domenica 16 Giugno 2024

I fiumi dell’Alaska stanno diventando arancione brillante e acidi come l’aceto poiché i metalli tossici fuoriescono dallo scioglimento del permafrost

3 settimane ago

La minaccia degli “Arancioni” fiumi dell’Alaska

Decine di fiumi in Alaska presentano un’allarmante tonalità arancione a causa del rilascio di metalli tossici dovuto allo scioglimento del permafrost. Questa contaminazione, visibile persino dallo spazio, potrebbe aggravarsi nel tempo, secondo uno studio recente.

Un’analisi preoccupante

Uno studio pubblicato su Comunicazioni Terra e Ambiente ha identificato almeno 75 fiumi arancioni nella catena montuosa Brooks in Alaska. La maggior parte è stata individuata durante ricognizioni in elicottero condotte dagli studiosi.

Le parole degli esperti

Jon O’Donnell, ecologista dell’Arctic Inventory and Monitoring Network del National Park Service, ha dichiarato di aver notato fiumi dall’aspetto simile a “succo d’arancia lattiginoso”. L’analisi chimica ha rivelato la presenza di zinco, nichel, rame, cadmio e ferro come responsabili del colore arancione.

Origine della contaminazione

Lo scioglimento del permafrost, dovuto al cambiamento climatico, svolge un ruolo chiave nell’aumento dei livelli di metalli nei fiumi. Questo fenomeno potrebbe avere conseguenze devastanti sull’habitat acquatico e sulla pesca, rappresentando una minaccia per la biodiversità.

Implicazioni sulle specie ittiche statunitensi

La contaminazione dei fiumi in Alaska potrebbe causare serie ripercussioni sulla deposizione delle uova dei pesci, con effetti a catena sulla pesca nazionale. Le elevate concentrazioni di metalli tossici stanno mettendo a rischio l’ecosistema acquatico e la biodiversità.

Ricerca rivela fiumi arancioni: il mistero svelato

I ricercatori, dopo aver scoperto fiumi arancioni tramite immagini satellitari, si sono posti interrogativi sul rilascio di metalli. Uno studio del 2018 ha evidenziato cambiamenti significativi in fiumi che una volta erano cristallini.

Studio approfondito e timori futuri

Il team pianifica ulteriori test per valutare l’entità del problema. Temperature record e scioglimento del permafrost potrebbero aumentare il rilascio di metalli, con possibili effetti negativi nel lungo periodo. Si teme un ciclo di feedback positivo che peggiorerebbe la situazione.

Conseguenze preoccupanti della perdita del permafrost

Oltre alla contaminazione da metalli, la perdita del permafrost potrebbe portare al rilascio di gas serra, materiali radioattivi e virus dormienti, potenzialmente innescando nuove pandemie. Le implicazioni di lungo termine richiedono interventi tempestivi e strategie di gestione adeguate.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.