domenica 16 Giugno 2024

Crociata per la Scienza Oceanica

2 settimane ago

Una Squadra Determinata

Isabelle Côté, ecologista marina alla Simon Fraser University, ha accettato la sfida di remare sull’Oceano Atlantico per beneficenza. Dopo tre anni di preparativi, il Team di Scienza Salata ha conquistato la vittoria nella World’s Toughest Row.

Un’Avventura Straordinaria

La squadra, composta da Côté, Chantale Bégin, Noelle Helder e Lauren Shea, ha partecipato a una corsa di 4.800 chilometri dalle Isole Canarie ad Antigua e Barbuda, classificandosi al primo posto nella divisione femminile e settimo nella classifica generale.

Un Team Affiatato

Bégin ha reclutato Côté, conosciuta per la sua resistenza, per completare la squadra. Dopo un’entusiasmante fase iniziale, hanno affrontato un duro allenamento e preparativi intensi per l’evento.

La Sfida dell’Atlantico

Con la necessità di finanziamenti per l’iscrizione e l’equipaggiamento, la squadra ha dovuto raccogliere fondi per partecipare alla regata senza supporto. La preparazione è stata lunga e faticosa, ma la determinazione del team ha superato ogni ostacolo.

Una sfida contro l’oceano

Il team decide sin dall’inizio che l’oceano sarà la loro causa principale, essendo tutti coinvolti in attività legate al mare. Nessuno di loro era un esperto rematore e dovevano imparare la tecnologia di navigazione e migliorare la resistenza fisica e mentale.

Collaborazione generazionale

Con membri di tre generazioni accademiche, ciascuno aveva ruoli ben definiti all’interno del team. Côté era responsabile del primo soccorso, mentre la collaborazione era prioritaria. L’obiettivo era finire la gara in sicurezza, rimanere amici e remare a tutta velocità.

Preparazione fisica e mentale

Il regime di fitness includeva addestramento con privazione del sonno e rimanere in mare aperto per ore. La consulente di psicologia sportiva Terri Schneider ha lavorato sulla resilienza psicologica e sul consolidamento della squadra, preparandoli a fronteggiare stress e disagio fisico.

Resistenza e determinazione in mare aperto

Le prime fasi della gara sono state durissime, con onde alte 10 metri che mettevano a dura prova la loro resistenza. Dopo aver affrontato onde enormi e rapide velocità, i giorni successivi sono stati segnati da venti contrari e ritmi più lenti di avanzamento.

Isabelle Côté con uno sguardo incredulo una volta tornata a terra dopo 38 giorni, 18 ore e 56 minuti di remi attraverso l’Oceano Atlantico.Credito: La fila più dura del mondo

Combattere le sfide personali

Pur soffrendo di momenti di depressione durante la gara, Côté ha affrontato le proprie paure con determinazione, spingendosi al massimo in ogni turno di remata. Nonostante le difficoltà, ha trovato la forza di andare avanti grazie alla propria resilienza.

Un viaggio epico attraverso l’oceano

Navigando su una piccola imbarcazione attraverso un vasto e implacabile oceano, la navigatrice è stata accolta da una grande squadra di sostenitori. Nicola Smith, ex dottorando del noto ecologista marino Côté, ha seguito con entusiasmo i suoi progressi.

Superare ostacoli e realizzare sogni

Pur essendo più anziana dei suoi compagni di avventura, Côté ha dimostrato che con impegno e dedizione si possono raggiungere grandi traguardi. Quest’esperienza ha rafforzato il suo rispetto per l’oceano e la bellezza del suo habitat naturale.

Riflessioni post-avventura di Côté

Ripensando a questa epica impresa, Côté ha sottolineato l’importanza di avere la forza mentale e fisica per affrontare sfide di tale portata. Ha sottolineato come le persone comuni possano compiere gesta straordinarie se si dedicano con passione ai propri sogni.

Intervista a Côté: domande e risposte

Come è stato affrontare il mare agitato senza cadere in acqua?

In condizioni avverse, con onde alte e venti forti, la tenacia e l’attaccamento alla barca hanno evitato il peggio, sebbene i lividi fossero all’ordine del giorno.

Qual è stata la dinamica del team con differenze generazionali?

Nonostante le differenze di età, il gruppo ha lavorato in modo collaborativo e solidale. Côté ha apprezzato il supporto ricevuto dai membri più giovani, evidenziando un’inversione di ruoli significativa.

La routine di bordo e le sfide quotidiane

Dal sonno frammentato alle decisioni condivise, la vita a bordo ha presentato numerosi ostacoli. Nonostante le difficoltà, il team è riuscito a mantenere alta la motivazione concentrando l’attenzione su obiettivi comuni.

Playlist in mare aperto e discussioni intellectuali

Con Taylor Swift in loop e podcast stimolanti, il gruppo ha trovato modi originali per passare il tempo durante la traversata. La diversità di argomenti ha alimentato dibattiti interessanti e tenuto alto il morale.

Una traversata costellata di imprevisti

Durante la traversata, un incidente ha reso inutilizzabile la postazione dei remi, compromettendo la comodità e la privacy dell’equipaggio durante le attività quotidiane sulla barca.

Approvvigionamento di acqua potabile

Nonostante i contrattempi, l’equipaggio ha garantito un adeguato approvvigionamento d’acqua grazie a un dissalatore, mantenendo la possibilità di bere, cucinare e prendersi cura dell’igiene personale durante la traversata.

Un’esperienza che ha cambiato prospettive

La traversata ha portato una profonda riflessione sull’oceano, suscitando rispetto e ammirazione per la sua bellezza e complessità, modificando la prospettiva di uno degli esploratori marini dell’equipaggio.

Scienza e advocacy a bordo

L’equipaggio, composto da scienziati marini, ha unito l’esperienza scientifica alla difesa dell’oceano, supportando cause importanti attraverso iniziative di raccolta fondi come Salty Science, a favore di organizzazioni no-profit che promuovono la tutela marina.

Desideri e fantasie alimentari durante la traversata

Le fantasie culinarie dell’equipaggio sono sbocciate durante la traversata, con ciascun membro che desiderava cibi diversi, dall’idea di una birra ghiacciata fino alla semplicità di una banana dopo settimane di cibo disidratato.

Incontri con la fauna marina

Durante la traversata, l’equipaggio è stato accompagnato da delfini, balene e sorprendentemente anche da tonni che seguivano la barca. Inoltre, pesci volanti e procellarie delle tempeste hanno reso l’esperienza unica e affascinante per tutti a bordo.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

L’esoscheletro robotico si adatta a chi lo indossa attraverso un addestramento simulato

Addestrare un esoscheletro robotico: una nuova strategia innovativa Uno studio recente propone

I ribosomi inaspettatamente al chiaro di luna come attivatori dell’enzima angiogenina

Ribosomi e Angiogenina: una Relazione Inaspettata Uno studio pubblicato su Natura il