Gli scienziati individuano la probabile origine della balbuzie nel cervello

2 settimane ago

Scoperta la possibile origine cerebrale della balbuzie

Gli scienziati hanno individuato una rete cerebrale legata alla balbuzie mediante scansioni cerebrali. La balbuzie potrebbe essere causata dall’interruzione di una specifica rete neurale che collega tre importanti regioni cerebrali: l’amigdala, il putamen e la corteccia.

Dettagli dello studio e pubblicazione

I risultati dell’imaging cerebrale sono stati pubblicati su un articolo scientifico il 27 maggio sulla rivista “Cervello”. Questa scoperta potrebbe aprire le porte allo sviluppo di trattamenti mirati per la balbuzie.

Possibili nuove terapie

Il Dottor Juho Joutsa, autore dello studio e professore di neurologia presso l’Università di Turku, ha sottolineato che comprenderne le cause potrebbe portare a trattamenti innovativi, come la stimolazione cerebrale. Quest’ultima consiste nell’applicazione di impulsi elettrici mirati al cervello.

Ricerca di nuove alternative terapeutiche

La balbuzie è un disturbo del linguaggio che colpisce circa l’1% degli adulti e tra il 5% e il 10% dei bambini. Questa condizione comporta la ripetizione o il prolungamento involontario di suoni, sillabe e parole durante la conversazione, oltre a blocchi nel linguaggio.

Prospettive future sulla balbuzie

Questo studio potrebbe portare a un rafforzamento delle conoscenze in merito alla balbuzie e aprirà la strada a nuove strategie terapeutiche. La ricerca continua a cercare soluzioni innovative per migliorare la qualità di vita delle persone affette da questo disturbo del linguaggio.

Difficoltà nella Comunicazione da Balbuzie

Le persone che balbettano possono incontrare difficoltà nella comunicazione, portando a possibili problematiche di ansia sociale.

Tipologie di Balbuzie

Esistono due tipi principali di balbuzie: quella evolutiva che spesso si risolve prima dei 18 anni, e la forma acquisita che può manifestarsi dopo lesioni cerebrali come un ictus o malattie come il Parkinson.

Trattamenti Attuali

Attualmente, la balbuzie viene trattata principalmente con la logoterapia. Tuttavia, i benefici di questo trattamento non sempre perdurano nel tempo, e al momento non esistono farmaci efficaci per la sua cura.

Origine Cerebrale della Balbuzie

Fino ad oggi, non si è individuato il punto preciso nel cervello da cui origina la balbuzie, limitando così le possibilità di trovare terapie più efficaci e mirate per questa condizione.

Una rete cerebrale comune alla base della balbuzie

Uno studio condotto da Joutsa e colleghi ha analizzato casi di ictus di persone che hanno sviluppato balbuzie. Hanno individuato una rete cerebrale comune collegata alla balbuzie, indipendentemente dall’origine.

Esperimenti confermano i risultati

Utilizzando la risonanza magnetica, il team ha confermato il modello trovato. Questa rete cerebrale sembra essere responsabile della balbuzie sia post-ictus che nello sviluppo.

Correlazione tra gravità della balbuzie e struttura cerebrale

L’analisi della materia grigia ha rivelato che la gravità dei sintomi è legata alla struttura cerebrale. I pazienti più colpiti mostravano un volume di materia grigia maggiore nella stessa rete riscontrata nei casi post-ictus.

Possibili implicazioni per il trattamento

La scoperta di una rete cerebrale comune potrebbe aprire nuove prospettive terapeutiche. La stimolazione cerebrale, già utilizzata in diverse condizioni neurologiche, potrebbe rappresentare una via di trattamento per la balbuzie.

Prospettive future e approfondimenti

Le nuove scoperte potrebbero orientare la scelta dei trattamenti per i pazienti affetti da balbuzie. Tuttavia, per tradurre queste scoperte in terapie efficaci potrebbero essere necessari anni di ulteriori studi e sviluppi.

Curiosità sul funzionamento del corpo umano

Se hai domande sul corpo umano o su altri argomenti, inviale a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Potresti vedere la risposta pubblicata sul sito!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.