martedì 21 Maggio 2024

È un’età dell’oro per le scoperte dei relitti. Perché?

2 mesi ago

Un’epoca d’oro per le scoperte dei relitti: il fenomeno in crescita

La scoperta di relitti, da navi leggendarie a cavalli da lavoro sprofondate negli abissi, sta vivendo un’epoca d’oro. L’aumento delle scoperte è evidente nel mondo dell’esplorazione delle profondità marine.

I fattori dietro l’aumento delle scoperte

Gli esperti individuano diversi motivi dietro il crescente numero di scoperte. La tecnologia ha reso più accessibile e conveniente scandagliare il fondo marino, coinvolgendo sia esperti che appassionati. L’interesse per l’esplorazione delle profondità marine è in crescita, con cacciatori di naufragi alla ricerca di relitti per il loro valore storico.

Il cambiamento climatico, inoltre, ha esposto relitti in acque poco profonde a causa di tempeste e erosione delle spiagge.

I robot sottomarini e le nuove tecnologie

Gli esperti concordano sul fatto che l’esplorazione delle profondità marine è stata rivoluzionata dalle nuove tecnologie. I robot sottomarini autonomi possono scansionare vaste superfici marine senza essere vincolati a una nave da ricerca.

La recente diffusione di veicoli telecomandati ha permesso di esplorare sotto la calotta glaciale fino a 25 miglia nelle regioni polari. Addirittura, le immagini satellitari possono individuare relitti rilevando pennacchi di sedimenti che si muovono intorno ad essi, visibili dallo spazio.

Le tecnologie accessibili: un contributo alla ricerca subacquea

Secondo esperti come J. Carl Hartsfield, la tecnologia avanzata è diventata più economica e accessibile per gli scienziati, permettendo loro di campionare un’area sempre più ampia dell’oceano per un costo ragionevole.

Jeremy Weirich, direttore dell’esplorazione oceanica della National Oceanic and Atmospheric Administration, evidenzia l’aumento dell’utilizzo di sistemi di telepresenza. Questi permettono di trasmettere in diretta le immagini del fondale oceanico, coinvolgendo più persone nell’esplorazione e nella scoperta dei relitti in tempo reale.

Il ruolo della digitalizzazione degli archivi nella ricerca di relitti

La digitalizzazione degli archivi ha semplificato la ricerca e la consultazione dei documenti storici, secondo David L. Means, esperto di scienze marine ed esploratore di relitti.

Impatto del cambiamento climatico sulla scoperta di relitti

Gli esperti sottolineano che il cambiamento climatico, generando tempeste più frequenti e intense, ha eroso le coste e sconvolto i relitti affondati.

Recentemente, un relitto del XIX secolo è emerso a Cape Ray, in Terranova, a seguito dell’uragano Fiona, attirando l’attenzione della comunità locale.

Le scoperte costiere e l’erosione causate dalle tempeste

Nel 2020, a St. Augustine in Florida, resti della nave Caroline Eddy, affondata nel 1880, sono stati esposti dall’erosione causata dalle tempeste Eta e Matthew.

Gli esperti prevedono che scoperte simili diventeranno più frequenti a causa dell’innalzamento del livello del mare.

La controversa caccia al tesoro nell’oceano

I cacciatori di tesori privati cercano ancora i relitti sperando di trovare tesori sommersi, ma spesso le loro scoperte sono oggetto di battaglie legali senza esito.

Secondo Deborah N. Carlson, i reclami sulla proprietà di relitti affondati possono essere contestati da nazioni o assicuratori, come nel caso della Spagna e della sua fregata affondata.

Protezione dei relitti sottomarini secondo l’UNESCO

La Convenzione dell’UNESCO del 2001 sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo ha l’obiettivo di preservare i relitti dai saccheggiatori e di garantire il loro mantenimento a beneficio delle generazioni future.

Esplorazione marina: alla scoperta dei segreti sommersi

La tecnologia sta rivoluzionando l’esplorazione dei fondali oceanici, consentendo agli scienziati di osservare e documentare siti storici senza dover necessariamente recuperare reperti dal mare.

Phil Hartmeyer della NOAA Ocean Exploration sottolinea l’importanza di registrare in alta definizione gli oggetti trovati, rendendo accessibili dettagli preziosi senza dover muovere nulla.

Ampliamento degli orizzonti

Oltre ai cacciatori di tesori, si sono aggiunte iniziative di ricerca e commerciali che stanno espandendo l’esplorazione marina. Le società private impegnate in rilevamenti per risorse come petrolio e gas contribuiscono al rinvenimento di nuovi relitti.

Collaborazioni per una visione condivisa

Organizzazioni come la Schmidt Ocean Institute, l’Ocean Exploration Trust e OceanX, fondate da figure di spicco come Eric Schmidt di Google e l’investitore Ray Dalio, lavorano attivamente per esplorare i misteri degli abissi.

L’archeologia subacquea ha vissuto una notevole espansione, con sempre più giovani studiosi che si dedicano allo studio dei relitti, contribuendo così a una conoscenza sempre più approfondita della storia sommersa.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.