domenica 16 Giugno 2024

Il primo cavallo scolpito al mondo: la statuetta in avorio di 35.000 anni della grotta di Vogelherd

2 settimane ago

Scoperta della statuetta in avorio

La statua a forma di cavallo, chiamata Cavallo Vogelherd, è considerata la più antica scultura di cavallo realizzata da esseri umani anatomicamente moderni. Scolpita nell’avorio di mammut, è ricca di dettagli che includono una bocca, narici, occhi e criniera.

Dettagli della scoperta

La statuetta è stata ritrovata nella Grotta Vogelherd nel sud della Germania e risale a circa 32.000-35.000 anni fa, durante il Paleolitico superiore. Si tratta di una testimonianza straordinaria delle antiche abilità artistiche e dell’immaginazione dell’uomo primitivo.

Testimonianze del passato

La Grotta Vogelherd era frequentata dagli Aurignaziani, popolazioni del Paleolitico superiore vissute tra 43.000 e 35.000 anni fa. Gli archeologi ipotizzano che questi gruppi forse coesistessero con i Neanderthal in Europa, come dimostrano i reperti rinvenuti.

Le abilità dei cacciatori-raccoglitori

Gli Aurignaziani erano noti per le loro abilità di cacciatori-raccoglitori, come dimostrato dai numerosi strumenti di pietra ritrovati nella grotta insieme alla statuetta. L’arte rupestre, gli strumenti e i manufatti ritrovati rappresentano un patrimonio culturale straordinario.

Significato e importanza

La scoperta della statuetta in avorio della Grotta Vogelherd ci offre uno spaccato della vita e delle abilità degli antichi uomini del Paleolitico superiore. Questo reperto archeologico straordinario ci permette di apprezzare l’arte e la creatività delle antiche civiltà umane.

Scoperte nella Grotta di Vogelherd: Caccia e Arte nell’Aurignaziano

Un recente studio condotto dai ricercatori della Società di Paleoantropologia ha analizzato ossa di animali datate circa 32.000 anni fa nella grotta di Vogelherd. Le analisi hanno rivelato la presenza predominante di resti di renne (Scherma Rangifer) e cavalli selvatici, suggerendo che i gruppi aurignaziani cacciassero e consumassero questi animali.

Alimentazione e Creazioni Artistiche

Questa scoperta non solo suggerisce le abitudini di caccia dei gruppi umani del periodo aurignaziano, ma anche evidenzia la pratica artistica di creare opere che rappresentavano le prede selvatiche. Lo studio pubblicato sul Giornale dell’Evoluzione Umana fornisce importanti dettagli su questo aspetto della cultura preistorica.

Implicazioni per la Comprensione dell’Uomo Primitivo

Le prove di caccia e di arte rinvenute nella grotta di Vogelherd gettano nuova luce sulla vita e sulle abitudini degli antichi abitanti di questa regione. Questi reperti archeologici offrono importanti spunti per comprendere meglio l’evoluzione umana e la cultura del Paleolitico superiore.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.