Le valutazioni della ricerca non sono ancora adatte allo scopo: ecco come cambiare le cose

3 settimane ago

Deficit nelle Valutazioni della Ricerca: Suggerimenti per un Cambiamento

Compilando una domanda di sovvenzione, mi sono trovato a dover affrontare una sezione delicata: il “riepilogo dei progressi”. Le richieste di congedi familiari si intrecciavano con spiegazioni sul budget e l’impegno nella scienza aperta, senza indicazioni sui criteri di valutazione.

Manca chiarezza nelle Valutazioni

La mancanza di feedback sulla mia sezione narrativa mi ha lasciato perplesso. DORA, di cui sono co-presidente, promuove l’utilizzo di narrazioni per valutazioni più complete. L’ambiguità nell’interpretare i criteri di valutazione mette in luce la sfida di trasformare le valutazioni accademiche.

Richiesta di Criteri Espliciti

Il problema deriva dalla mancanza di pianificazione e attuazione adeguata dei nuovi sistemi di valutazione. I ricercatori necessitano di criteri chiari per scrivere narrazioni, specificando come i diversi aspetti saranno valutati.

Partecipazione delle Comunità di Ricerca

È essenziale coinvolgere le comunità di ricerca nella definizione di tali criteri. Spesso i ricercatori si trovano ad affrontare sistemi imposti dall’alto, privi di consultazione, che potrebbero non risolvere i difetti dei vecchi metodi di valutazione.

Orientamento alle Missioni e Flessibilità

Le valutazioni dovrebbero riflettere le missioni istituzionali e adattarsi nel tempo. Premiare pratiche come la formazione sulla scienza aperta, in linea con gli obiettivi dell’istituto, potrebbe favorire un cambiamento significativo. L’evoluzione delle valutazioni è cruciale per adeguarsi alle nuove tendenze.

Variazioni nei Valori della Ricerca

È importante considerare la diversità dei risultati della ricerca tra campi, istituti e nazioni. Le valutazioni devono adattarsi alle specificità locali, tenendo conto delle differenze culturali e disciplinari che influenzano il valore attribuito alle ricerche.

Riflessioni sulla riforma della valutazione della ricerca scientifica

Nel contesto della ricerca scientifica canadese, l’importanza di favorire sovvenzioni che tengano conto dell’impegno e delle prospettive degli indigeni è cruciale per promuovere la diversità e l’inclusione all’interno della comunità scientifica. Questo obiettivo può differire da paese a paese.

Investimenti necessari per una riforma efficace

La riforma della valutazione della ricerca richiede investimenti significativi da parte delle organizzazioni. In particolare, è fondamentale investire in scienziati specializzati nell’implementazione, capaci di identificare le sfide che ostacolano il successo delle nuove iniziative e di trovare soluzioni adeguate.

Questi esperti sono essenziali per acquisire feedback dalla comunità di ricerca e integrare diverse prospettive in un quadro di valutazione coerente e valido.

L’importanza di adattare le valutazioni alle specifiche esigenze

Pur riconoscendo la necessità di ottimizzare le risorse, copiare modelli preesistenti potrebbe raramente portare a una valutazione efficace. Ogni comunità di ricerca è unica e richiede approcci personalizzati. Strumenti come Reformscape stanno emergendo per supportare le organizzazioni nel processo di adattamento e miglioramento delle pratiche esistenti.

L’importanza dell’approccio iterativo: l’esempio del Fondo nazionale di ricerca lussemburghese

Il Fondo nazionale di ricerca lussemburghese ha sperimentato un approccio iterativo introducendo un CV narrativo per le domande di finanziamento, anziché il tradizionale elenco di pubblicazioni e affiliazioni. Questo cambiamento ha evidenziato la necessità di continuare a monitorare e migliorare costantemente il sistema.

Un appello all’azione per le istituzioni accademiche

Ogni istituzione accademica ha la responsabilità di contribuire attivamente alla riforma della valutazione della ricerca. Ritardare questo processo potrebbe alimentare un sistema obsoleto e inefficiente che non supporta appieno la comunità di ricerca.

Interessi conflittuali

Vale la pena notare che KC ricopre il ruolo di co-presidente di DORA (Dichiarazione sulla valutazione della ricerca) in modo non retribuito, confermando il suo impegno nell’ambito della riforma del sistema di valutazione della ricerca scientifica.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Don't Miss

Le campagne elettorali alimentate dall’intelligenza artificiale sono qui

Campagne Elettorali e Intelligenza Artificiale Le campagne elettorali alimentate dall’intelligenza artificiale (AI)

L’intelligenza artificiale ora batte gli umani nelle letture di base e in matematica

L’intelligenza artificiale supera gli umani in diversi compiti Recenti sviluppi nell’intelligenza artificiale