“La differenza tra allarmante e catastrofico”: la megafaglia di Cascadia ha una sezione particolarmente mortale, rivela la nuova mappa

2 settimane ago

Scoperta la struttura della megafaglia di Cascadia

La zona di subduzione di Cascadia potrebbe generare terremoti devastanti nel Pacifico nordoccidentale e nella Columbia Britannica. Una nuova mappa rivela che è segmentata in diverse regioni, ciascuna con potenziali effetti sismici differenti.

Possibili coni di ombra sismici

Le varie regioni potrebbero scatenare terremoti individualmente o simultaneamente, influenzando l’entità del danno. Questo potrebbe significare la differenza tra una situazione allarmante e una catastrofe, soprattutto per città come Tacoma e Seattle, come sottolineato dal coautore del studio.

Mini-terremoti e informazioni cruciali

In molte zone di subduzione, i terremoti minori forniscono importanti informazioni sulle faglie e le placche tettoniche. Tuttavia, Cascadia, che si estende per 1.000 chilometri, non ha la stessa attività sismica di altre zone simili, come spiegato da Susanna Carbotte dell’Osservatorio terrestre Lamont-Doherty.

Nuovi dati e studi sismici

Gli strumenti attuali permettono uno studio più approfondito della megafaglia di Cascadia. Grazie a nuovi dati sismici raccolti nel 2021, i ricercatori stanno ottenendo una visione più chiara di questa regione critica e vulnerabile.

Attento monitoraggio per prevenire eventi catastrofici

La ricerca in corso sulla megafaglia di Cascadia mette in luce la necessità di un costante monitoraggio e studio. La comprensione di questa struttura permette di prevedere meglio potenziali terremoti e migliorare la preparazione alle catastrofi naturali.

Scoperta della Complessità della Zona di Subduzione della Cascadia

Un nuovo studio ha rivelato dettagli sorprendenti sulla zona di subduzione della Cascadia, situata al confine tra la placca continentale nordamericana e le placche oceaniche Juan de Fuca, Explorer e Gorda.

I dati hanno evidenziato non solo il movimento di subduzione delle placche ma anche la loro disgregazione, confermando una geometria più complessa della faglia rispetto alle conoscenze precedenti.

Segmenti Identificati dalla Ricerca

Il team di ricerca ha individuato quattro segmenti principali all’interno della zona di subduzione della Cascadia, suddivisi lungo la costa occidentale degli Stati Uniti.

Questi segmenti, che partono dalla California settentrionale fino all’isola di Vancouver, presentano caratteristiche peculiari che potrebbero influenzare la sismicità e la formazione di tsunami nella regione.

Rischio Sismico e Storico

Il rischio sismico associato alla zona di subduzione della Cascadia è stato evidenziato dall’ultimo terremoto significativo verificatosi nel 1700, con magnitudo compresa tra 8,7 e 9,2.

La mancanza di testimonianze scritte di quell’evento rende fondamentale l’analisi di dati come alberi sommersi e registrazioni di tsunami per comprendere meglio la pericolosità sismica della regione.

Implicazioni per la Sicurezza

La nuova comprensione della geometria della faglia dovrebbe consentire di migliorare le previsioni e la mappatura dei rischi legati a futuri terremoti e tsunami lungo la costa occidentale nordamericana.

Gli studiosi puntano a una maggiore consapevolezza del potenziale rischio sismico, soprattutto nelle aree densamente popolate come Vancouver e Seattle.

Contributo Scientifico e Pubblicazione

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Progressi della Scienza”, offrendo un importante contributo alla comprensione della sismicità e della pericolosità sismica della zona di subduzione della Cascadia.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.