martedì 21 Maggio 2024

Le più antiche prove di terremoti trovate in uno strano miscuglio di rocce africane risalenti a 3,3 miliardi di anni fa

2 mesi ago

Scoperta storica: segni di antichi terremoti in rocce africane

Gli scienziati hanno identificato antiche prove di terremoti in rocce datate 3,3 miliardi di anni fa, suggerendo i primi fenomeni di tettonica delle placche e condizioni ambientali delle origini della vita.

Studi sulla Barberton Greenstone Belt

La scoperta è avvenuta nello studio della Barberton Greenstone Belt, una formazione geologica sudafricana simile a rocce neozelandesi giovani, le quali subirono terremoti innescanti frane subacquee, svela un recente studio.

I geologi, tra cui l’autore principale Simone Agnello della Victoria University di Wellington, hanno rivelato che queste antiche scosse terremotiche avevano un’enorme energia che agitava l’intera regione.

Un’importante scoperta geologica

La Barberton Greenstone Belt è una delle registrazioni geologiche più ampie sulla Terra, racchiudendo il periodo tra 3,2 e 3,6 miliardi di anni fa. La complessità geologica ha reso difficile per i ricercatori tracciare le rocce presenti.

Cornel de Ronde, coautore e scienziato di GNS Science, ha rilasciato una carta geografica parziale della cintura nel 2021, rivelando un grande mescolio di blocchi rocciosi staccatisi dalla loro origine.

Similitudini geologiche con la Nuova Zelanda

L’analisi geologica ha evidenziato somiglianze con rocce neozelandesi, sia vecchie che recenti, sottolineando l’importanza di queste scoperte nel contesto di eventi sismici di vasta portata.

Scoperte geologiche al largo della Nuova Zelanda

Secondo uno studio condotto dalla Scienza GNS, al largo della Nuova Zelanda la placca pacifica si sposta al di sotto e si scontra con la placca australiana, generando terremoti e frane sottomarine.

Queste frane provocano il rimescolamento di rocce formatesi in ambienti terrestri e acquatici poco profondi, cadute nell’oceano profondo.

Testimonianza di un periodo di agitazione geologica

Il Grande Conglomerato di Marlborough potrebbe essersi formato a seguito di migliaia di terremoti verificatisi nel corso di milioni di anni, spostando i blocchi rocciosi più grandi.

Secondo gli studiosi, questo fenomeno è un segno di un periodo prolungato di agitazione geologica, testimonianza di un processo in corso nella Terra primordiale.

Origine della vita e violenza geologica

L’origine della vita sulla Terra non è ancora del tutto chiara, sebbene i fossili più antichi risalgano a 3,7 miliardi di anni fa.

Secondo Lamb, la vita potrebbe essere nata dalle zone di subduzione, dove si verificano i più grandi terremoti e le più intense eruzioni vulcaniche, come quella del 2022.

Eruzione dell’Hunga Tonga-Hunga Ha’apai

L’eruzione sottomarina dell’Hunga Tonga-Hunga Ha’apai del 2022, con una potenza superiore a 100 bombe di Hiroshima, ha generato un intenso temporale con fulmini, mai registrato prima.

Lamb ipotizza che le zone di subduzione siano state fondamentali per creare le condizioni che hanno permesso alla vita di svilupparsi e prosperare sulla Terra.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.