venerdì 24 Maggio 2024

Emettere suoni sottomarini potrebbe assistere le barriere coralline nella lotta contro il surriscaldamento globale

3 mesi ago

Il 2023 ha segnato il record come l’anno più caldo mai registrato sulla Terra, includendo gli oceani globali dove i record sono caduti uno dopo l’altro. La scorsa settimana, più di 5000 scienziati si sono riuniti a New Orleans per il convegno biennale sulle scienze oceaniche dell’Unione Geofisica Americana. Il giornalista ambientale James Dinneen era presente per catturare la temperatura degli scienziati, che hanno studiato gli impatti dei cambiamenti marini successivi. Puoi ascoltare il segmento a partire dai 05:00 nel player incorporato o leggere la trascrizione in basso.

Trascrizione

James Dinneen: Il tema predominante al più grande raduno mondiale di scienziati oceanici era il calore.

Inghilterra: “Negli ultimi due decenni, ma soprattutto nel 2023, il riscaldamento è stato predominante”.

James: Matthew England, oceanografo presso l’Università del Nuovo Galles del Sud in Australia, era uno dei numerosi scienziati oceanici riuniti a New Orleans per discutere le più recenti ricerche sul mare.

Le presentazioni spaziavano da nuove specie di polpi a pesci robotici volanti, ma ad attirare l’attenzione era principalmente l’aumento delle temperature.

Inghilterra: “Le nostre emissioni di gas serra nell’atmosfera dovute al consumo di combustibili fossili risultano in calore intrappolato, con oltre il 90% di esso che si riversa negli oceani”.

Le temperature medie della superficie oceanica lo scorso anno hanno superato i record precedenti, con un incremento di circa 0,2 gradi Celsius rispetto al 2022. Anche la quantità di calore nei primi 2000 metri dell’acqua oceanica ha raggiunto livelli record. Onde di calore marine estreme si sono verificate dall’Atlantico al Mar del Giappone.

Inghilterra: “È stata l’anno in cui non si è riuscito a trovare una parte dell’oceano che non fosse al di sopra della media in termini di calore”.

I ricercatori presenti si stanno concentrando sulle cause e sulle conseguenze di tutto questo calore.

Ad esempio, il mistero riguardante l’espansione del ghiaccio marino in Antartide, sorprendentemente stabile fino al 2016, si è ridotto drasticamente in quell’anno. Nel 2022 ha raggiunto un nuovo minimo record, superato di nuovo nel 2023 quando il ghiaccio non si è riformato durante l’inverno antartico.

Tuttavia, le vittime più impattate dagli effetti delle temperature del 2023 sono state le barriere coralline. Vaste porzioni di corallo sono sbiancate e morte, soprattutto intorno alle Florida Keys nel Golfo del Messico.

Ian Enochs della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti studia le barriere coralline delle Florida Keys. Ha affermato che assistere alla morte massiccia di coralli è stato doloroso, ma ha evidenziato l’urgenza di intraprendere azioni concrete.

Enoch: “Alcuni potrebbero sentirsi sopraffatti da questo scenario, mentre ho visto l’opposto, ho visto le persone unirsi e sentirsi motivate per compiere azioni significative, pronte ad affrontare la sfida con determinazione.

A titolo di esempio, Amy Apprill dell’istituto oceanografico Woods Hole nel Massachusetts sta studiando varie strategie per il recupero degli ecosistemi corallini. Numerose idee sono state elaborate, ma un nuovo approccio che il suo team sta esplorando coinvolge l’emissione di suoni sott’acqua.

Apprill: Il suono è un segnale fondamentale per gli organismi delle barriere coralline, una componente essenziale della loro comunicazione e un elemento su cui contano per mantenere una sana coesistenza.

Dagli esperimenti condotti su una barriera corallina nelle Isole Vergini, i ricercatori hanno notato che la trasmissione di registrazioni audio provenienti da ecosistemi corallini sani in acqua ha aumentato la velocità di attaccamento delle larve di corallo alle barriere. Questo potrebbe agevolare i processi di ripristino dei coralli di fronte all’innalzamento delle temperature.

Apprill: Il 2023 è stato un anno senza precedenti. L’elemento che mi incoraggia e mi lascia ottimista è che siamo solo all’inizio, appena intraprendendo le prime azioni per implementare tali soluzioni.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Perché i bambini in Corea del Sud fanno causa al governo

I bambini sudcoreani intentano causa al governo per il cambiamento climatico Neonati,

Le scienze sociali forestali non riescono a soddisfare i bisogni delle persone che ne hanno più bisogno

Foreste: un patrimonio vitale per il futuro del pianeta Le foreste rappresentano