mercoledì 12 Giugno 2024

Nuovo piano di Star Wars: il Pentagono si precipita a contrastare le minacce in orbita

4 settimane ago

Pentagono e la Corsa allo Spazio

Il Pentagono accelera il potenziamento delle capacità di guerra nello spazio, vista la crescente minaccia di Cina e Russia. Questo cambiamento rivela una nuova strategia difensiva in un’ottica di spazio come campo di battaglia.

Un Nuovo Approccio Strategico

L’obiettivo è proteggere e difendere le risorse satellitari americane da possibili attacchi nemici: un sistema che si discosta dai programmi militari tradizionali nello spazio. La nuova strategia si focalizza su una gamma più ampia di capacità offensive.

“Proteggere e Negare”

Il generale Chance Saltzman della Space Force sottolinea l’importanza di proteggere le capacità spaziali e contrastare eventuali minacce ostili. Si sottolinea la necessità di impedire agli avversari l’uso delle risorse spaziali, ritenute cruciali per i successi futuri.

Minacce da Russia e Cina

Report del Pentagono e valutazioni dell’intelligence confermano che Russia e Cina stanno sviluppando e testando sistemi come laser ad alta energia, missili anti-satellite e satelliti manovrabili. Queste tecnologie potrebbero minacciare gravemente le risorse spaziali statunitensi.

Armi Nucleare e Altre Minacce

La Russia è sospettata di un possibile sviluppo di armi nucleari spaziali, aumentando ulteriormente le preoccupazioni. L’uso di strumenti di disturbo elettronico durante conflitti passati ha messo in evidenza la vulnerabilità delle risorse spaziali in orbita.

Stati Uniti: Intensificare le Difese nello Spazio

Le autorità del Pentagono citano una nuova minaccia per gli Stati Uniti, spingendo all’intensificazione delle difese nello spazio. Il generale Stephen N. Whiting dello Space Command sottolinea la necessità di difendersi da questa nuova minaccia concretamente presente.

Minaccia Cinese: Motivo Principale per Potenziare le Difese

La crescita della flotta cinese di strumenti militari nello spazio guida principalmente l’inasprimento delle difese statunitensi. Il segretario Frank Kendall evidenzia come la Cina abbia sviluppato capacità spaziali in grado di minacciare le forze statunitensi, in particolare nel Pacifico occidentale.

Il generale Whiting segnala un triplicamento della rete di satelliti cinesi per il monitoraggio delle attività militari degli Stati Uniti e dei loro alleati, sottolineando il crescente pericolo rappresentato dalla Cina nello spazio.

Reazioni di Cina e Russia

Cina e Russia respingono le accuse statunitensi, affermando che sono gli Stati Uniti a guidare la militarizzazione dello spazio. Secondo un comunicato cinese, le dichiarazioni statunitensi sarebbero solo un pretesto per mantenere la propria supremazia militare nello spazio.

Le richieste di Cina e Russia al Consiglio di Sicurezza ONU per impedire il posizionamento di armi nello spazio sono state respinte. John F. Plumb della Difesa statunitense definisce ipocrita la posizione russa e cinese, ricordando che entrambe le nazioni si stanno preparando militarmente nello spazio.

Militarizzazione dello Spazio: Inevitabile Evoluzione

I funzionari statunitensi sostengono una “campagna controspazio responsabile” come strategia per fronteggiare le sfide spaziali. Plumb sottolinea che, storica è la tendenza a sfruttare a fini militari ogni vantaggio, inclusa la dimensione spaziale.

L’evoluzione verso una militarizzazione dello spazio è considerata inevitabile, poiché ove ci siano vantaggi militari, vi sarà l’intento di neutralizzarli e sfruttarli. Gli Stati Uniti proseguono con la propria strategia di difesa spaziale, senza esplicitamente dichiarare l’intenzione di armare lo spazio.

Stati Uniti si impegnano a mantenere lo spazio sicuro

Il Pentagono si è impegnato a garantire la sicurezza nello spazio senza creare detriti distruttivi, differenziandosi da precedenti azioni come il caso del missile cinese del 2007.

Gli Stati Uniti hanno giurato nel 2022 di non condurre test antisatellitari, enfatizzando la volontà di perseguire gli interessi senza provocare danni nello spazio.

Lotta alle minacce nemiche in orbita

Il Pentagono si propone di contrastare le minacce nemiche nello spazio, seguendo l’esempio di Marine e Aeronautica, con l’obiettivo di proteggere le unità militari da possibili attacchi satellitari nemici.

La nuova strategia del Pentagono prevede la soppressione delle capacità spaziali nemiche per garantire la superiorità in orbita, un obiettivo di massima priorità per la Space Force.

Segretezza delle operazioni Pentagonali

La riservatezza delle operazioni del Pentagono riguardo alla sicurezza spaziale è massima, con dettagli su strumenti di guerra ritenuti di alto segreto e non divulgate agli operatori esterni.

I funzionari del Pentagono evitano di fornire dettagli sulle operazioni per mantenere un’ambiguità strategica nei confronti dei potenziali concorrenti e rivali, preservando così la sicurezza delle missioni.

Metodi per contrastare minacce orbitali nemiche

Indizi e rapporti suggeriscono che il Pentagono stia sviluppando metodi innovativi per contrastare le minacce orbitali nemiche, come attacchi informatici, laser terrestri o spaziali e microonde ad alta potenza.

Una proposta degli anni ’90 prevedeva la costruzione di satelliti “cacciatori killer” per disabilitare i satelliti nemici bruciandone i componenti elettronici con raggi ad alta energia.

Armi spaziali: il futuro delle operazioni militari

Tendenze nell’uso di energia diretta nello spazio

John Shaw, un ex tenente generale della Space Force, prevede un ruolo crescente di dispositivi a energia diretta nelle future operazioni militari, sia basati sulla terra sia nello spazio.

Piani degli Stati Uniti per armamenti spaziali

Nonostante non ne abbiano mai confermato ufficialmente il possesso, il Pentagono mira a sviluppare sostanziali capacità spaziali entro il 2026, per competere in operazioni a spettro completo.

L’X-37B e le speculazioni sull’uso militare

Il Pentagono ha il segreto X-37B, un aeroplano spaziale senza equipaggio simile allo Space Shuttle, originariamente concepito per esperimenti ma oggetto di speculazioni sull’eventuale impiego come piattaforma per armi.

Nuove tecnologie per la difesa spaziale

Il Pentagono sta sviluppando satelliti militari di nuova generazione in grado di manovrare nello spazio, essere riforniti di carburante e dotati di bracci robotici per intercettare e potenzialmente distruggere satelliti ostili.

Protezione dei satelliti contro attacchi energetici diretti

Un obiettivo chiave è proteggere i satelliti della difesa missilistica da attacchi energetici diretti, con l’implementazione di nuove tecnologie di monitoraggio spaziale per prevenire e rispondere a possibili minacce offensive.

Contratti e nuove iniziative nel settore spaziale

Recentemente il Pentagono ha assegnato contratti a due società per lanciare veicoli spaziali entro il prossimo anno, uno simulando un nemico per testare le difese, evidenziando la crescente attenzione alla sicurezza nello spazio.

La corsa agli armamenti spaziali: un’analisi della situazione attuale

Nel tentativo di accrescere la sicurezza degli Stati Uniti da possibili minacce spaziali, il generale Saltzman ha annunciato l’intenzione di ridurre la vulnerabilità del paese. Questo progetto include un budget considerevole per l’acquisizione di tecnologie adatte a monitorare lo spazio.

Sebbene i dettagli dei programmi siano classificati, esperti come Todd Harrison stimano che centinaia di milioni di dollari annui siano destinati a iniziative per contrastare le risorse spaziali nemiche.

Il ritardo nello sviluppo di armamenti spaziali offensivi

Pur con un impegno finanziario significativo, secondo Harrison, ci vorranno probabilmente tra cinque e dieci anni prima che gli Stati Uniti dispongano di armi offensive nello spazio in modo sostanziale. Alcuni critici ritengono che l’accelerazione di questo processo possa trasformare lo spazio in una zona di guerra.

La risposta internazionale e il ruolo degli alleati

Il Pentagono sta collaborando con alleati come Gran Bretagna, Canada e Australia nell’Operazione Olympic Defender, coordinando sforzi controspaziali. La Francia, ad esempio, ha annunciato piani per lanciare un satellite dotato di un laser ad alta potenza entro il 2030.

Nonostante gli sforzi congiunti, sia funzionari del Pentagono che del Congresso concordano sul fatto che la Forza Spaziale non stia progredendo abbastanza rapidamente. Il deputato Mike Rogers ha enfatizzato la necessità di acquisire capacità antispaziali essenziali per la vittoria in uno scenario di conflitto spaziale.

La militarizzazione dello spazio: una prospettiva futura

Gli attuali ed ex funzionari del Pentagono sottolineano che lo spazio è ora parte del dominio dei combattimenti militari. Pur auspicando di evitare un conflitto spaziale, il tenente generale DeAnna M. Burt ha enfatizzato l’importanza di essere pronti a combattere e vincere se la guerra dovesse estendersi nello spazio.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.