Gli esseri umani possono sopportare il tormento psicologico di Marte?

3 mesi ago

E l’aspetto psicologico della missione? La monotonia? La solitudine?

“Sono innanzitutto una persona che si occupa di hardware”, ha detto McCauley. Lei è, per la precisione, un’ingegnere di sistemi di propulsione solida. Ha la particolarità di essere il membro della nostra specie che è stato maggiormente responsabile di determinare il metodo migliore per catapultare l’umanità su Marte. Per fare ciò, doveva sapere quanto peso potrà trasportare un’astronave. McCauley poteva stimare, con precisione al milligrammo, la massa di ogni dado e bullone, di ogni deflettore antivortice e di ogni porta della stiva di carico. Ma quante tortillas di mais e pacchetti di yogurt consumeranno quattro astronauti, sotto pressione psicologica, in 378 giorni? Quella domanda, o una sua versione, era ciò di cui McCauley aveva bisogno di una risposta. Aveva anche bisogno di sapere di quanti vestiti avrebbero avuto bisogno. I vestiti sono pesanti.

Mattia, l’isolamento storico, non fu sorpreso di apprendere che le questioni psicologiche erano una considerazione secondaria per la NASA. Ma il suo scetticismo nei confronti della CHAPEA andava oltre. Mathias si è chiesto se qualche fondamento logico sperimentale potesse giustificare un altro studio di isolamento. “Mi chiedo se il valore scientifico di questi esperimenti di simulazione non sia rilevante”, ha detto. Gli esperimenti, invece, gli sembravano “un modo per volere la colonizzazione di Marte. Una forma di realizzazione di desideri – o cosplay, per dirla in modo meno poetico. Si tratta di soddisfare un bisogno. Sembra che ci sia una compulsione a continuare a ripetere queste false missioni su Marte finché non le facciamo davvero. C’è qualcosa di molto bello in questa idea, ma allo stesso tempo anche di molto macabro.”

Gli esperimenti analogici riflettono la promessa utopica del nostro futuro marziano. Perché una missione umana su Marte non è la massima ambizione del programma spaziale. È solo l’inizio, un piccolo passo per l’umanità prima del gigantesco balzo della colonizzazione planetaria.

Cinque mesi prima della richiesta di candidatura da parte della CHAPEA, Dennis Bushnell, allora capo scienziato del Langley Research Center della NASA e veterano della NASA da quasi 60 anni, pubblicò “Futures of Deep Space Exploration, Commercialization and Colonization: The Frontiers of the Responsibly Imaginable”. La colonizzazione marziana è sempre stata immaginabile, soprattutto per questa nazione di colonizzatori. Ma nel suo articolo Bushnell ha osservato che negli ultimi anni la prospettiva “è passata da estremamente difficile a sempre più fattibile”. La colonizzazione è diventata anche sempre più desiderabile, a causa di “problemi sociali forse esistenziali, tra cui il cambiamento climatico, il crollo dell’ecosistema, le macchine che sottraggono posti di lavoro, ecc.” – l’eccetera forse riflette l’ovvietà del declino planetario.

Un aspetto più sorprendente del documento è la previsione di Bushnell su come verrà superata l’ostilità fisica di Marte: i coloni “si trasformeranno in una specie alterata”. Cita proiezioni che suggeriscono che “i viaggiatori che colonizzano Marte, nel tempo, a causa della ridotta esposizione alle radiazioni, si evolveranno in marziani”. La promessa finale della missione su Marte della NASA è la possibilità di ricominciare da capo, se non esattamente come esseri umani, almeno come marziani.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.