La deestinzione dei mammut lanosi è sempre più vicina dopo la scoperta delle cellule staminali di elefante

2 mesi ago

Una svolta nella deestinzione: le cellule staminali di elefante

La società di de-estinzione Colossal Biosciences annuncia una svolta nel campo delle cellule staminali degli elefanti, aprendo la strada alla possibile deestinzione dei mammut lanosi estinti.

Cellule staminali pluripotenti indotte da elefanti asiatici

Il team di Woolly Mammoth di Colossal ha ottenuto con successo le cellule staminali pluripotenti indotte da elefanti asiatici. Queste cellule potrebbero consentire ai ricercatori di studiare le differenze genetiche e di adattamento dei mammut lanosi, senza danneggiare animali vivi.

Importanza delle innovazioni delle iPSC

Le iPSC rappresentano un vantaggio significativo per il lavoro di de-estinzione. Consentono di esplorare i processi genetici che hanno permesso ai mammut lanosi di prosperare nell’Artico, come le caratteristiche fisiche distintive.

Sfide e soluzioni nella ricerca

Derivare le iPSC dagli elefanti è stato un compito impegnativo a causa del loro complesso percorso genetico. I ricercatori hanno superato queste difficoltà sopprimendo geni fondamentali per ottenere le preziose cellule staminali.

Prospettive future e impatto sull’ecosistema

La possibilità di creare in laboratorio sperma ed ovuli di elefante apre la strada alla deestinzione dei mammut. Con meno di 52.000 elefanti asiatici rimasti in natura, la raccolta di cellule da questi animali rappresenterebbe una sfida ecologica.

La sfida della gestazione e della biologia dello sviluppo

La lunga e complessa gestazione degli elefanti costituisce un ostacolo fondamentale per la deestinzione dei mammut. Comprendere la biologia dello sviluppo degli elefanti è cruciale per potenzialmente impiantare embrioni ibridi di mammut lanoso.

Progettare un elefante lanoso: sfide e progressi

Progettare un embrione di mammut lanoso non rappresenta più una sfida enorme, secondo Hysolli, ma far nascere un vitello sano richiederà tempo e lavoro aggiuntivi.

Il team sta ancora studiando metodi alternativi per generare iPSC di elefanti e sta perfezionando quelli appena sviluppati. La scoperta delle iPSC, che sarà presto pubblicata su bioRxiv, deve ancora passare attraverso la revisione paritaria.

La visione di Vincent Lynch sull’elefante lanoso

Un biologo dello sviluppo, Vincent Lynch, dell’Università di Buffalo, ha commentato che la creazione di un elefante simile a un mammut è un passo essenziale e significativo.

L’obiettivo finale potrebbe essere la trasformazione delle iPSC in sperma e ovuli per consentire la fecondazione in vitro e la maternità surrogata, secondo Lynch.

Applicazioni della riprogrammazione delle cellule di elefante

La riprogrammazione delle cellule di elefante in iPSC ha una vasta gamma di possibili applicazioni al di là della deestinzione dei mammut lanosi.

Questo processo potrebbe contribuire alla conservazione degli elefanti, permettendo la produzione e la fecondazione artificiale delle cellule riproduttive, offrendo nuove prospettive per la salvaguardia delle specie.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.