domenica 19 Maggio 2024

Gli astronomi scoprono la coppia di buchi neri più pesanti dell’universo, intrappolati in un duello senza fine da 3 miliardi di anni

3 mesi ago

La scoperta della coppia di buchi neri più massicci dell’universo

Un gruppo di astronomi ha individuato una coppia di buchi neri supermassicci che pesa l’equivalente di 28 miliardi di soli, rendendoli la coppia più massiccia mai osservata. La loro incredibile massa impedisce loro di fondersi, intrappolandoli in un’orbita eterna.

Un duello cosmico senza fine

Questi due buchi neri supermassicci si trovano a soli 24 anni luce di distanza nella galassia “fossile” B2 0402+379. Nonostante la loro prossimità, i buchi neri continuano a orbitarsi da circa 3 miliardi di anni, in una danza cosmica che potrebbe o meno culminare in una collisione spettacolare.

Le particolarità del sistema binario

I ricercatori hanno osservato che la galassia centrale che ospita i buchi neri è stata ripulita da materiale sufficiente a farli fondere rapidamente, risultando nel blocco dell’orbita. Gli astronomi restano incerti sul destino di questa coppia stellare, ma sottolineano l’eccezionalità della scoperta.

La nascita dei buchi neri

I buchi neri si formano dal collasso di stelle giganti e si nutrono di materia circostante. Tuttavia, l’origine dei primi buchi neri rimane un enigma. Simulazioni dell'”alba cosmica” suggeriscono che possano derivare da masse stellari massicce che collassano rapidamente.

L’evoluzione dei buchi neri nell’universo

L’ipotesi degli astronomi suggerisce che i buchi neri all’interno di galassie nane si siano uniti formando buchi neri più grandi e supermassicci. Questo processo ha contribuito alla formazione di galassie più imponenti nel corso dell’evoluzione cosmica.

La tecnica di osservazione dei buchi neri

Utilizzando il telescopio Gemini North alle Hawaii e il suo spettrografo GMOS, gli scienziati hanno analizzato la luce proveniente dalle stelle orbitanti intorno ai buchi neri, conducendoli alla scoperta della coppia stellare in B2 0402+379.

Un’analisi rivoluzionaria

Questa ricerca apre nuove prospettive sull’evoluzione e l’interazione dei buchi neri nell’universo. Gli astronomi continuano a investigare per comprendere appieno i processi che regolano queste meraviglie cosmiche e il loro impatto sull’universo circostante.

La scoperta dei buchi neri all’interno delle galassie

La sensibilità del GMOS ha permesso di mappare le velocità crescenti delle stelle mentre ci si avvicina al centro della galassia, consentendo di dedurre la massa totale dei buchi neri presenti.

La danza dei buchi neri all’interno delle galassie in fusione

Si ipotizza che i buchi neri all’interno delle galassie in fusione si combinino in una sorta di danza orbitale, accelerando le stelle vicine fino a fondersi mentre le loro piroette generano onde gravitazionali.

Il mistero della fusione dei buchi neri di B2 0402+379

Nonostante la teoria, la fusione dei buchi neri di B2 0402+379 è bloccata da 3 miliardi di anni, poiché sono così massicci che nulla è stato in grado di rallentarli. Gli scienziati sono intrigati da questo fenomeno insolito.

Le prospettive future sullo studio dei buchi neri supermassicci

Il principale autore dello studio, Tirth Surti, studente di fisica a Stanford, si dice ansioso di approfondire le indagini sul nucleo di B2 0402+379 per esaminare la presenza di gas. Questo potrebbe fornire ulteriori informazioni sulla possibilità di fusione dei buchi neri supermassicci.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.