domenica 19 Maggio 2024

Le proteine ​​tardigrade potrebbero rallentare l’invecchiamento negli esseri umani, secondo uno studio su piccole cellule

2 mesi ago

Proteine tardigrade e l’invecchiamento umano

Uno studio sui tardigradi suggerisce che le loro proteine potrebbero avere un impatto sul rallentamento dell’invecchiamento negli esseri umani. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questa ipotesi emersa dagli esperimenti di laboratorio.

Le incredibili capacità dei tardigradi

I tardigradi, comunemente noti come orsi d’acqua, sono esseri microscopici con un’eccezionale resistenza a condizioni estreme, come la disidratazione, l’esposizione allo spazio e persino i colpi di arma da fuoco. Queste creature possono sopravvivere tramutandosi in palline disidratate con un metabolismo quasi azzerato.

Studio e risultati

Gli scienziati hanno individuato nelle proteine dei tardigradi la capacità di rallentare il metabolismo delle cellule umane in un laboratorio, come riportato da uno studio su Scienza delle Proteine. In particolare, la proteina CAHS D dei tardigradi, una volta introdotta nelle cellule umane, ha mostrato la capacità di trasformarsi in una consistenza gelatinosa e rallentare il metabolismo.

Le dichiarazioni degli esperti

Silvia Sanchez-Martinez, ricercatrice senior presso il Dipartimento di Biologia Molecolare dell’Università del Wyoming, ha sottolineato che le proteine dei tardigradi conferiscono alle cellule umane una maggiore resistenza agli stress, simile a quanto avviene in queste incredibili creature microscopiche.

La biostasi e le potenzialità delle proteine dei tardigradi

La biostasi, uno stato di animazione sospesa che consente agli organismi di resistere a condizioni estreme, potrebbe essere ottenuta anche nelle cellule umane grazie alle proteine presenti nei tardigradi. Questa scoperta apre nuove prospettive nell’ambito della ricerca sul rallentamento dell’invecchiamento.

Scoperta rivoluzionaria: il potenziale della biostasi nelle cellule umane

Gli scienziati hanno individuato una scoperta che potrebbe rivoluzionare il campo medico. La biostasi potrebbe portare a trattamenti salvavita in luoghi senza refrigerazione e migliorare la conservazione delle terapie cellulari.

Uno sguardo al futuro della medicina

Secondo i ricercatori, questa scoperta potrebbe aprire la strada a tecnologie che mirano a indurre la biostasi nelle cellule umane e addirittura negli organismi interi. Questo potrebbe portare a benefici come il rallentamento dell’invecchiamento e migliorare la stabilità e la conservazione delle cellule.

La reversibilità del processo

Una caratteristica sorprendente di questa scoperta è la reversibilità del processo. Le cellule umane, una volta rallentate nel loro metabolismo, possono ritornare alla normalità una volta che lo stress viene alleviato. Questo apre nuove prospettive nel campo della medicina.

Contributi significativi alla ricerca scientifica

Il professore Tommaso Boothby e il suo team hanno condotto studi approfonditi sui tardigradi, portando a importanti scoperte nel campo della biostasi. Proprio l’anno scorso, avevano individuato la capacità delle proteine ​​tardigradi di stabilizzare farmaci per trattare l’emofilia, un disturbo emorragico.

Invia le tue domande sul corpo umano!

Se hai domande sul funzionamento del corpo umano e sui suoi misteri, inviale a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Potresti vedere la tua domanda e la relativa risposta pubblicate sul nostro sito!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.