mercoledì 22 Maggio 2024

Lo spray di un sigillo aggiunge un capitolo alla scienza dello sputo

2 mesi ago

Un incontro insolito

Il 3 gennaio 2022, Clare Jacobs, una appassionata osservatrice di uccelli, ha avvistato una rara aquila dalla coda bianca sull’isola di Wight, nel sud dell’Inghilterra. Questi rapaci erano stati reintrodotti da poco sull’isola dove erano scomparsi circa 250 anni fa.

Una sorprendente interazione

Mentre fotografava l’aquila, Jacobs ha assistito a un evento insolito: una foca grigia ha sputato contro il rapace. Questo comportamento è stato definito straordinario, poiché le foche non erano mai state viste esibirsi in simili atti, soprattutto contro un predatore come l’aquila bianca.

Uno studio approfondito

Le foto scattate da Jacobs hanno attirato l’attenzione di sua figlia, Megan Jacobs, e del professore David Martill dell’Università di Portsmouth. Insieme hanno pubblicato uno studio che analizza questa singolare interazione tra due predatori marini, approfondendo le motivazioni dietro il comportamento della foca.

Strategie di sopravvivenza

Entrambi gli animali si nutrono di pesci, ma l’intervento della foca potrebbe essere stato un tentativo di scoraggiare la potenziale concorrenza dell’aquila per il cibo marino. Esperti come il professore Sean Twiss ritengono che la foca abbia utilizzato lo sputo come mezzo di difesa o forse semplicemente come un gioco.

Capacità uniche nell’ambiente naturale

Le foche grigie sono ora una delle poche specie conosciute per sputare. Altri animali, come i cobra e i pesci arciere, possiedono abilità simili che utilizzano come difesa o per cacciare. Questi comportamenti hanno radici evolutive interessanti che dimostrano l’adattabilità degli animali nell’ambiente naturale.

Pesci e ragni: ma anche mammiferi sputano per difendersi

Le capacità di sputare dei pesci, come il pesce arciere, sono affascinanti. Utilizzano la lingua per sparare contro la preda e mangiarla rapidamente. Questo processo richiede una straordinaria stabilizzazione del corpo attivata dalle pinne.

Anche la visione dei pesci arciere è straordinaria: la metà superiore degli occhi per i colori sopra l’acqua e la metà inferiore per le tonalità subacquee. Questa capacità rappresenta un vero miracolo della natura, come evidenzia la ricerca dell’Università di Oxford.

Anche i ragni sputano per catturare la preda

I ragni, come altri animali, utilizzano lo sputo nella caccia. Alcuni sputano grumi di ragnatele per immobilizzare la preda a distanza. Questa peculiarità mostra come diverse specie abbiano sviluppato metodi unici per catturare il cibo.

I mammiferi, come cammelli e alpaca, hanno anche la capacità di sputare come meccanismo di difesa contro minacce percepite. Alcuni utilizzano questo comportamento anche per trasferire liquidi o cibo da un luogo all’altro in modo più efficiente, come dimostrano studi condotti sugli oranghi del Borneo.

Osservazioni rare che arricchiscono la conoscenza

Molte osservazioni sul comportamento animale non vengono pubblicate, perdendo così conoscenze preziose. Come sottolinea il dottor Twiss, avvistamenti rari possono offrire insight importanti sul mondo animale e stimolare ulteriori studi su comportamenti innovativi.

L’avvistamento di comportamenti insoliti può essere il risultato diretto di cambiamenti nell’ambiente, come l’espansione dell’area della foca grigia e la reintroduzione delle aquile dalla coda bianca. Queste situazioni offrono nuove opportunità di studio e scoperta mentre le popolazioni animali si riprendono.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.