martedì 21 Maggio 2024

Paul Alexander, sopravvissuto alla poliomielite che ha vissuto nel polmone d’acciaio per 70 anni, muore all’età di 78 anni

2 mesi ago

Un’icona di speranza: la storia di Paul Alexander

Paul Alexander, l’americano che ha trascorso oltre 70 anni in un polmone d’acciaio a causa della poliomielite contratta da bambino, è scomparso all’età di 78 anni.

La battaglia contro la poliomielite

Alexander si ammalò all’età di 6 anni nel 1952, prima dell’introduzione del vaccino antipolio efficace nel 1955. La malattia lo lasciò paralizzato e dipendente dal polmone d’acciaio per respirare.

Una vita straordinaria

Nonostante le sfide, Paul ha perseguì la sua istruzione, diventando avvocato e autore di un libro autobiografico intitolato “Tre minuti per un cane” nel 2020. La sua storia ha ispirato molti in tutto il mondo.

Un’eredità di speranza

Il suo impatto positivo sulle persone è stato evidente in numerose testimonianze di ammirazione dopo la sua scomparsa. I sostenitori dei diritti dei disabili l’hanno ricordato come un modello di coraggio e determinazione.

Un tributo di riconoscenza

La morte di Paul Alexander, se pur triste, ha risvegliato il ricordo della sua forza di volontà e della sua resilienza. Rimarrà un simbolo di speranza per coloro che affrontano sfide simili e un esempio di come si possa superare ogni ostacolo con determinazione.

La Poliomielite: Una Malattia Infettiva

La poliomielite è una malattia virale altamente infettiva che colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai 5 anni. Si trasmette da persona a persona attraverso il contatto con le feci di un individuo infetto o meno comunemente tramite goccioline di saliva.

Effetti sul Sistema Nervoso

All’interno del corpo, il poliovirus si moltiplica nella gola e nell’intestino, potenzialmente invadendo il sistema nervoso e causando paralisi nei casi più gravi.

I Polmoni di Ferro: Storia e Utilizzo

I polmoni di ferro sono dispositivi introdotti a seguito delle epidemie di poliomielite del 20° secolo. Utilizzati come respiratori artificiali, salvarono numerose vite durante quelle crisi sanitarie.

Sviluppo del Vaccino Antipolio

Il primo vaccino antipolio è stato sviluppato negli anni ’50 da Jonas Salk, un rinomato virologo americano. Questo evento ha segnato l’inizio di un’iniziativa globale per debellare la malattia definitivamente, iniziata nel 1988.

L’importanza della lotta alla poliomielite nel mondo

La lotta contro la poliomielite ha portato a una riduzione del 99% dei casi di poliovirus selvaggio dal 1988. Questo sforzo ha contribuito significativamente alla prevenzione della malattia e alla protezione della salute globale.

Riduzione dei casi di poliovirus selvaggio nel tempo

Il numero di casi di poliovirus selvaggio è diminuito notevolmente nel corso degli anni. Nel 1988 si registravano circa 350.000 casi stimati in oltre 125 paesi, mentre nel 2021 solo 6 casi sono stati segnalati in due nazioni. Tale progresso dimostra l’efficacia delle iniziative di eradicazione della poliomielite.

Tipologie di poliovirus e eradicazione

Dei tre tipi di poliovirus noti, due sono stati eradicati a livello mondiale: il tipo 2 nel 2015 e il tipo 3 nel 2019. Tuttavia, il tipo 1 continua a circolare principalmente in Pakistan e Afghanistan, rappresentando ancora una sfida per gli sforzi di eradicazione completi della malattia.

Impatto positivo sui pazienti di poliomielite

Con la riduzione dei casi di poliomielite, l’uso dei polmoni di ferro è stato drasticamente ridotto. Oggigiorno, i pazienti che necessitano di assistenza respiratoria possono beneficiare di ventilatori moderni, che offrono maggior comfort e libertà di movimento rispetto ai dispositivi più datati come i polmoni di ferro.

Innovazioni nel trattamento della poliomielite e delle sue conseguenze

Attualmente, i pazienti affetti da poliomielite possono ricevere trattamenti respiratori avanzati, come l’uso di ventilatori moderni. Questi dispositivi consentono una maggiore qualità di vita e un supporto respiratorio più efficace rispetto a quelli tradizionali, garantendo una migliore gestione della patologia.

Curiosità sul corpo umano

Se hai domande su come funziona il corpo umano o su tematiche legate alla salute, inviale a community@livescience.com con oggetto “Health Desk Q”. Le migliori domande potrebbero essere selezionate e risposte sul nostro sito web. Chiedi, e potresti scoprire qualcosa di nuovo e interessante!

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.