domenica 19 Maggio 2024

Mentre le minacce spaziali aumentano, gli Stati Uniti sono in ritardo nella protezione dei servizi GPS

2 mesi ago

La corsa spaziale tra USA e Cina per la protezione del tempo

Stati Uniti e Cina si confrontano in una competizione spaziale cruciale per la protezione del tempo, ma gli USA sono in ritardo nel garantire la sicurezza dei servizi GPS.

Maggiore vulnerabilità dei servizi GPS

I satelliti GPS sono cruciali per l’economia globale, i servizi di emergenza e la sicurezza stradale, ma sono sempre più soggetti a minacce legate alla militarizzazione dello spazio.

Il rischio crescente: attacchi ai segnali satellitari

Paesi come Russia, Cina, India e USA stanno testando missili antisatellite e tecnologie disruptive nello spazio. Gli attacchi hacker alla terra minacciano la stabilità dei segnali satellitari.

Impatto economico di una possibile interruzione dei segnali

La perdita di connessione con i satelliti GPS potrebbe causare danni economici globali miliardari, evidenziando l’importanza di garantire la sicurezza di tali sistemi.

Gli Stati Uniti alla ricerca di un piano di protezione alternativo

Pur riconoscendo i rischi, gli Stati Uniti sono ancora lontani dall’avere un’alternativa affidabile in caso di interruzione dei segnali GPS per uso civile, mettendo in discussione la loro preparazione.

Inerzia statunitense: mancanza di un piano efficace

I piani precedenti degli USA per proteggere i satelliti GPS non hanno avuto seguito. L’attuale amministrazione mostra difficoltà nel trovare soluzioni concrete per proteggere i servizi di navigazione e di cronometraggio.

Un problema di sicurezza nazionale

Secondo fonti ufficiali, l’interruzione dei segnali satellitari è considerata una minaccia per la sicurezza nazionale, ma finora non sono state proposte alternative o stanziati fondi per proteggere le infrastrutture.

Richiesta di soluzioni tecniche da parte degli USA

L’amministrazione Biden ha lanciato una richiesta di offerte da parte di aziende private, sperando di ottenere proposte per risolvere il problema tecnico. Tuttavia, potrebbero passare anni prima che queste tecnologie diventino ampiamente disponibili.

Il vantaggio cinese

Mentre gli Stati Uniti sono in ritardo, la Cina sta sviluppando un sistema di cronometraggio avanzato e esteso. Con centinaia di stazioni di cronometraggio a terra e migliaia di chilometri di cavi in fibra ottica, la Cina sta costruendo un’infrastruttura che promette servizi orari e di navigazione affidabili e avanzati.

La strategia della Cina

I ricercatori cinesi hanno sottolineato l’importanza di sviluppare capacità in diversi settori, dal sott’acqua allo spazio profondo, per garantire una copertura completa. La Cina sta investendo massicciamente per ampliare e potenziare il suo sistema di cronometraggio, includendo anche servizi di backup.

Il sistema LORAN nel mondo

Paesi come Russia, Corea del Sud e Cina mantengono sistemi LORAN per garantire la continuità dei servizi di cronometraggio. Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno disattivato il proprio sistema nel 2010 senza un adeguato piano di sostituzione.

La situazione negli Stati Uniti

Recentemente, il governo e le aziende private hanno testato una versione migliorata di LORAN con la Guardia Costiera americana. Tuttavia, la mancanza di interesse da parte delle aziende nel gestire il sistema senza il supporto governativo potrebbe portare alla chiusura dei siti.

La corsa verso l’indipendenza spaziale

Con l’avanzamento dei piani cinesi verso l’indipendenza dallo spazio, gli Stati Uniti si trovano alla ricerca di alternative. Dana Goward dalla Fondazione per la navigazione resiliente e il timing sottolinea la necessità di evolvere nelle strategie spaziali.

Cosa stanno facendo gli Stati Uniti?

Dopo l’ordine esecutivo di Trump, le aziende statunitensi hanno proposto diverse soluzioni per ridurre la dipendenza dai sistemi spaziali cinesi. Tuttavia, pochi prodotti sono attualmente sul mercato, evidenziando una sfida in corso.

Un’opzione promettente è quella offerta da Satelles in collaborazione con il NIST, che ha sviluppato una fonte alternativa per l’ora utilizzando satelliti in orbita terrestre bassa, più sicuri e meno vulnerabili agli attacchi spaziali rispetto ai satelliti GPS tradizionali.

Confronto tra tecnologie

Secondo il CEO di Satelles, Michael O’Connor, i satelliti ottengono l’ora da stazioni in tutto il mondo, garantendo stabilità e affidabilità. La Cina, dal canto suo, progetta di potenziare il suo sistema Beidou con satelliti in orbita terrestre bassa, mirando a una maggiore sicurezza nello spazio.

Le preoccupazioni e le azioni degli Stati Uniti

La Cina motiva i propri investimenti nello spazio anche per difendersi da potenziali attacchi americani. Gli Stati Uniti, aumentando la spesa per la difesa spaziale, stanno sviluppando opzioni di backup per garantire la sicurezza nazionale, riconoscendo la crescente congestione e contestazione nello spazio.

La Space Force sta lavorando su sistemi di backup GPS classificati, come il segnale codice M, progettato per resistere ai disturbi in situazioni di guerra. Tuttavia, l’implementazione di alcune soluzioni è stata rallentata da ritardi.

Le strategie future

Oltre ai sistemi di backup GPS, gli Stati Uniti stanno progettando servizi di posizionamento, cronometraggio e navigazione tramite satelliti in orbita terrestre bassa, cercando di garantire continuità e sicurezza nei servizi spaziali.

Il ruolo cruciale dei sistemi satellitari

I sistemi satellitari come il GPS americano, il Beidou cinese, il Galileo europeo e il Glonass russo forniscono informazioni fondamentali per la navigazione grazie alla trasmissione di segnali radio con dati sulla posizione e sull’ora precisa.

Impatto della dipendenza dai segnali satellitari

Settori chiave come telecomunicazioni, agricoltura, servizi di emergenza e finanza dipendono dai segnali satellitari per funzionare in modo efficiente. Una interruzione dei servizi potrebbe avere conseguenze negative sulla società e sull’economia.

Conseguenze di una potenziale interruzione dei segnali

Uno studio nel Regno Unito stima che una settimana di interruzione dei segnali satellitari costerebbe all’economia inglese quasi 9,7 miliardi di dollari. Simili stime sono state fatte anche per l’economia americana, evidenziando l’importanza critica di tali sistemi.

Gli avvertimenti degli esperti

Secondo l’ammiraglio Thad W. Allen, l’assenza di segnali satellitari sarebbe paragonabile alla mancanza di ossigeno, evidenziando quanto sia vitale per diversi settori. Gli esperti sottolineano la necessità di pianificare alternative e diminuire la dipendenza da un unico sistema.

La necessità di trovare soluzioni

Attualmente, le reciproche garanzie di sicurezza scoraggiano attacchi significativi ai sistemi satellitari. Tuttavia, è importante considerare e affrontare la possibilità di interruzioni future per evitare impatti devastanti sull’economia e sulla società.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.