoriali: il caso della rivista Sintassi

All’inizio di marzo, i redattori di Sintassi hanno annunciato le proprie dimissioni pubblicamente, in risposta alle modifiche imposte dall’editore Wiley. Klaus Abels e Suzanne Flynn hanno dichiarato che la situazione era diventata insostenibile, affermando che le nuove misure adottate non soddisfacevano più le esigenze della comunità linguistica.

Wiley assicura la continuazione della pubblicazione

Nonostante le dimissioni dei redattori, Wiley ha dichiarato di proseguire nella pubblicazione e nell’investimento su Sintassi. Il vicepresidente per lo sviluppo editoriale, Allyn Molina, ha affermato che le modifiche apportate sono volte a garantire una pubblicazione tempestiva e di alta qualità della rivista, sottolineando l’impegno continuo dell’editore.

Un trend emergente: dimissioni di massa nel mondo accademico

Le dimissioni collettive dei redattori stanno diventando sempre più frequenti nel mondo accademico. Solo quest’anno, cinque riviste hanno registrato le dimissioni dei propri redattori, un trend in crescita evidenziato da Retraction Watch. Questo fenomeno sembra essere una forma di protesta contro i cambiamenti nei modelli di business dell’editoria scientifica.

La situazione delle riviste accademiche e l’accesso aperto

Le dimissioni dei redattori della rivista Salute pubblica critica sono un esempio significativo di come le discrepanze nei modelli di pubblicazione possano portare a decisioni estreme. L’ex co-redattore Judith Green ha chiarito che le dimissioni sono state causate dalla non accettazione del modello di elaborazione degli articoli con addebito, nonostante il principio dell’accesso aperto.

Editori in tensione tra priorità concorrenti

Un portavoce di Taylor & Francis Natura ha commentato sulle dimissioni, sottolineando il desiderio di reclutare una nuova squadra editoriale. Ivan Oransky di Retraction Watch evidenzia la tensione tra la crescita richiesta dai editori e la qualità difesa da ricercatori e redattori.

La creazione di canali alternativi di comunicazione accademica

Le dimissioni di massa degli editori mirano a creare un’alternativa di comunicazione accademica di alta qualità, secondo Abels dell’University College di Londra. Questo approccio mira a garantire standard elevati nonostante le pressioni dei mercati azionari.

La nascita di nuove pubblicazioni

Gli editori che si dimettono spesso avviano nuove riviste per mantenere il controllo sul processo editoriale. Esempi come la transizione da NeuroImmagine a Imaging Neuroscienza illustrano questo trend, con un focus sulla qualità e l’accesso aperto.

Proposte per una nuova modalità editoriale

Abels e altri progettano una rivista ad accesso aperto con la Open Library of Humanities, incoraggiando a guardare oltre la protesta e concentrarsi sulla costruzione di nuovi spazi accademici. Smith sostiene che il cambiamento emerge dalla creazione di riviste senza scopo di lucro.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Un’importante scoperta scientifica: un piccolo buco nero nell’Universo primordiale

Uno sguardo alla ricerca Un gruppo internazionale di ricercatori provenienti da prestigiose

La terapia con mRNA è sicura per il trattamento dell’acidemia propionica, condizione metabolica ereditaria

Un nuovo approccio terapeutico per l’acidemia propionica Uno studio ha dimostrato che