mercoledì 22 Maggio 2024

Il caso contro l’ora legale, da un neurologo ed esperto del sonno

2 mesi ago

Il Rischio per la Salute Legato all’Ora Legale

Nel periodo precedente al passaggio all’ora legale, molti americani si preparano a spostare le lancette dell’orologio avanti di un’ora. Tuttavia, questo cambiamento annuale è motivo di disagio per molti, con una forte spinta verso la sua eliminazione permanente.

Il Desiderio di Eliminare i Cambi dell’Ora

Una considerabile percentuale di americanideve attendere in maniera positiva il cambio dell’ora due volte l’anno. Tuttavia, la maggior parte tende a preferire l’eliminazione totale di questo rituale, soprattutto alla luce degli evidenti effetti negativi sulla salute che si possono verificare.

Gli Effetti Dannosi sulla Salute

Recenti studi hanno dimostrato come il “salto in avanti” dell’ora legale possa avere serie conseguenze sulla salute, tra cui un aumento di infarti e problemi di sonno, soprattutto tra gli adolescenti. Questi effetti negativi non si riscontrano nel passaggio all’ora solare.

Le Conclusioni di uno Studio Accademico

Un esperto nel campo della neurologia e della pediatria, dopo oltre cinque anni di studio sui cambiamenti legati all’ora legale, ha chiarito che il passaggio all’ora legale porta a un impatto significativo sulla salute per mesi dopo il cambio. È quindi fondamentale considerare attentamente se mantenersi sull’ora legale sia davvero la scelta migliore per la salute pubblica.

Perché il nostro organismo reagisce all’ora legale

Gli americani sono divisi su quale fuso orario preferire, se l’ora legale o l’ora solare permanente. Tuttavia, sempre più Stati sostengono l’adozione dell’ora standard in via definitiva.

Le differenze tra ora solare e ora legale

Le transizioni tra ora solare e ora legale non sono uguali. Durante l’ora solare, la luce naturale si allinea meglio con i ritmi circadiani, mentre durante l’ora legale la luce naturale arriva un’ora più tardi al mattino e alla sera.

L’importanza della luce del mattino

La luce del mattino svolge un ruolo cruciale nel regolare i ritmi circadiani e nell’influenzare l’umore, migliorando la vigilanza e alleviando sintomi come il disturbo affettivo stagionale.

La luce del mattino potrebbe influenzare il rilascio di cortisolo, che regola la risposta allo stress, o stimolare l’amigdala, coinvolta nelle emozioni.

Effetti sul sonno degli adolescenti

Gli adolescenti possono soffrire di privazione del sonno a causa degli impegni scolastici e sociali. L’inizio delle attività all’alba durante l’ora legale può compromettere il loro benessere e l’apprendimento.

Appello per l’adozione dell’ora standard

Esistono prove concrete a sostegno dell’implementazione dell’ora standard in via permanente a livello nazionale. Questa posizione è stata sostenuta anche in un’udienza al Congresso nel marzo 2022.

La fine dell’ora legale: una tendenza globale

Recenti presi di posizione da parte di diverse istituzioni, come la Società di ricerca sul sonno e l’American Medical Association, hanno sollevato il dibattito sull’abolizione dell’ora legale. In Messico, l’adozione dell’ora solare permanente è stata motivata da benefici per la salute, la produttività e il risparmio energetico.

I benefici e i drawback dell’ora legale

Sebbene fornisca un’ora in più di luce nel tardo pomeriggio o sera, l’esposizione prolungata alla luce serale durante l’ora legale può interferire con il ciclo sonno-veglia. Il ritardo nel rilascio di melatonina causato da questa esposizione può portare a disturbi del sonno e a una minore qualità complessiva del riposo.

Inoltre, sia l’adolescenza che la geografia possono influenzare la percezione dell’ora legale. Gli adolescenti, a causa di cambiamenti nella melatonina, sono particolarmente sensibili agli effetti negativi della luce prolungata serale. Inoltre, lo studio evidenzia che le persone che vivono all’estremità occidentale di un fuso orario possono risentire maggiormente degli effetti dell’ora legale rispetto ad altre.

L’importanza della regolazione del sonno

Gli esperti sottolineano l’importanza di regolare il ritmo sonno-veglia, specialmente durante la fase della pubertà. Il costante dibattito sull’abolizione dell’ora legale sottolinea la necessità di considerare attentamente gli impatti sulla salute, il benessere e le abitudini di sonno della popolazione.

Effetti negativi del cambio dell’ora legale sul sonno e sulla salute

Uno studio ha evidenziato che i residenti sul confine orientale di un fuso orario dormono meno al mattino e alla sera, rispetto a quelli sul confine occidentale.

Gli abitanti dell’estremità occidentale mostrano tassi più alti di obesità, diabete e malattie cardiache, oltre a redditi pro capite inferiori e costi sanitari più elevati.

Conseguenze del disallineamento circadiano sulla salute

Scienziati collegano questi problemi di salute a una privazione cronica del sonno e al “disallineamento circadiano”, ossia il mismatch tra ritmi biologici e l’orologio sociale.

Il disallineamento circadiano può portare a serie conseguenze sulla salute, includendo un aumento dei rischi di cancro al seno e di altri tipi di tumori.

Storia e impatto dell’ora legale

L’ora legale è stata istituita durante le guerre mondiali e la crisi energetica degli anni ’70, con l’obiettivo di risparmiare energia grazie a una maggiore luce naturale nel tardo pomeriggio.

Tuttavia, l’opinione pubblica sull’ora legale tutto l’anno è notevolmente diminuita, passando dal 79% al 42% a causa di preoccupazioni sulla sicurezza dei bambini che camminano al buio per andare a scuola.

Imprecisioni nell’effettivo risparmio energetico

Contrariamente alle aspettative iniziali, studi hanno dimostrato che l’effettivo risparmio energetico derivante dall’ora legale è stato molto limitato e persino incoerente.

Le variazioni nelle esigenze di riscaldamento in inverno e di aria condizionata in estate hanno vanificato gli presunti benefici energetici.

Regolamentazioni dell’ora legale negli Stati Uniti

Dopo la seconda guerra mondiale, il Congresso ha approvato la Legge sull’orario uniforme nel 1966 per stabilire date nazionali per l’ora legale, fissandole dall’ultima domenica di aprile all’ultima domenica di ottobre.

Nel 2007, l’orario è stato ulteriormente regolamentato per garantire uniformità a livello nazionale.

Dalle modifiche del Congresso alla pratica dell’ora legale

Una modifica legislativa del Congresso ha esteso il periodo dell’ora legale negli Stati Uniti dalla seconda domenica di marzo alla prima domenica di novembre, mantenendo tali date in vigore attualmente. Tuttavia, gli stati e territori hanno il diritto di scegliere se adottare o meno l’ora legale.

Un cambiamento nel panorama temporale

A partire da marzo 2024, 17 stati hanno approvato leggi per adottare l’ora legale tutto l’anno, ma devono attendere l’azione del Congresso e in alcuni casi anche degli Stati confinanti. Un numero maggiore di stati ha presentato legislazioni per modificare l’ora nel 2023, senza ottenere l’approvazione.

La proposta di rendere permanente l’ora legale

Nel marzo 2022, il Senato degli Stati Uniti ha votato a favore del Sunshine Protection Act per rendere l’ora legale permanente. Tuttavia, la Camera non ha portato avanti questa legislazione. Il senatore Marco Rubio della Florida ha reintrodottto il disegno di legge nel 2023, senza successo.

Il dibattito sulla fine del cambio dell’ora

L’aumento dell’attività legislativa negli Stati Uniti riflette una crescente consapevolezza dei risvolti negativi legati al cambio dell’ora. I legislatori sono chiamati a decidere se porre fine al cambio biennale e mantenere un’unica impostazione oraria per tutto l’anno oppure prolungare artificialmente l’ora legale per gran parte dell’anno.

Questo articolo è stato adattato da La Conversazione e è concesso in licenza Creative Commons. Per ulteriori dettagli, consulta l’articolo originale qui.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.