Ogni 2,4 milioni di anni, Marte esercita uno strattone sulla Terra così forte da modificare il fondale oceanico

2 mesi ago

Marte esercita un’influenza sul clima terrestre ogni 2,4 milioni di anni

Recenti studi suggeriscono che l’attrazione gravitazionale di Marte sulla Terra possa influire sul clima terrestre. La registrazione geologica di oltre 65 milioni di anni fa rivela periodi ciclici di intensità delle correnti marine profonde, noti come “grande ciclo astronomico” che si ripetono ogni 2,4 milioni di anni.

Influenza gravitazionale di Marte sui vortici giganti oceanici

Le correnti marine profonde note come “vortici giganti” o vortici, causati da interazioni gravitazionali tra la Terra e Marte durante le orbite dei due pianeti, raggiungono il fondo marino e erodono sedimenti. Questo ciclico fenomeno, pubblicato sulla rivista “Comunicazioni sulla natura”, impatta il fondale oceanico.

Eccentricità planetaria e risonanza planetaria

La risonanza tra i campi gravitazionali terrestri e marziani modifica l’eccentricità planetaria, influenzando l’orbita dei pianeti attorno al Sole. Questa interazione spinge la Terra leggermente più vicino al Sole ogni 2,4 milioni di anni, aumentando l’esposizione alle radiazioni solari e riscaldando il clima terrestre.

Collegamento fra i sedimenti marini e l’influenza di Marte

Studiando i dati satellitari sull’accumulo di sedimenti oceanici, i ricercatori hanno individuato interruzioni cicliche nella formazione di depositi, correlandole ai cicli astronomici. Questi vuoti potrebbero essere causati dall’azione di correnti oceaniche potenziate dal clima più caldo derivante dalla gravità marziana.

Implicazioni dei risultati sul clima terrestre

Anche se speculative, le conclusioni suggeriscono che il ciclo di 2,4 milioni di anni potrebbe influenzare la stabilità delle correnti oceaniche profonde nel contesto del cambiamento climatico globale. Questo fenomeno proposto non è tuttavia associato all’attuale riscaldamento globale causato dalle attività antropiche.

Approfondimenti futuri sui cicli astronomici e il clima terrestre

Ulteriori ricerche potranno chiarire meglio l’entità dell’influenza di Marte sul clima terrestre attraverso i cicli astronomici. Questo studio apre interessanti prospettive sulla comprensione delle dinamiche climatiche e oceaniche a lungo termine e sulla potenziale mitigazione degli effetti del cambiamento climatico.

Il ruolo dell’AMOC nel rimescolare le acque profonde degli oceani

Secondo gli autori, due meccanismi separati contribuiscono al vigore del rimescolamento delle acque profonde negli oceani. Uno di essi è la Circolazione Meridionale Atlantica (AMOC), definita come un “nastro trasportatore” oceanico che porta l’acqua calda dai tropici all’emisfero settentrionale.

Alcuni scienziati prevedono un possibile collasso dell’AMOC nei prossimi decenni. In tal caso, la ventilazione indotta dai vortici oceanici profondi potrebbe risultare benefica per il mantenimento del sistema oceanico.

Il legame tra circolazione profonda e temperatura degli oceani

Studi condotti su dati sulle profondità marine di un arco temporale di 65 milioni di anni suggeriscono che gli oceani più caldi presentano una circolazione profonda più vigorosa. Questo aspetto, evidenziato da Adriana Dutkiewicz dell’Università di Sydney, potrebbe prevenire lo stagnamento degli oceani anche in presenza di rallentamenti o arresti della circolazione meridionale atlantica.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.