martedì 21 Maggio 2024

I vermi di Chernobyl sembrano non essere influenzati dalle radiazioni del peggior disastro nucleare del mondo

2 mesi ago

I vermi di Chernobyl: resilienza senza precedenti alle radiazioni

Un gruppo di vermi nella zona di esclusione di Chernobyl (CEZ) in Ucraina si sta dimostrando sorprendentemente resilienti nonostante siano esposti a livelli elevati di radiazioni. Gli scienziati ritengono che lo studio di questa resilienza possa offrire utili spunti per la ricerca sul cancro negli esseri umani.

Il team di ricercatori ha prelevato e analizzato piccoli vermi microscopici della specie Cipolla di Oscheius nella zona di esclusione di Chernobyl. Nonostante le generazioni di animali siano stati esposte alle radiazioni nel corso del tempo, i vermi sembrano non subire danni ai loro genomi, come evidenziato da uno studio pubblicato su PNAS.

La resilienza dei vermi: un mistero da studiare

Secondo l’autore principale dello studio, Sophia Tintori, il disastro di Chernobyl ha avuto effetti devastanti sulle popolazioni locali e la resilienza dei vermi potrebbe offrire importanti spunti di riflessione. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno le implicazioni di questa scoperta.

La resistenza dei vermi di Chernobyl alle radiazioni

Gli scienziati hanno sequenziato i genomi di vermi esposti a diversi livelli di radiazioni nella zona di esclusione di Chernobyl e confrontato i risultati con quelli di vermi provenienti da altre parti del mondo. I vermi di Chernobyl sembrano essere particolarmente resistenti alle radiazioni, contrariamente ad altri animali studiati.

Studio sulla riproduzione e risposta al danno del DNA

I ricercatori hanno testato la capacità riparativa dei vermi esponendoli a sostanze chimiche dannose per il DNA. L’esito di questi test potrebbe fornire ulteriori indicazioni sulla straordinaria resistenza di questi vermi alle condizioni estreme presenti a Chernobyl.

La resistenza dei vermi di Chernobyl alle radiazioni: uno studio scientifico

Uno studio condotto sulla resistenza dei vermi di Chernobyl ha rivelato interessanti scoperte sulla capacità di resistenza al danno del DNA.

Variazioni tra i lignaggi dei vermi

I lignaggi esaminati mostravano variazioni nella capacità di resistere alla mutazione del DNA, senza relazioni evidenti con i livelli di radiazioni a cui erano stati esposti i loro antenati.

La tolleranza alle radiazioni non dipende dall’ambiente

Contrariamente a quanto potrebbe pensarsi, lo studio suggerisce che la tolleranza dei vermi alle radiazioni non è determinata dall’ambiente radioattivo in cui vivono.

Fattori sconosciuti influiscono sulla resistenza al danno del DNA

Altri fattori, non ancora identificati, potrebbero essere alla base della diversa resistenza dei vermi al danno del DNA. Questi punti verranno approfonditi per comprendere meglio la questione.

Prospettive future dello studio

Gli autori dello studio intendono esplorare quali siano i fattori che determinano la resistenza e se ciò possa fornire informazioni utili per comprendere la suscettibilità alle malattie, come il cancro, nelle persone.

Utilizzo dei ceppi per la ricerca

La conoscenza dei ceppi di vermi più sensibili o tolleranti al danno del DNA potrà essere sfruttata per studiare l’incidenza di patologie legate all’esposizione a agenti cancerogeni.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.