mercoledì 22 Maggio 2024

L’orca solitaria uccide il grande squalo bianco in meno di 2 minuti strappandogli il fegato

3 mesi ago

L’Orca solitaria: un predatore formidabile

Un video recente mostra un’orca solitaria che uccide un grande squalo bianco in soli 2 minuti, dimostrando la potenza di questo predatore marino. La scena svela come l’orca abbia attaccato e strappato il fegato dello squalo, senza l’aiuto di altri esemplari.

Un evento straordinario confermato dalla scienza

Uno studio pubblicato il 1 marzo sul Giornale africano di scienze marine ha confermato che questa è stata la prima osservazione registrata di un’orca solitaria cacciare e consumare un grande squalo bianco senza il supporto del gruppo. Questo fatto ha sconvolto la visione tradizionale della gerarchia alimentare marina.

Una caccia eccezionale davanti agli occhi degli scienziati

Nel giugno 2023, due orche chiamate “Porta” e “Starboard”, note per il loro comportamento unico, hanno attaccato uno squalo bianco a sud dell’Isola delle Foche in Sud Africa. Questo nuovo modus operandi ha portato i grandi squali bianchi a evitare queste acque, sfuggendo così alle orche.

La scoperta sul campo: un dettaglio rivelatore

I ricercatori hanno rilevato tracce di fegato di squalo in superficie, confermando l’azione delle orche. Questi predatori marini si cibano di questa parte ricca di nutrienti degli squali. L’odore caratteristico del fegato ha guidato gli scienziati a individuare la presenza degli animali.

Il ruolo cruciale delle orche nella caccia

Starboard, una delle due orche coinvolte nell’attacco, è stata osservata mentre manipolava lo squalo per rimuovergli il fegato con abilità sorprendente. Questo comportamento dimostra la precisione e la forza di questi predatori marini, in grado di abbattere anche le prede più imponenti.

Conclusione: un cambio nella dinamica predatore-preda

Questo evento straordinario ha messo in evidenza la capacitá delle orche di adattarsi e innovare nella caccia, influenzando le abitudini alimentari dei grandi squali bianchi. La natura imprevedibile di queste creature marine sottolinea la complessità degli ecosistemi oceanici.

Le orche dimostrano di non dover più cacciare in branco

Uno studio ha rivelato che le orche non hanno bisogno di cacciare in gruppo per abbattere uno squalo bianco. È stato osservato Starboard, un esemplare di orca, mentre predava uno squalo, con un pezzo di fegato color pesca insanguinato in bocca.

Un attacco senza precedenti

Esther Jacobs, fondatrice di Keep Fin Alive, ha dichiarato che l’evento è stato sia devastante che potente. Starboard ha catturato rapidamente la sua preda, lasciando i presenti attoniti per la potenza dell’attacco.

Il mistero della predazione

Anche se il momento esatto in cui lo squalo è stato ucciso non è stato visto, i ricercatori credono che la morte sia stata istantanea. Il meccanismo con cui le orche riescono a sventrare gli squali è ancora un mistero.

Un nutrimento prezioso

Le orche predano gli squali per il loro grasso, ricco di sostanze nutrienti. I fegati di squalo contengono lipidi oleosi essenziali per la loro alimentazione. Questi animali sono noti anche come “lupi del mare” per la loro straordinaria capacità di caccia.

Implicazioni per la conservazione

L’alterazione dell’equilibrio tra predatori potrebbe avere conseguenze importanti sull’ecosistema marino. La predazione delle orche sui grandi squali potrebbe influenzare la sopravvivenza di alcune specie, già sottoposte a varie pressioni antropiche.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.