venerdì 24 Maggio 2024

Le forme nodose e contorte degli alberi secolari forniscono habitat insostituibili

3 mesi ago

I pini più antichi, nodosi e sfregiati della Terra sono un vantaggio per la vita forestale.

Questi vecchi pini mughi (Pino uncinato) offrono cibo e riparo a licheni e insetti non solo perché sono vecchi, ma anche perché a causa di ciò che ha permesso loro di invecchiare così tantoi ricercatori riferiscono il 5 febbraio nel Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze. I risultati evidenziano l’importanza più ampia dei grandi e vecchi alberi e suggeriscono che le minacce alla loro sopravvivenza derivanti dallo sviluppo, dagli incendi o dai cambiamenti climatici potrebbero causare danni irreparabili in alcuni ecosistemi.

Gli alberi secolari continuano a diminuire in tutto il mondo (SN: 18/06/18). In Europa, le rimanenti zone di foresta con abbondanti alberi secolari costituiscono solo lo 0,7% (o poco meno di 3,5 milioni di acri) della superficie boschiva del continente. Questo articolo e altri simili “sono davvero validi, perché mostrano quanto sia importante la crescita antica”, afferma Joseph Birch, un ecologista della Michigan State University di East Lansing che non è stato coinvolto nella ricerca. Questa linea di lavoro ci ricorda che dobbiamo avere una prospettiva a lungo termine sugli alberi secolari. “Dobbiamo gestire e conservare le foreste che abbiamo adesso, anche se sono più giovani, in modo che i nostri discendenti tra poche centinaia o addirittura migliaia di anni possano avere una vegetazione più antica nel paesaggio”, afferma Birch.

Gli antichi pini mughi crescono contorti e storti nel corso dei loro centinaia di anni di crescita. Le parti morte e in decomposizione della pianta, come mostrato in questo albero nel Parco Nazionale Aigüestortes i Estany de Sant Maurici in Catalogna, possono fungere da habitat per molteplici specie forestali. Ot Pasques

Se da un lato l’età dei pini, potenzialmente centinaia di anni, ha intrigato il fisiologo vegetale Sergi Munné-Bosch e l’ecofisiologo Ot Pasques, entrambi dell’Università di Barcellona, ​​dall’altro sono stati anche curiosi di sapere come l’invecchiamento e il decadimento degli alberi influenzino l’ecosistema forestale più ampio. con diversi stadi di vita e di decadimento che forniscono diverse esigenze di habitat a specie vegetali, animali e licheni.

Gli studi precedenti tendevano a esaminare il modo in cui invecchiavano i singoli alberi. Quindi Munné-Bosch e Pasques hanno deciso di alzare la posta. Hanno studiato pini mughi giovani, adulti ed estremamente vecchi in cinque diverse aree dei Pirenei spagnoli. I due hanno calcolato l’età degli alberi in base alla circonferenza del tronco. (I due tratti sono correlati, eliminando la necessità di estrarre un campione dal tronco per contare gli anelli degli alberi). Il team ha anche pesato e misurato aghi, gemme e germogli, analizzato i tessuti degli alberi alla ricerca di sostanze biochimiche legate allo stress, al decadimento e alla crescita e ha notato tratti fisici legati all’età negli alberi, come radici esposte, corteccia fessurata e cicatrici da fulmini. Sono stati registrati anche dati su altre specie che vivono negli o sugli alberi.

I risultati mostrano che gli alberi più vecchi non spendono più molte energie nella riproduzione, diminuendo la produzione di coni e germogli, rallentando notevolmente la loro crescita e dando priorità alla tolleranza allo stress e alla durabilità a lungo termine. Gli alberi secolari consentono inoltre a parti del loro corpo di morire e decadere insieme a parti viventi. Si tratta di adattamenti per sopravvivere centinaia di anni e rendono gli alberi più vecchi nodosi, sfregiati e pieni di ampie sezioni morte, che vengono sfruttate da altra vita forestale.

Colonie di formiche e piante come il semprevivo di montagna (Una pianta perenne di montagna) vivono in queste sezioni morte e in decomposizione. Anche gli alberi con cambiamenti biochimici associati al declino e al decadimento tendevano a ospitare più licheni, e gli alberi più grandi e più vecchi avevano una maggiore diversità di licheni che vivevano su di essi. “I licheni cercano microhabitat molto specifici per sopravvivere in alta montagna”, afferma Munné-Bosch. Lichene del lupo (Letharia vulpina), ad esempio, è raro in questa parte d’Europa e quando il team l’ha riscontrato cresceva principalmente su pini secolari.

I licheni crescono sui rami nodosi di un antico pino mugo nel Parco Naturale dell’Alt Pirineu, situato sui Pirenei spagnoli.Ot Pasques

I pini più giovani, che non hanno le caratteristiche fisiche e fisiologiche uniche degli alberi secolari, non possono sostenere la vita forestale come fanno gli alberi secolari. Ciò rende il ruolo ecologico degli alberi secolari “insostituibile”, afferma Munné-Bosch.

“Per molte persone che lavorano con alberi secolari, questo è qualcosa che sapevamo intuitivamente. Ma non era stato necessariamente presentato in questo modo e con un insieme di prove così convincenti a sostegno”, afferma Birch.

Questi risultati riguardano solo una singola specie di albero, osserva. Nelle sequoie giganti, che vivono migliaia di anni, l’invecchiamento non provoca una distorsione della forma dell’albero così drammatica come i pini mughi rachitici che crescono ad altitudini elevate, quindi l’influenza delle sequoie antiche sulla biodiversità potrebbe apparire diversa.

Il prossimo passo del team sarà espandersi e studiare altre specie di alberi, afferma Munné-Bosch.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.