mercoledì 22 Maggio 2024

La lettura sismica collegata alla “tecnologia aliena” da parte del professore di Harvard probabilmente proveniva da un camion di passaggio, afferma lo studio

2 mesi ago

Il dubbio sulle origini alieni di minuscole sferule metalliche

Un recente studio mette in discussione l’affermazione del professor Avi Loeb di Harvard riguardo alle minuscole sferule metalliche di possibile origine aliena trovate nell’Oceano Pacifico.

Scetticismo scientifico

Gli scienziati contestano le conclusioni di Loeb, sostenendo che manchino prove a sostegno e che le sfere potrebbero derivare dall’inquinamento terrestre anziché da eventi cosmici straordinari.

Un nuovo studio e una svolta inaspettata

Uno studio recente, presentato alla Conferenza sulle scienze lunari e planetarie, solleva ulteriori dubbi sull’ipotesi aliena. Si ipotizza che il suono captato dal sismometro potrebbe essere stato generato da un camion in transito anziché dalla meteora.

La smentita dell’ipotesi aliena

Secondo l’autore principale dello studio, Beniamino Fernando, il sismometro potrebbe aver fuorviato i ricercatori, portandoli a cercare nel posto sbagliato e a interpretare erroneamente i segnali rilevati.

La scoperta della possibile meteora aliena

Nel 2019, Loeb e il suo team hanno individuato la presunta meteora aliena IM1, con caratteristiche che facevano pensare a un’origine extraterrestre, spingendo Loeb a ipotizzare l’ipotesi di una sonda proveniente da un’altra civiltà.

La ricerca nel posto sbagliato

Le sferule microscopiche trovate vicino all’isola di Manus in Papua Nuova Guinea potrebbero non avere una provenienza aliena, ma essere il risultato di processi terrestri ancora non completamente compresi.

Analisi del segnale spaziale controverso

Dopo aver esaminato il segnale spaziale, l’analisi del team ha sollevato dubbi sulla sua origine. Fernando ha ipotizzato che potesse essere stato generato da un camion di passaggio piuttosto che da un’entità spaziale aliena o una meteora.

Il cambiamento di direzione del segnale corrispondeva perfettamente al passaggio di una strada vicino al sismometro, spiegando così le discrepanze nelle ipotesi di Loeb e degli altri ricercatori.

Controversia sulle prove raccolte

L’analisi dei dati provenienti da stazioni in Australia e Palau ha suggerito una diversa posizione di indagine rispetto a quella scelta dal team di Loeb. Le sferule ritrovate, secondo uno studio successivo, sembrano essere di origine meteoritica comune.

Fernando ha sottolineato che i reperti rinvenuti sul fondo del mare non sembrano correlati a una potenziale caduta di meteoriti o resti di astronavi aliene, smentendo così ipotesi più fantasiose.

Reazioni contrastanti e confronto tra ricercatori

La discussione è proseguita con Loeb che ha ribattuto alle critiche, sostenendo l’affidabilità dei dati del sismometro e difendendo l’utilizzo dei sensori del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti come fondamentali per l’analisi.

Le divergenze tra Loeb e altri astronomi riguardo all’interpretazione dei dati hanno portato a un confronto acceso, con Loeb che ha messo in discussione la competenza di chi rifiuta l’attendibilità dei dati provenienti dalle istituzioni statali.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.