Il telescopio James Webb vede la “nascita” di 3 delle prime galassie dell’universo nelle prime osservazioni del mondo

4 settimane ago

Il telescopio James Webb e le prime galassie dell’universo

Per la prima volta, il Telescopio Spaziale James Webb potrebbe aver individuato alcune delle prime galassie conosciute durante la loro nascita.

Una scoperta rivoluzionaria

Uno studio recente ha rivelato la presenza di tre galassie neonate che emergono da una nube primordiale di idrogeno ed elio, appena 400-600 milioni di anni dopo il Big Bang.

Apertura su un’era misteriosa

Questa scoperta potrebbe gettare nuova luce sull’era della reionizzazione, quando le prime galassie iniziarono a perforare le dense nubi di gas circostanti, svelando l’universo trasparente che conosciamo oggi.

Un’opportunità senza precedenti

Le galassie individuate sono come “isole scintillanti in un mare di gas neutro e opaco”, secondo Kasper Heintz, assistente professore di astrofisica presso il Cosmic Dawn Center dell’Università di Copenaghen.

Incredibili rivelazioni attraverso l’osservazione

Attraverso lo studio di 12 galassie primordiali conosciute, gli astronomi hanno potuto risalire a non più di 600 milioni di anni dopo il Big Bang, quando l’universo aveva solo il 3% della sua età attuale.

Segnali luminosi dal passato

Osservando gli spettri luminosi delle antiche galassie, i ricercatori hanno individuato che la luce di tre di esse veniva assorbita da grandi quantità di gas idrogeno neutro.

La scoperta di formazioni stellari primordiali

Recenti studi condotti con il telescopio spaziale James Webb, hanno rivelato un’importante scoperta riguardante la formazione delle prime stelle nell’universo. Gli scienziati hanno individuato il processo di assemblaggio di idrogeno gassoso neutro nelle galassie, un fenomeno cruciale per la nascita delle stelle.

Il passaggio dai secoli bui cosmici alla reionizzazione

Si è scoperto che la formazione stellare ha giocato un ruolo fondamentale nell’uscita dell’universo dai cosiddetti “secoli bui cosmici” e nell’avvio dell’era della reionizzazione. Le stelle emerse dalle dense nubi di gas primordiali, ionizzando l’idrogeno circostante e trasformando lo spazio da opaco a trasparente.

Un’osservazione rivoluzionaria

Questo studio rappresenta la prima volta in cui gli astronomi hanno potuto osservare direttamente la nascita dei primi sistemi stellari nell’universo. I risultati ottenuti con JWST potrebbero portare a risposte cruciali riguardanti la natura delle antiche nubi di gas e il processo di illuminazione delle prime galassie.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.