martedì 21 Maggio 2024

Gli attacchi informatici devastano la fatturazione dell’assistenza sanitaria

3 mesi ago

Attacchi informatici devastanti nel settore sanitario

Una catena di assistenza in Ohio rischia di non poter pagare l’affitto a causa di un attacco informatico, mentre un centro oncologico in Florida lotta per procurarsi fondi per i farmaci chemioterapici. Un medico in Pennsylvania è costretto a utilizzare risparmi personali per sopravvivere.

La crisi di liquidità nel settore sanitario è dovuta a un attacco due settimane fa al sistema di fatturazione e pagamento gestito da Change Healthcare, paralizzando numerosi fornitori. Questa interruzione ha impedito ai fornitori di ottenere approvazioni assicurative e di essere pagati per i servizi.

Pressioni sul governo per aiuti finanziari

L’impatto dell’attacco ha spinto legislatori, dirigenti ospedalieri e gruppi di pazienti a chiedere aiuti al governo degli Stati Uniti. Il Dipartimento della sanità e dei servizi umani ha annunciato misure per alleviare la pressione finanziaria sui fornitori, principalmente ospedali e medici che ricevono rimborsi Medicare.

Il Dipartimento permetterà pagamenti accelerati a fornitori Medicare e ha esortato gli assicuratori sanitari ad eliminare le autorizzazioni preventive che ostacolano i trattamenti. È stata raccomandata anche l’anticipazione dei finanziamenti per i piani Medicare privati.

Sforzi del governo per garantire continuità

Il Dipartimento della sanità sta cercando di coordinare gli sforzi per evitare interruzioni dovute alla chiusura di Change Healthcare. Il settore ospedaliero critica la risposta del governo, definendola inadeguata.

L’acquisizione di Change Healthcare da parte di UnitedHealth Group ha sollevato preoccupazioni circa la centralizzazione nel settore sanitario. L’azienda non ha ancora comunicato una data per il ripristino della rete critica.

Per garantire l’accesso alle cure, United sta cercando soluzioni alternative fino al ripristino del sistema elettronico.

Attacco informatico a Change Healthcare

United ha effettuato un pagamento di 22 milioni di dollari a presunti hacker, confermando la vulnerabilità dei dati dei pazienti. Le implicazioni dell’attacco hanno evidenziato la fragilità delle reti sanitarie.

Improvvisi ritardi nei pagamenti

L’interruzione delle operazioni di Change ha creato ritardi nei pagamenti assicurativi ai fornitori, causando difficoltà alle farmacie nel rifornire i farmaci e accumuli di richieste non pagate. La fragilità del sistema sanitario è emersa chiaramente.

Difficoltà per le farmacie e soluzioni alternative

Dopo l’attacco, molte farmacie hanno avuto difficoltà a verificare le coperture assicurative, impedendo ai pazienti di ricevere farmaci. Tuttavia, sono state trovate soluzioni alternative per superare gli ostacoli.

Conseguenze finanziarie per i fornitori di cure sanitarie

A causa dei ritardi nei pagamenti, medici, ospedali e altri fornitori stanno affrontando difficoltà economiche. La mancanza di flussi di entrate costanti sta creando problemi finanziari per i fornitori di cure sanitarie.

Impegno economico degli operatori sanitari

Operatori come Arlington Urgent Care hanno subito perdite finanziarie considerevoli. La catena ha accumulato 650.000 dollari di rimborsi assicurativi non pagati e sta cercando soluzioni finanziarie per far fronte alle spese, incluso l’uso di risparmi personali.

Situazione critica per il settore sanitario americano

La signora Fulton, in merito all’attacco informatico a Change, esprime preoccupazione per la mancanza di una soluzione definitiva, contrapponendolo addirittura alla pandemia.

L’appello dell’industria ospedaliera

Secondo l’industria ospedaliera, l’attacco informatico è stato il più grave nella storia degli Stati Uniti, suscitando l’appello per finanziamenti d’emergenza.

Il presidente del gruppo commerciale critica aspramente i tentativi finora compiuti e il programma di prestiti proposto.

Reazioni e critiche al programma di prestito

Alcuni operatori sanitari ricevono offerte di prestiti palesemente inadeguati, causando frustrazioni e mancanza di comunicazione con le assicurazioni.

Alcuni istituti, come il Florida Cancer Specialists, si trovano costretti a ricorrere a soluzioni alternative per fronteggiare le carenze finanziarie.

Difficoltà e strategie di sopravvivenza

Alcuni medici, come la dottoressa Meyer, si trovano costretti a razionare le risorse e a inviare manualmente richieste di risarcimento per garantire la continuità delle cure.

La situazione critica costringe i professionisti a valutare tagli alle spese e a cercare strategie per garantire la sopravvivenza dei propri studi medici.

Problemi nell’assistenza finanziaria temporanea di Optum

Il programma di assistenza finanziaria temporanea di Optum ha suscitato preoccupazioni per le somme assegnate rispetto alle richieste totali. La dottoressa Meyer ha dichiarato di aver ricevuto solo 4.000 dollari su richieste mensili che solitamente superano il mezzo milione di dollari.

La situazione è stata ulteriormente complicata dall’avviso di dover restituire l’importo nel momento in cui il problema sarà risolto, aggiungendo frustrazione agli operatori sanitari.

Pressioni sull’industria ospedaliera

I funzionari e i legislatori di Medicare sono stati sollecitati dall’industria ospedaliera a intervenire per affrontare la situazione. Il senatore Chuck Schumer ha inviato una lettera urgente ai funzionari sanitari federali chiedendo pagamenti accelerati per aiutare gli ospedali a mantenere i servizi mentre si risolvono i problemi.

La persistenza dell’interruzione mette a rischio l’erogazione dei servizi sanitari completi ai pazienti, ha sottolineato il senatore Schumer.

Reazioni all’annuncio dell’HHS

Il senatore Schumer si è detto soddisfatto dell’annuncio dell’HHS che prevede flussi finanziari ai fornitori per fronteggiare la crisi causata dall’attacco informatico. Ha sottolineato l’importanza di garantire stabilità finanziaria ai fornitori per assicurare la continuità nell’assistenza ai pazienti.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.