martedì 21 Maggio 2024

I lettori discutono di trattamenti per il colesterolo e di intelligenza artificiale

2 mesi ago

Trattamenti per il colesterolo e intelligenza artificiale: le ultime discussioni dei lettori

Abbassarsi (versione del colesterolo)

Un trattamento genetico sperimentale chiamato VERVE-101 potrebbe essere la soluzione per abbassare il colesterolo nelle persone con ipercolesterolemia, come riportato da Meghan Rosen su “L’editing di base può abbassare il colesterolo”.

I ricercatori stanno attualmente testando quale dosaggio di VERVE-101 sia più efficace, poiché una dose troppo bassa potrebbe comprometterne l’efficacia.

La dose influisce sull’effetto del trattamento poiché determina se abbastanza VERVE-101 arriva al fegato per svolgere il suo compito di disattivare il gene responsabile dell’ipercolesterolemia.

Un’eventuale seconda infusione del farmaco potrebbe essere considerata se i livelli di colesterolo rimangono alti dopo il primo trattamento.

Gli sviluppatori preferiscono attenersi a una dose efficace per garantire il successo del trattamento nell’abbassare il colesterolo.

Alcuni lettori si domandano se VERVE-101 possa avere effetti sulle cellule germinali, ma al momento, gli studi su topi indicano che il farmaco agisce principalmente sul fegato senza influire sulla linea germinale.

Etichetta AI

Per garantire migliori prestazioni, gli scienziati stanno esaminando come le persone riescano a ingannare i chatbot di intelligenza artificiale inducendoli a risposte inadeguate.

I chatbot con intelligenza artificiale come ChatGPT sono addestrati su modelli linguistici di grandi dimensioni, prevalentemente in inglese.

Sebbene siano disponibili modelli linguistici per altre lingue, attualmente la maggior parte dei dati di addestramento è in inglese, limitando le capacità dei chatbot in altre lingue.

Un lettore si è chiesto se un aumento della potenza di calcolo potrebbe proteggere i robot dagli inganni. Tuttavia, il problema ambientale legato al consumo energetico per tali calcoli è critico e non può essere trascurato.

Sebbene una maggiore potenza di calcolo possa agevolare l’implementazione di misure di sicurezza, l’impatto ambientale e le emissioni di gas serra correlati sono da considerare con attenzione.

L’equilibrio tra le necessità di sicurezza nell’utilizzo dei chatbot e l’impatto sull’ambiente è una questione cruciale che richiede un approccio responsabile e ponderato.

Gli studi e le indagini condotti sui chatbot evidenziano l’importanza di proteggere questi strumenti AI da possibili abusi e manipolazioni, affrontando le sfide etiche e tecniche che ne derivano.

Filtraggio delle risposte nelle chatbot: efficacia e limitazioni

Il lettore Mike Specner si chiede se filtrare le risposte alle domande nei chatbot potrebbe risultare più semplice. Alcuni filtri sono già utilizzati, come spiegato da Conover. Ad esempio, l’intelligenza artificiale di Bing tende a interrompere le risposte se si addentra in argomenti proibiti. Tuttavia, tali filtri generali potrebbero essere eccessivamente ampi e rischiare di compromettere l’esperienza dell’utente, filtrando anche risposte innocue insieme a quelle pericolose.

Conover sottolinea inoltre che un utente malintenzionato potrebbe conoscere il funzionamento dei filtri e trovare modi per aggirarli, mettendo in discussione l’efficacia del sistema di filtraggio.

Correzioni in un articolo recente

Nell’articolo, Elizabeth Samuels dell’UCLA è stata erroneamente descritta come epidemiologa e medico di medicina d’urgenza, quando in realtà è un medico specializzato in medicina d’urgenza e delle dipendenze. Inoltre, si è affermato erroneamente che Edward Krumpotich ha contribuito a scrivere la legislazione del 2023 in Minnesota per il finanziamento di un centro di prevenzione dell’overdose, mentre in realtà ha solo sostenuto la legislazione, senza partecipare alla sua stesura.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.