Le aurore potrebbero dipingere nuovamente i cieli della Terra all’inizio di giugno. Ecco le serate chiave a cui prestare attenzione.

4 settimane ago

Le meraviglie dell’Aurora Boreale: tutto quello che devi sapere

Se desideri osservare l’Aurora Boreale da sotto il circolo polare artico, preparati per la prima settimana di giugno. La Terra ha recentemente sperimentato una delle tempeste geomagnetiche più potenti in oltre vent’anni, dipingendo i cieli non solo del nord, ma fino al sud, fino alla Florida e al Messico.

Questa straordinaria manifestazione è stata causata da diversi fenomeni solari che hanno colpito simultaneamente la Terra, originati da un’enorme macchia solare nota come regione attiva 3664, ben 15 volte più larga della Terra. Le particelle cariche generate sono state incanalate dalla magnetosfera terrestre verso i poli, creando aurore vibranti lungo il percorso.

L’apparizione della macchia solare e il suo impatto sulla Terra

Dopo l’evento, la macchia solare è scomparsa dalla vista ma non ha smesso di produrre brillamenti solari. Il 20 maggio, un’esplosione solare X12, la più forte dal settembre 2017, è stata osservata dalla navicella spaziale Solar Orbiter dell’Agenzia Spaziale Europea.

Ora, la macchia solare è di nuovo visibile poiché il sole ruota e sarà di nuovo diretta verso la Terra attorno alla luna nuova del 6 giugno. Secondo il fisico solare Ryan French del National Solar Observatory (NSO) di Boulder, in Colorado, questo momento sarà ideale per osservare nuovamente le aurore.

Prossime opportunità di osservare l’Aurora Boreale

Con l’avvicinarsi della fine di maggio e l’inizio di giugno, le macchie solari saranno nuovamente visibili, con maggiori possibilità di manifestazioni solari che potrebbero portare a nuove aurore anche a basse latitudini. È importante restare vigili nei giorni intorno al 6 giugno, quando la Terra potrebbe essere nuovamente colpita dal clima solare.

Anche dopo giugno, potrebbero esserci ulteriori opportunità di osservare l’aurora, specialmente durante il picco del ciclo di attività solare. Gli scienziati ritengono che ci troviamo probabilmente nel massimo solare, che potrebbe essere più intenso del previsto. Tuttavia, sarà necessario attendere il completamento del ciclo solare per determinare con precisione i tempi del massimo.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.