domenica 19 Maggio 2024

Gli scienziati rivelano anticorpi rari che prendono di mira il “lato oscuro” del virus dell’influenza

2 mesi ago

Anticorpi che aprono nuove prospettive nella lotta contro il virus dell’influenza

Gli scienziati hanno individuato anticorpi che mirano al “lato oscuro” del virus dell’influenza, rivelando potenziali nuove frontiere nella sua battaglia.

Obiettivo: il lato oscuro della neuraminidasi

La neuraminidasi (NA), una proteina a forma di fungo presente nei virus influenzali, è stata oggetto di uno studio approfondito. Gli anticorpi che la attaccano potrebbero diventare la base per nuovi farmaci antivirali e vaccini efficaci.

Una nuova prospettiva

Attualmente, i vaccini si concentrano sull’emoagglutinina (HA), la proteina che consente ai virus di infettare le cellule umane. Al contrario, la NA muta meno frequentemente e appare simile nei diversi ceppi del virus.

Impatto sulla ricerca

L’NA aiuta i virus influenzali nel loro ciclo di infezione, favorendo la loro diffusione. Alcuni farmaci antivirali, come il Tamiflu, agiscono inibendo la NA. Tuttavia, le mutazioni possono rendere i virus resistenti a tali trattamenti.

Scoperta rivoluzionaria

In uno studio, sono stati identificati sei anticorpi che si legano al lato oscuro della NA nel sangue di persone colpite dal virus H3N2. Questi risultati potrebbero aprire nuove strade nella lotta contro l’influenza.

Anticorpi: efficaci contro diversi virus influenzali

Gli anticorpi hanno dimostrato di rallentare la replicazione di virus H3N2 e di essere efficaci anche contro il ceppo H2N2 dell’influenza A.

Prospettive positive per la prevenzione e il trattamento

Esperimenti condotti su topi hanno dimostrato che gli anticorpi possono salvare da una dose letale di virus H3N2, suggerendo potenziali utilizzi nella prevenzione e nel trattamento dell’influenza.

La protezione offerta dagli anticorpi è stata evidente sia somministrati preventivamente che dopo l’infezione, e sono risultati efficaci anche contro ceppi influenzali resistenti ai farmaci.

Scoperte grazie alla microscopia elettronica criogenica

I ricercatori hanno utilizzato la microscopia elettronica criogenica per comprendere meglio il funzionamento degli anticorpi, individuando che questi prendono di mira diverse parti del virus in cui non si sovrappongono.

Implicazioni per lo sviluppo di farmaci e vaccini

Le scoperte suggeriscono che molteplici caratteristiche del virus potrebbero essere bersaglio di futuri farmaci o vaccini, aprendo la strada alla possibilità di colpire più regioni contemporaneamente.

Gli autori dello studio affermano che ciò potrebbe aiutare nello sviluppo di contromisure efficaci contro i virus influenzali in continua evoluzione.

Invito alla partecipazione e alle domande sulla salute

La ricerca continua conduce a progressi significativi nella lotta contro le malattie infettive. La collaborazione e la curiosità sono fondamentali per scoperte future. Invia le tue domande sulla salute

a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q” e potresti vedere la risposta alla tua domanda sul sito web!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.