mercoledì 22 Maggio 2024

Le barriere contro lo scioglimento dei ghiacci antartici stanno scomparendo a un ritmo doppio

Le barriere contro lo scioglimento dei ghiacci antartici stanno scomparendo a un ritmo doppio
3 mesi ago

Le ancore sottomarine di ghiaccio che aiutano a impedire al ghiaccio terrestre dell’Antartide di scivolare nell’oceano si stanno riducendo a un ritmo più che doppio rispetto a 50 anni fa, mostra una ricerca.

Secondo gli esperti, più di un terzo di questi ormeggi ghiacciati, noti come punti di fissaggio, sono diminuiti di dimensioni dall’inizio del secolo.

Un ulteriore deterioramento dei punti di ancoraggio, che tengono in posizione le calotte glaciali galleggianti che fortificano il ghiaccio terrestre dell’Antartide, accelererebbe il contributo del continente all’innalzamento del livello del mare, avvertono gli scienziati.

Le calotte glaciali galleggianti circondano il 75% della costa dell’Antartide e coprono un’area equivalente alla dimensione della Groenlandia.

I risultati fanno parte del primo studio in assoluto sui cambiamenti nello spessore delle piattaforme di ghiaccio antartiche – estensioni di ghiaccio terrestre che galleggiano sull’oceano – che risale al 1973. Le osservazioni precedenti risalgono solo al 1992.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno utilizzato le immagini satellitari dell’archivio cinquantennale del programma Landsat della NASA/United States Geological Survey (USGS) per monitorare le variazioni nell’apparenza dei punti sulla superficie del ghiaccio.

I punti di ancoraggio si formano quando parte di una calotta di ghiaccio galleggiante si ancora ad un’elevazione sul fondo dell’oceano, creando una protuberanza visibile sulla superficie altrimenti liscia della piattaforma di ghiaccio.

Utilizzando i cambiamenti nei punti di riferimento come proxy affidabile per le variazioni nello spessore delle piattaforme di ghiaccio, il team ha misurato i cambiamenti in queste caratteristiche durante tre periodi: dal 1973 al 1989, dal 1990 al 2000 e dal 2000 al 2022.

Gli scienziati hanno scoperto che solo il 15% dei punti di ancoraggio si sono ridotti di dimensione dal 1973 al 1989, portando a piccole sacche localizzate di assottigliamento delle piattaforme di ghiaccio.

Tuttavia, negli anni ’90 nella Penisola Antartica occidentale e nel Mare di Amundsen è iniziata una diffusa accelerazione e un disancoraggio delle piattaforme di ghiaccio dai punti di ancoraggio.

Il numero di punti di riferimento che si sono ridotti è aumentato al 25% dal 1990 al 2000 e al 37% dal 2000 al 2022.

Il documento, pubblicato in Naturaè stato finanziato dal Leverhulme Trust.

L’autore principale, il dottor Bertie Miles, Leverhulme Early Career Fellow, School of GeoSciences, University of Edinburgh, ha dichiarato: “Il passaggio negli ultimi 50 anni dallo scioglimento delle piattaforme di ghiaccio relativamente limitato e concentrato a livello regionale, al disancoraggio molto più diffuso, è sorprendente. La preoccupazione costante è quanti altri di questi punti di vitale importanza inizieranno a sciogliersi nei prossimi cinquant’anni”.

Il co-autore principale, il professor Robert Bingham, professore di glaciologia e geofisica, School of GeoSciences, Università di Edimburgo, ha dichiarato: “Quello che stiamo vedendo intorno all’Antartide è un attacco prolungato del riscaldamento climatico ai contrafforti, che rallenta la conversione dello scioglimento dei ghiacci. , nell’innalzamento globale del livello del mare. Ciò rafforza la necessità per noi di agire dove possibile per ridurre le emissioni globali di carbonio”.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.