domenica 16 Giugno 2024

Il veleno del cobra uccide facendo collassare i vasi sanguigni, mostra l’organo su chip

2 settimane ago

Studio su come il veleno del cobra colpisce i vasi sanguigni tramite organo su chip

Gli scienziati hanno sviluppato un microscopico “vaso sanguigno su chip” per analizzare gli effetti letali del veleno di serpente e per creare nuovi antiveleni. Il modello in 3D simula vasi con cellule endoteliali e matrice extracellulare, mostrando il flusso sanguigno.

Esplorazione dei danni dei veleni sui vasi sanguigni

Questo innovativo chip è parte di una serie di modelli di organi progettati per replicare sistemi corporei e testare farmaci. Gli scienziati hanno esaminato diversi veleni di serpenti per comprendere i danni che provocano ai vasi sanguigni. Lo studio è stato pubblicato su “Rapporti scientifici”.

Ricostruzione 3D di un vaso sanguigno attaccato dal veleno del serpente.
Questa ricostruzione 3D mostra uno dei vasi sanguigni replica attaccato dal veleno e collassato. (Credito immagine: Mátyás Bittenbinder)

Esposizione del chip a quattro veleni di serpente velenosi

Il chip è stato testato con veleni provenienti da quattro specie di serpenti altamente velenosi. Questi serpenti fanno parte delle famiglie dei cobra e delle vipere, noti per la pericolosità del loro veleno. Tecniche di imaging apposite hanno rivelato come i veleni danneggino le cellule endoteliali e le matrici extracellulari.

Studiando il passaggio del veleno attraverso il chip, i ricercatori hanno individuato come alcuni veleni colpiscono direttamente le membrane delle cellule, mentre altri separano le cellule dalle loro matrici, causando il collasso dei vasi sanguigni.

Matthias Bittenbinder: la ricerca scientifica sul trattamento dei morsi di serpente

Matthias Bittenbinder, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Università Vrije di Amsterdam e il Naturalis Biodiversity Centre nei Paesi Bassi, ha recentemente condiviso importanti scoperte sul trattamento dei morsi di serpente.

Chip sperimentale per il trattamento dei morsi di serpente

Il team di ricerca guidato da Bittenbinder ha sviluppato un innovativo chip sperimentale che potrebbe rivoluzionare il trattamento dei morsi di serpente, offrendo alternative più sicure e efficaci rispetto agli studi tradizionali condotti su topi.

Questo chip, che incorpora cellule umane reali, consente di testare più veleni di serpente in laboratorio, aprendo la strada a nuove modalità di trattamento.

L’importanza della ricerca sui veleni di serpente

Con oltre 600 specie di serpenti velenosi noti per il loro pericolo, comprendere il funzionamento dei veleni e sviluppare antidoti efficaci è cruciale per salvare vite umane.

Le conseguenze di un morso di serpente possono essere devastanti, con danni irreversibili all’organismo e potenziali disabilità permanenti se non trattati tempestivamente con l’antiveleno.

Statistiche sui morsi di serpente nel mondo

La gravità dei morsi di serpente è evidenziata dalle statistiche che suggeriscono che tra 1,8 e 2,7 milioni di persone subiscono morsi velenosi ogni anno, con decine di migliaia di morti e disabilità permanenti come esito.

Il trattamento con antiveleno rimane l’opzione più efficace, rafforzando la risposta immunitaria umana contro il veleno e contrastandone gli effetti dannosi.

Scoperta di nuovi antiveleni: una svolta nella lotta contro i morsi di serpente

La ricerca ha portato alla scoperta di nuovi tipi di antiveleni, che potrebbero rivoluzionare il trattamento dei morsi di serpente. Gli antiveleni attuali, sebbene utili, possono presentare limitazioni, come la mancanza di efficacia e il rischio di reazioni allergiche.

Un antiveleno universale in fase di sviluppo

Alcuni scienziati stanno lavorando per sviluppare un antiveleno universale, che potrebbe essere la chiave per una maggiore efficacia e sicurezza nel trattamento dei morsi di serpente. Questa nuova prospettiva potrebbe migliorare notevolmente le cure di emergenza in caso di avvelenamento.

Innovazione tecnologica per lo sviluppo degli antiveleni

Un nuovo strumento tecnologico, il vaso sanguigno su chip, potrebbe rivoluzionare il processo di sperimentazione degli antiveleni. Questo dispositivo ridurrebbe la dipendenza dagli esperimenti sugli animali, contribuendo a mettere a punto nuove terapie in modo più rapido ed etico.

Curiosità sul corpo umano: invia le tue domande!

Se hai domande su come funziona il corpo umano, inviale a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Potresti vedere la tua domanda pubblicata sul sito e ricevere risposte approfondite dai nostri esperti. Scrivici e scopri di più sul meraviglioso mondo del corpo umano!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.