mercoledì 22 Maggio 2024

Informazioni riguardanti Xolair e le intolleranze alimentari

3 mesi ago

Recentemente, la Food and Drug Administration ha dato il via libera a un medicinale che diminuisce il pericolo di gravi reazioni in individui di tutte le età esposti a tracce di arachidi, frutta secca, latticini e altri allergeni comuni. Questa decisione potrebbe significativamente migliorare la qualità della vita per chi si trova ad affrontare tali rischi. I risultati degli studi clinici a supporto di questa scelta sono stati resi noti in una pubblicazione domenicale.

Pur non costituendo una terapia per le intolleranze alimentari, il farmaco Xolair fornisce una nuova forma di difesa per individui a rischio di reazioni gravi a cibi comuni e soprattutto per coloro che sono intolleranti a diversi alimenti, benché sia necessario osservare con attenzione le istruzioni d’uso.

Assolutamente no. Xolair non rappresenta una cura per le intolleranze alimentari né è indicato per trattare reazioni acute. Chi assume Xolair deve comunque continuare a evitare i cibi ai quali è intollerante.

Ciò nonostante, Xolair riesce a ridurre notevolmente la possibilità che individui con gravi intolleranze alimentari sviluppino reazioni avverse in caso di ingestione di piccole quantità di allergeni, come arachidi o uova presenti in cibi elaborati, o in caso di esposizione a tracce di essi in diverse circostanze.

Per beneficiare appieno della protezione offerta da Xolair, è necessario assumerlo in modo costante. Tuttavia, va tenuto presente che tale farmaco non elimina completamente il rischio associato.

Xolair è un anticorpo artificiale che agisce legandosi all’immunoglobulina E, un elemento del sistema immunitario, impedendo ad essa di attivare le cellule immunitarie centrali nel processo di scatenamento delle reazioni allergiche.

Xolair si rivela efficace nel prevenire reazioni allergiche gravi, specialmente quelle mediata dall’immunoglobulina E. Risulta particolarmente vantaggioso per coloro che soffrono di intolleranze a vari cibi e devono evitarli costantemente, una situazione non facile, e per chi consuma molti cibi preparati da altri (ad esempio studenti universitari con regimi alimentari specifici).

Il suo impiego è consentito per adulti e bambini dai 12 mesi in su. (I neonati non sono stati inclusi nello studio clinico.)

Xolair riduce il rischio di gravi reazioni a specifici alimenti, pur senza eliminarlo del tutto. Le persone interessate devono pertanto rimanere vigili e continuare ad evitare i cibi a cui sono allergiche, leggere attentamente le etichette alimentari e informare gli altri delle proprie intolleranze. Inoltre, esse o chi le assiste devono sempre avere con sé adrenalina, un medicinale in grado di contrastare i sintomi dell’anafilassi.

Un aspetto negativo di questo farmaco è la sua somministrazione tramite iniezione, generalmentenel braccio. Le somministrazioni vengono eseguite ogni due o quattro settimane, con periodi di dosaggio personalizzati in base al paziente.%7D

Dopo 16-20 settimane di terapia, i partecipanti allo studio clinico hanno manifestato un miglioramento. Tuttavia, la protezione contro gravi reazioni sembra durare solo durante il mantenimento del trattamento.

Nonostante il recente rilevamento dell’efficacia del farmaco nel ridurre i rischi di reazioni allergiche a cibo, è stato commercializzato per 20 anni per altre indicazioni, inclusi l’asma allergico e l’orticaria cronica. Quindi il suo profilo di sicurezza è ampiamente conosciuto.

Tra gli effetti collaterali più comuni riportati nello studio più recente vi sono reazioni nel sito di somministrazione e febbre. In casi isolati, il farmaco stesso potrebbe scatenare una pericolosa anafilassi: la FDA ha confermato la possibilità di tale reazione dopo la prima dose di Xolair o anche un anno dopo l’inizio del trattamento.%7D

Per questo motivo, Xolair va iniettato in un contesto sanitario predisposto al trattamento delle reazioni anafilattiche. L’etichetta avverte inoltre su rari effetti avversi come dolori articolari, eruzioni cutanee e infezioni da parassiti.

Da quando, nel 2003, è stato impiegato per altre condizioni patologiche e il National Institutes of Health ha supportato il nuovo studio, Xolair ha mantenuto un prezzo di listino elevato: circa 2.900 dollari mensili per i bambini con allergie alimentari e circa 5.000 dollari per gli adulti, come dichiarato da Genentech, il produttore.

Tuttavia, ora che è stato approvato per il trattamento delle allergie alimentari gravi, si prevede che le assicurazioni sanitari ne coprano almeno una parte. Programmi di assistenza ai pazienti sono disponibili tramite Genentech Access Solutions.%7D

Per coloro che risultano idonei e sono coperti da un’assicurazione sanitaria commerciale, Genentech offre anche il Programma di Copertura Spese per Xolair per contribuire a coprire i costi del trattamento.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.