mercoledì 12 Giugno 2024

La NASA individua 16 buchi neri della “Morte Nera” che emettono potenti raggi contro più obiettivi

3 settimane ago

16 buchi neri della “Morte Nera”: la scoperta della NASA

Gli astronomi osservano buchi neri che emettono potenti raggi in varie direzioni nello spazio, cambiando bersaglio come nella Morte Nera di Star Wars. Questo fenomeno aiuta a comprendere l’impatto dei buchi neri sulle galassie circostanti.

Studiando i buchi neri supermassicci

Un team di scienziati ha analizzato 16 buchi neri supermassicci in eruzione utilizzando l’Osservatorio Chandra della NASA e il VLBA. Hanno scoperto che i getti di particelle possono cambiare direzione fino a quasi 90 gradi, aprendo nuove prospettive di studio.

“Circa un terzo dei raggi puntano in direzioni completamente diverse rispetto a prima”, ha dichiarato Francesco Ubertosi dell’Università di Bologna. Questi cambiamenti di rotta sono stati paragonati alla Morte Nera di Star Wars.

Riorientamento dei getti di particelle

I ricercatori hanno monitorato i buchi neri per comprendere come riorientassero i getti di particelle ad alta energia nel tempo. Utilizzando dati dei raggi X, hanno analizzato le bolle nel gas interstellare per risalire alla direzione dei getti milioni di anni fa.

Questo riorientamento avviene su scale temporali che vanno da un milione a poche decine di milioni di anni. Nonostante sembri lento, considerando l’età dei buchi neri, è un processo relativamente veloce.

Impatto nel tempo cosmico

I buchi neri hanno milioni di anni di storia, quindi un cambiamento di direzione in pochi milioni di anni è considerato veloce. Questa scoperta offre nuove prospettive sulla fisica dei buchi neri e sui processi cosmici a essi collegati.

Studio sui Buchi Neri Supermassicci: Una Nuova Luce Sull’Universo

Recentemente, un team di ricercatori ha analizzato i getti prodotti dai buchi neri supermassicci. Questi getti si creano quando i buchi neri sono circondati dai dischi di accrescimento, nubi di materia che li alimentano.

I campi magnetici intorno ai buchi neri indirizzano le particelle cariche verso i poli, dove vengono espulse come getti gemelli. Questi getti, quando interagiscono con il gas circostante, impediscono il raffreddamento del gas e possono influenzare la formazione stellare nelle galassie.

Secondo i ricercatori, i raggi dei buchi neri potrebbero ostacolare la formazione di stelle e pianeti. Se cambiassero direzione, potrebbero aumentare le aree in cui la formazione stellare è compromessa.

Un’Implicazione Interessante

Un aspetto intrigante è la possibilità che i getti non siano allineati con le cavità a causa della dinamica complessa del gas negli ammassi galattici. Tuttavia, il team ha escluso questa ipotesi dopo opportune considerazioni.

Un enigma rimasto irrisolto riguarda il meccanismo con cui i buchi neri riorientano i loro getti. Ipotesi suggeriscono che il materiale cadente sul buco nero potrebbe influenzare la sua rotazione, portando a un cambiamento nell’asse dei getti.

Ulteriori Approfondimenti e Ricerca

La ricerca del team è stata pubblicata su un importante diario astrofisico, offrendo nuove prospettive sulle dinamiche dei buchi neri supermassicci. La continua indagine su questo fenomeno potrebbe portare a scoperte cruciali nel campo dell’astrofisica.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.