domenica 16 Giugno 2024

Fluido cerebrale sondato mediante ultrasuoni utilizzando cubi morbidi

6 giorni ago

Monitoraggio non invasivo del glucosio

Il monitoraggio continuo del glucosio è essenziale per gestire efficacemente il diabete e ridurre i suoi effetti debilitanti. Tuttavia, la progettazione di sensori impiantabili ha presentato diverse sfide nel corso degli anni a causa della risposta immunitaria del corpo.

La sfida dei sensori impiantabili

I sensori impiantabili sono spesso soggetti alla formazione di un guscio fibroso intorno al dispositivo, compromettendo le prestazioni del sensore e la precisione delle misurazioni. Questo fenomeno è principalmente dovuto alla rigidità dei componenti elettronici rispetto ai tessuti circostanti.

Una soluzione innovativa

Una recente ricerca pubblicata su Natura propone un metodo intelligente per superare questo problema. L’idea è quella di utilizzare un materiale morbido e biocompatibile per posizionare i componenti più rigidi sulla superficie della pelle, evitando così la formazione del guscio fibroso attorno al sensore.

Ultrasuoni per monitorare il fluido cerebrale

Un’altra innovazione nel campo della medicina riguarda l’utilizzo degli ultrasuoni per monitorare il fluido cerebrale. Questa tecnica, che impiega cubi morbidi anziché dispositivi rigidi, offre un metodo non invasivo e più confortevole per l’analisi del liquido cerebrospinale.

Conclusioni

Le recenti scoperte nel monitoraggio del glucosio e nell’analisi del fluido cerebrale pongono le basi per un’evoluzione significativa nella gestione delle malattie croniche. L’innovazione continua a guidare la ricerca medica verso soluzioni sempre più precise e non invasive.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

L’esoscheletro robotico si adatta a chi lo indossa attraverso un addestramento simulato

Addestrare un esoscheletro robotico: una nuova strategia innovativa Uno studio recente propone

I ribosomi inaspettatamente al chiaro di luna come attivatori dell’enzima angiogenina

Ribosomi e Angiogenina: una Relazione Inaspettata Uno studio pubblicato su Natura il