domenica 19 Maggio 2024

Johnson dà ai sostenitori ucraini della Camera GOP spazio per elaborare un piano mentre aumenta la pressione per il voto in sala

3 mesi ago

Johnson e il piano per gli aiuti all’Ucraina

Il presidente Mike Johnson sta aprendo spazio alla Camera GOP per elaborare un nuovo piano di aiuti all’Ucraina, mentre cresce la pressione per un voto in Aula.

Una nuova proposta alla Camera

Nonostante abbia bloccato il pacchetto di aiuti bipartisan del Senato, Johnson sta sostenendo l’emergere di una nuova proposta alla Camera per gli aiuti esteri, includendo restrizioni al confine con il Messico.

Il ruolo di Michael McCaul

McCaul della Camera degli Affari Esteri sta guidando gli sforzi per finalizzare una proposta bipartisan e creare consenso entro marzo o aprile.

L’incertezza di Johnson

Johnson non si è ancora espresso sul piano ma potrebbe metterlo in discussione a metà marzo una volta concluso il processo legislativo sui finanziamenti governativi.

La divisione repubblicana

Passare la legislazione alla Camera sarà difficile dato il divario tra i repubblicani sull’Ucraina, il potenziale intervento di Trump e la necessità di sostegno democratico.

Russi vs Ucraina: l’azione necessaria

Con la Russia che prende terreno in Ucraina, i sostenitori chiedono un’azione immediata. Fitzpatrick prevede di avviare un processo per forzare un voto, noto come petizione di discarico, come ultima risorsa.

L’appello a Johnson per un’azione rapida

Molto deliberato, Johnson è coinvolto in una strategia emergente per affrontare la situazione in corso. McCaul ha dichiarato che un supplemento al processo è in fase di elaborazione.

Il supporto dei repubblicani a McCaul

McCaul ha informato i repubblicani sul piano emergente, sottolineando che Johnson è aperto alla loro proposta. Lawler afferma che ottenere il sostegno per l’Ucraina è essenziale per la conferenza.

L’importanza di risolvere le questioni

Lawler, un deputato repubblicano di New York, ha sottolineato l’importanza di risolvere i problemi anziché minacciare di revocare l’oratore. Concentrarsi sulla risoluzione dei conflitti è l’obiettivo principale.

Approfondimento fotografico

Per dare uno sguardo più approfondito alla situazione, consultare l’immagine relativa alla crisi in Ucraina e agli esercizi militari in corso a Kharkiv.

Pressioni su Johnson per gli aiuti all’Ucraina

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha esortato Johnson a consentire un voto sulla proposta di aiuti da 95 miliardi di dollari per Ucraina, Israele e Taiwan, sottolineando l’importanza di un’azione tempestiva.

Opposizione interna e esterna

Johnson ha ricevuto critiche internazionali e da parte dei democratici per il ritardo nell’approvare gli aiuti all’Ucraina, alimentando accuse di appoggio indiretto a Putin. Allo stesso tempo, alcuni esponenti repubblicani come Marjorie Taylor Greene hanno avvertito Johnson di non approvare ulteriori finanziamenti per l’Ucraina.

Divisioni all’interno del partito

Le divergenze all’interno del Partito Repubblicano riguardo agli aiuti all’Ucraina sono evidenti. Mentre alcuni come Bob Good sostengono che qualsiasi pacchetto di aiuti debba essere bilanciato con tagli alla spesa e non legato ad altri paesi, c’è chi come Fitzpatrick e McCaul adotta un approccio diverso.

Ritardi e contrasti interni al GOP

Il tentativo di approvare maggiori aiuti all’Ucraina è stato rallentato da dispute interne al Partito Repubblicano. Inizialmente, si è posta la condizione di adottare misure di sicurezza alle frontiere prima di dare il via libera agli aiuti, creando ulteriori ritardi.

Un percorso incerto

La situazione sul tema degli aiuti all’Ucraina rimane delicata, con Johnson e il Partito Repubblicano divisi su come procedere. Le pressioni interne ed esterne continuano a mettere in discussione la posizione del leader repubblicano sulle questioni internazionali.

Sfida su aiuti esteri e confini

Dopo che il Senato ha abbandonato l’accordo sui confini nonostante l’opposizione di Johnson e ha approvato un pacchetto di aiuti da 95 miliardi di dollari, McConnell ha dichiarato che il GOP della Camera desidera agire.

Disaccordo sulla tempistica

McConnell ha sottolineato l’importanza di agire rapidamente per evitare ulteriori ritardi, affermando che la Camera dovrebbe accettare il disegno di legge del Senato e approvarlo.

Voci contrastanti

Johnson ha respinto il piano del Senato per il silenzio sui confini ma ha manifestato apertura verso misure sviluppate dalla Camera, generando incertezza sulla direzione da seguire.

Sfide e priorità su finanziamenti governativi

Johnson ha dichiarato che la Camera sta esaminando le opzioni disponibili e che si concentrerà sui finanziamenti governativi prima di affrontare altre priorità politiche in agenda.

Ridistribuzione fondi di aiuti esteri

Il piano di aiuti esteri proposto includerebbe 66 miliardi di dollari in aiuti militari a Ucraina, Israele e Taiwan, con la revisione della componente umanitaria criticata da alcuni democratici.

Politiche sull’immigrazione

Il piano prevederebbe il controllo operativo dei confini prima di consentire l’ingresso di immigrati senza documenti. I migranti dovrebbero attendere in Messico o nel loro paese di origine la decisione sulle richieste di ingresso negli Stati Uniti (politica del “remain in Mexico”).

Modifiche al disegno di legge sulla crisi in Ucraina

Il deputato McCaul ha recentemente dichiarato che il gruppo sta considerando ulteriori modifiche al disegno di legge, tra cui il possibile sequestro dei beni russi negli Stati Uniti per trasferirli in Ucraina, conosciuto come REPO Act. Inoltre, si sta valutando la trasformazione di parte degli aiuti in un prestito statunitense, idea proposta da Trump.

Diffidenza riguardo a una petizione di discarico

Interpellato sulla firma di una petizione di discarico per forzare una votazione, McCaul ha espresso scetticismo. Ha sottolineato che sarebbe considerata come estrema risorsa e potrebbe mettere a disagio molti repubblicani, in quanto usurperebbe il potere decisionale.

Opposizioni e condizioni sui aiuti internazionali

Le proposte potrebbero non convincere i democratici, contrari alle restrizioni sull’immigrazione e alla carenza di aiuti umanitari. Inoltre, alcuni progressisti vogliono imporre condizioni sugli aiuti a Israele in relazione alla crisi umanitaria a Gaza, posizione fortemente respinta dai repubblicani.

Equilibrio delicato per un compromesso bipartisan

Il deputato Fitzpatrick, pur favorevole ad aggiungere aiuti umanitari, ha avvertito che apportare troppe modifiche potrebbe compromettere il delicato equilibrio del compromesso bipartisan. Ogni modifica potrebbe infatti influenzare il numero di voti favorevoli.

Polemiche e posizioni contrastanti

Alcuni critici hanno espresso riserve sugli aiuti all’Ucraina, sostenendo che, nonostante le critiche, potrebbero alla fine ricevere l’approvazione. Il deputato Chip Roy del Freedom Caucus ha addirittura dichiarato che Johnson non dovrebbe sostenere il piano bipartisan.

Influenze e dinamiche politiche

In merito alle decisioni politiche sul tema, Roy del Texas ha manifestato dubbio sulla posizione di Johnson. Ha sottolineato come, tradizionalmente, i sostenitori di un intervento difensivo solitamente ottengano ciò che desiderano, evidenziando le dinamiche di potere a Washington.

Melanie Zanona, Lauren Fox, Sam Fossum e Morgan Rimmer della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.