domenica 19 Maggio 2024

Il ruolo dimenticato di Kurt Gödel nella storia della bomba atomica

3 mesi ago

Il ruolo di Kurt Gödel nella storia della bomba atomica

La pellicola Oppenheimer, uscita nel 2023, mette in luce la figura del fisico J. Robert Oppenheimer e il Progetto Manhattan per la bomba atomica. Tuttavia, la storia ha dei vuoti: il progetto fu avviato prima di Oppenheimer, da Leo Szilard, che coinvolse anche Kurt Gödel in modo inaspettato.

Un agente segreto inatteso

Il fisico viennese Hans Thirring tentò di coinvolgere Albert Einstein per avvertire Franklin D. Roosevelt sul rischio della bomba atomica in mano ad Hitler. Questo tentativo coinvolse anche Gödel in un ruolo sorprendente, suscitando paralleli con un film di Alfred Hitchcock.

Circolo di Vienna: l’inizio della carriera di Gödel

Definito da Einstein come “il più grande logico dai tempi di Aristotele”, Gödel iniziò gli studi in fisica all’Università di Vienna. L’influenza di Hans Thirring e del Circolo di Vienna lo spinse verso la matematica, culminando nel suo epocale “teorema di incompletezza” a soli 25 anni.

Invitato all’Institute for Advanced Study di Princeton, Gödel si distinse per la sua teoria degli insiemi e l’ipotesi del continuo. Tuttavia, tormentato da problemi mentali, alternava tra seminari, istituti di ricerca e cliniche psichiatriche.

Un genio tumultuoso

Il lavoro di Gödel sulla teoria degli insiemi, incluso l’ipotesi del continuo, lo rese noto come un genio tumultuoso. Oltre alla matematica, Gödel si interessava anche di parapsicologia e meccanica quantistica, temi affascinanti per lui e per il suo ex professore di fisica.

Lo scienziato dissidente

Thirring, noto per la sua inventiva e il suo spirito critico, era in contatto con i positivisti del Circolo di Vienna, ma nonostante ciò manteneva un vivo interesse per il paranormale. La sua resistenza al nazismo gli costò la cattedra nel 1938.

Il risveglio alle minacce nucleari

Nel 1939, Thirring, preoccupato per le rivelazioni sulla fissione nucleare, cercò di avvertire gli Stati Uniti. Decise di usare Gödel come messaggero segreto per contattare Einstein e lanciare l’allarme sulla bomba nucleare di Hitler.

Un piano ostacolato

Nonostante il piano ben concepito, la partenza di Gödel per gli Stati Uniti fu ritardata da complicazioni burocratiche. La sua cittadinanza tedesca e la burocrazia nazista resero difficile il viaggio, compromettendo il piano di Thirring.

Le sfide di Gödel

Gödel perse il suo incarico accademico e il suo status di professore sotto il regime nazista. Le restrizioni imposte dai nazisti e le complicazioni burocratiche resero il suo viaggio negli Stati Uniti estremamente difficile, minacciando la sua fuga dal Reich.

Le pressioni burocratiche

I nazisti sospettavano di Gödel e la burocrazia lo tormentava con richieste insensate riguardanti il suo status di ariano e il conto in banca. La confusione e l’incertezza nei documenti rallentarono ulteriormente il suo viaggio e destarono l’attenzione delle autorità.

Una fuga verso la libertà

Gödel e sua moglie, impossibilitati a lasciare Vienna, si trovarono in cerca di un nuovo alloggio e in balia delle richieste della Wehrmacht. Questa situazione gli avrebbe procurato incubi negli anni a venire.

Volo pericoloso

Grazie all’intervento di John von Neumann e altri, Gödel riuscì a ottenere i visti per gli Stati Uniti nel 1940. La traversata dell’Atlantico era rischiosa, quindi optò per un percorso attraverso Siberia e Pacifico.

Il viaggio fu cruciale e pieno di ostacoli, dalla necessità di timbri fino alle pericolose frontiere russe e ai controlli dei bagagli. Arrivare a Mosca fu un’impresa difficile, in un periodo segnato dalle purghe e dagli allarmi spia.

Un lungo viaggio verso la libertà

Dopo un viaggio travagliato via treno attraverso la Siberia, Gödel e sua moglie affrontarono ulteriori difficoltà a Yokohama per raggiungere San Francisco. Persero una nave, ma alla fine salparono verso la libertà e una nuova vita.

Dopo una tappa alle Hawaii, finalmente raggiunsero la California, lasciandosi alle spalle le avversità del viaggio e guardando al futuro con speranza.

Il fallimento di Gödel nel trasmettere l’avvertimento di Thirring a Einstein

Al culmine della sua missione, Gödel si trovò davanti alla porta di casa di Einstein, pronto a consegnare un messaggio cruciale. Nonostante fosse attraversato ostacoli e viaggiato per mesi, fallì. Incontrando Einstein, trascurò di trasmettere l’avvertimento, limitandosi a salutare da Thirring. La bizzarra scusa fu che riteneva una reazione nucleare a catena possibile solo in un futuro lontano.

Eredità perduta

Thirring, sopravvissuto al Terzo Reich e oppositore dell’armamento nucleare, resta un enigma. Il figlio Walter Thirring, fisico teorico, rivelò che suo padre si sentiva a disagio per il ruolo immaginato nel progetto della bomba atomica. Solo poco prima della morte nel 1972, apprese che il suo messaggio non aveva raggiunto lo scopo.

Gödel si rivelò un disastro come agente segreto, mentre lo spettro della bomba atomica di Hitler si dimostrò meno minaccioso di quanto si pensasse.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

La progettazione di edifici ispirati alle lucertole potrebbe salvare vite umane

La progettazione di edifici ispirati alle lucertole La progettazione di edifici ispirati

Un farmaco sperimentale contro l’obesità ha una doppia azione per ridurre il peso

Un farmaco innovativo per combattere l’obesità Un nuovo farmaco sperimentale contro l’obesità