mercoledì 22 Maggio 2024

Essere genitori è un superpotere scientifico nascosto: ecco perché

2 mesi ago

Essere Genitori: un Superpotere Nascosto

Essere genitori è un superpotere scientifico sottovalutato. Alcuni scienziati senior suggeriscono di assumere persone senza figli anziché genitori, ritenendo che questi ultimi non abbiano il tempo o la dedizione per la ricerca.

Una Prospettiva da Scienziato-Genitore

Essendo uno scienziato con due bambini, ho sperimentato la tendenza a escludere i genitori da opportunità accademiche. Questo pregiudizio è spesso rivolto alle donne, nonostante le donne siano sottorappresentate nei ruoli accademici.

Le donne, pur svolgendo una parte significativa del lavoro domestico e dell’assistenza all’infanzia, affrontano sfide aggiuntive nel mondo accademico. Alcune scienziate stigmatizzano la gravidanza, temendo possa compromettere la loro carriera.

Equilibrio tra Scienza e Maternità

Essere madre accademica presenta sfide uniche, come riunioni fuori orario e viaggi improvvisi. Con la chiusura delle scuole e le malattie frequenti dei bambini, gestire la ricerca e la famiglia richiede abilità da supereroe.

Privilegi e Difficoltà

Pur beneficiando dei privilegi di razza, orientamento sessuale, stato civile e supporto coniugale, essere genitore è impegnativo. Anche con un partner che contribuisce alle responsabilità domestiche, i carichi di lavoro influenzano la salute mentale e le prestazioni lavorative.

Nonostante le difficoltà, diventare genitore può migliorare la produttività accademica. Aumento significativo delle pubblicazioni e dei riconoscimenti accademici sono vantaggi evidenti di questo equilibrio tra vita professionale e familiare.

Benefici dell’Essere Genitori

La scarsità di tempo può essere un’opportunità per i genitori. Mentre alcuni ritengono che i genitori abbiano meno disponibilità per la ricerca, la realtà dimostra che la gestione efficace del tempo porta a una maggiore produttività e successo accademico.

Massima concentrazione e alta velocità

Mi sono abituata a gestire il mio tempo in maniera efficiente, scrivendo e-mail, documenti e bozze di borse di studio con estrema concentrazione e rapidità. Definire le priorità in tempi ristretti ha affinato il mio acume scientifico e il processo decisionale.

Un esempio di resilienza

Un chiaro esempio di questa resilienza è stato quando ho dovuto preparare una testimonianza per l’Audizione della commissione del Senato degli Stati Uniti sul diabete di tipo 2 in soli quattro giorni. Nonostante impegni familiari e lo stress, ho completato il compito con successo in un solo giorno lavorativo.

Scelte imposte dalla vita familiare

Essere genitore mi ha insegnato a gestire meglio le scadenze e a lasciar andare il perfezionismo per aumentare la produttività. La presenza di impegni non negoziabili mi ha aiutato a trovare un equilibrio tra vita lavorativa e familiare.

Una prospettiva arricchita

Essere madre mi ha regalato una nuova prospettiva nel campo della nutrizione, sfidandomi a far accettare ai miei figli cibi sani. Queste esperienze mi hanno spinto ad includere il punto di vista delle famiglie nel mio progetto di ricerca sulla riduzione degli sprechi alimentari.

Creazione di reti genitoriali

Essere genitore mi ha permesso di creare legami significativi con colleghi genitori, condividendo esperienze e supportandoci reciprocamente nel lavoro e nella genitorialità. La connessione con una community online ha arricchito ulteriormente la mia rete di contatti.

Essere mamme accademiche: solidarietà e supporto

Le mamme accademiche si sostengono a vicenda in un gruppo che offre consigli preziosi sulla gestione della vita accademica, inclusi aspetti come la ricerca di lavoro in coppia, la nomina di incarichi e la revisione di sovvenzioni. Si tratta di una rete di supporto unica e importante.

Networking e condivisione nell’ambiente accademico

La genitorialità porta vantaggi tangibili anche nella collaborazione scientifica. Condividendo esperienze sui figli, si instaura un legame più profondo tra colleghi, facilitando la collaborazione su progetti scientifici e creando un ambiente più empatico e solidale.

Intelligenza emotiva e insegnamento

Essere genitori ha arricchito le capacità di insegnamento di molti accademici. L’esperienza con i figli si traduce in una maggiore empatia e capacità di coinvolgimento degli studenti. Raccontare storie personali in classe rende l’insegnamento più vicino e coinvolgente.

Il ruolo di mentore e figura di supporto

Essere genitori migliora anche la capacità di essere mentori empatici. Aiutare gli studenti genitori a conciliare studio e vita familiare è una sfida che, grazie all’esperienza personale, molti accademici sono in grado di affrontare in modo più efficace.

Sfide e pregiudizi da superare

Pur con tutti i vantaggi, essere genitori accademici comporta anche sfide e pregiudizi nel mondo scientifico. È importante parlare apertamente di tali questioni per combattere i pregiudizi, garantendo un ambiente di lavoro più equo e inclusivo per tutti.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Le proteste per la guerra tra Israele e Hamas hanno fatto a pezzi le università americane: quale sarà il prossimo passo?

Le proteste e la divisione nelle università americane Le recenti proteste legate

cosa significa per l’intelligenza artificiale il boom dei chatbot cinesi

Il boom dei chatbot cinesi e l’intelligenza artificiale Con la crescente competizione