domenica 16 Giugno 2024

L’Egitto sta costruendo un mega-museo da 1 miliardo di dollari. Riporterà l’egittologia a casa?

3 settimane ago

L’Egitto e il nuovo mega-museo: un ritorno alle origini?

Gli studiosi egiziani puntano a una gestione consapevole del nuovo museo, favorendo il rimpatrio di manufatti e archivi. Nonostante le leggi contro l’esportazione risalgano al 1835, molti tesori sono sparsi in istituzioni internazionali.

La questione degli archivi e delle informazioni storiche

La questione degli archivi storici esportati è cruciale per la comprensione del passato. La raccolta di Howard Carter presso l’Università di Oxford è citata come esempio critico. Il vicedirettore dell’istituto ammette che i materiali sono fragili, ma si mostra aperto al rimpatrio.

Il ruolo dei ricercatori egiziani nell’egittologia

I ricercatori egiziani sottolineano l’importanza di politiche che favoriscano la ricerca indipendente e finanziata internamente. Solo così si potrà decostruire il settore dell’egittologia e promuovere la conoscenza del passato nel Paese.

Il futuro della ricerca e della conservazione

Il museo offre avanzati laboratori e opportunità di ricerca. Gli studiosi evidenziano la necessità di formulare domande di ricerca significative per far progredire la disciplina e la comprensione dell’antico Egitto. L’obiettivo è favorire una narrazione nazionale, senza escludere i ricercatori stranieri.

Un museo per dare nuova vita alla ricerca egittologica

Il nuovo museo apre nuove prospettive di ricerca nazionale e internazionale nel campo dell’egittologia. La collaborazione con istituti di conservazione e ricerca in tutto il mondo è vista come un passo significativo. L’obiettivo è portare l’archeologia nelle mani degli egiziani, valorizzando la ricerca interna.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.