venerdì 24 Maggio 2024

I primi strumenti di pietra conosciuti in Europa risalgono a 1,4 milioni di anni fa. E non sono stati realizzati dagli esseri umani moderni.

3 mesi ago

La scoperta degli antichi strumenti di pietra in Europa

Recenti studi hanno rivelato che gli strumenti di pietra rinvenuti in Ucraina, risalenti a 1,4 milioni di anni fa, potrebbero essere la prova più antica della presenza umana in Europa, ma non furono realizzati dagli esseri umani moderni. La scoperta è avvenuta nel sito archeologico di Korolevo, nell’Ucraina occidentale.

Un mistero archeologico da risolvere

Gli strumenti di pietra trovati a Korolevo sono attribuiti agli ominidi, un gruppo che comprende sia gli esseri umani moderni che specie estinte strettamente imparentate. Tuttavia, la specie specifica che ha creato questi manufatti rimane sconosciuta. Altre specie umane migrarono in Europa molto prima dell’arrivo degli esseri umani moderni, dimostrando una complessa storia evolutiva nel continente.

Analisi dei reperti e scoperte significative

Gli strumenti di pietra di Korolevo sono stati realizzati con la tecnica Oldowan, la forma più primitiva di utensili umani, simili a quelli trovati in altri siti archeologici in Africa, Europa e Asia. L’analisi dei reperti è stata possibile grazie a tecniche avanzate di datazione che hanno permesso di risalire con precisione alla loro età e al periodo in cui sono stati sepolti.

Metodi di datazione innovativi

La datazione cosmogenica dei nuclidi sepoli è stata una delle tecniche utilizzate nello studio per determinare l’età esatta degli strumenti. Questo metodo si basa sull’analisi degli isotopi radioattivi creati dai raggi cosmici che interagiscono con le rocce esposte in superficie. Attraverso questa metodologia, i ricercatori hanno potuto stabilire con precisione il momento della sepoltura dei reperti di Korolevo.

Scoperti antichi strumenti in pietra

Recentemente sono stati scoperti a Korolevo, in Ucraina, degli strumenti in pietra che risalgono a 1,4 milioni di anni fa, rendendoli i più antichi conosciuti in Europa.

Esplorazioni archeologiche nelle colline ucraine

Un team di ricercatori ha esplorato l’area tra le colline Gostry Verkh e Beyvar in Ucraina alla ricerca di reperti archeologici di grande importanza storica.

Studio condotto da Roman Garba

Roman Garba è l’autore principale dello studio condotto a Korolevo I, il quale ha portato alla luce importanti reperti archeologici nell’area, aiutando a comprendere meglio la storia antica della regione.

I primi ominidi in Europa: una scoperta stupefacente a Korolevo

Gli scienziati hanno individuato a Korolevo alcuni primi strumenti di pietra che potrebbero risalire a 1,4 milioni di anni fa, segnando così le prime tracce di ominidi in Europa.

Importanza della scoperta

Il sito potrebbe fornire nuove prospettive sulla migrazione umana antica in Europa, secondo Toshiyuki Fujioka, un esperto di datazione dei nuclidi cosmogenici.

Presenza di Neanderthal e Denisovani

Pur essendo troppo antichi per essere collegati agli esseri umani moderni, gli strumenti potrebbero essere stati creati da Neanderthal o Denisovani, antiche specie umane estinte.

Korolevo: avamposto dell’Uomo in piedi

Il sito di Korolevo rappresenta uno dei punti più settentrionali in cui sono state trovate tracce dell’Uomo in piedi, un antico antenato umano apparso in Africa circa 2 milioni di anni fa.

Colonizzazione da est a ovest: una nuova prospettiva

Le scoperte a Korolevo suggeriscono che la colonizzazione dell’Europa dagli ominini possa essere avvenuta da est a ovest, con prove che indicano una migrazione iniziata in Asia verso l’Europa.

Jansen spiega che l’età degli strumenti di pietra a Korolevo avvalora l’ipotesi di una colonizzazione dell’Europa da est, confermando una teoria a lungo discussa.

Una possibile rotta per gli ominini dall’Ucraina verso ovest potrebbe essere stata attraverso il bacino pannonico nell’Europa centrale sudorientale, aprendo nuove prospettive sulla storia umana antica.

La ricerca sulla migrazione umana

Secondo i ricercatori, quasi un milione di anni fa gli esseri umani hanno rischiato l’estinzione. Tuttavia, questa teoria si basa su pochi siti in Spagna, Francia e Ucraina.

Parole dell’esperto

Richard Roberts, direttore del Centro di eccellenza per la biodiversità e il patrimonio australiano, ha sottolineato che la storia della migrazione umana potrebbe essere completamente ridefinita con nuove scoperte in Europa occidentale.

Immagine dal passato

Le immagini della spedizione paleolitica in Transcarpazia negli anni ’80 forniscono un’interessante prospettiva sulle attività archeologiche del tempo.

Esplorazione degli antichi insediamenti umani: nuove scoperte a Korolevo

Recenti scoperte archeologiche a Korolevo, in Ucraina, hanno rivelato manufatti umani risalenti a oltre un milione di anni fa, gettando nuova luce sulle prime migrazioni umane in Europa. L’archeologo e coordinatore dello studio, James Roberts, ha definito questa scoperta come un’importante aggiunta alla nostra comprensione dell’evoluzione umana.

Commenti degli esperti

Michele Petraglia, direttore del Centro di ricerca australiano per l’evoluzione umana presso la Griffith University, ha sottolineato l’importanza di queste scoperte nel contesto dell’adattabilità comportamentale degli ominidi. Secondo Petraglia, le prove di Korolevo indicano una maggiore flessibilità nei comportamenti di adattamento degli antichi ominidi rispetto a quanto precedentemente ipotizzato.

Periodi caldi e migrazioni umane

Le scoperte a Korolevo risalgono a periodi interglaciali, quando i ghiacciai si ritirarono, permettendo agli antichi esseri umani di esplorare nuovi territori. Questi reperti, sepolti durante periodi climatici tra i più caldi degli ultimi milioni di anni, forniscono importanti indizi sulle prime migrazioni umane in Europa.

Pubblicazione sui risultati

La ricerca condotta dagli scienziati è stata dettagliata sulla rivista “Natura” il 6 marzo, evidenziando l’importanza di siti archeologici ben datati come Korolevo nel contribuire alla nostra comprensione delle antiche popolazioni umane e dei loro spostamenti.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.