venerdì 24 Maggio 2024

Per alcuni mammiferi, le grandi figlie adulte, non i figli maschi, sono la norma

2 mesi ago

La diversità delle dimensioni nei mammiferi: un nuovo studio

Le femmine degli elefanti marini, nonostante la loro imponenza, sono più piccole dei maschi. Tuttavia, recenti studi dimostrano che la regola del maschio più grande non è così diffusa come si pensava.

Maschi più grandi, una convinzione da rivedere

Un’ampia analisi su oltre 400 specie di mammiferi mostra che il 39% delle specie presenta maschi e femmine della stessa massa corporea, mentre nel 16% delle specie le femmine sono più pesanti. Non esiste una regola fissa sulle dimensioni dei sessi.

Una sfida alla tradizione: le dimensioni sessuali nei mammiferi

La concezione tradizionale delle dimensioni maschili potrebbe essere influenzata da pregiudizi nella letteratura scientifica. Nuove ricerche evidenziano la necessità di approfondire gli studi sulle dinamiche riproduttive dei mammiferi e sulle forze evolutive che modellano le dimensioni sessuali.

Un’evoluzione complessa

Esiste una teoria consolidata secondo cui i maschi dei mammiferi si evolvono per diventare più grandi a causa della competizione per le femmine. Tuttavia, altre forze influenzano le dimensioni dei mammiferi, come evidenziato dalle dinamiche di competizione tra maschi negli elefanti marini, dove pochi dominano gli harem di femmine.

Variazioni nelle dimensioni corporee

Nonostante la competizione tra maschi sia diffusa, non è l’unico fattore che influenza le dimensioni dei mammiferi. Ulteriori ricerche sono necessarie per comprendere appieno le complesse interazioni evolutive che modellano le dimensioni sessuali nei mammiferi.

Studio sulla massa corporea dei mammiferi: dati e analisi

Un gruppo di ricercatori ha condotto uno studio su 429 specie di mammiferi, analizzando dettagliatamente la loro massa corporea. La selezione delle specie è stata progettata per riflettere la varietà di vita mammiferi.

Volontà di utilizzare dati di alta qualità

Il dott. Sheard ha sottolineato l’importanza di utilizzare dati di altissima qualità e di ampia copertura per condurre l’analisi in questione.

Differenze di massa corporea tra i sessi nelle specie animali

Secondo i ricercatori, i maschi più grandi sono più comuni tra carnivori, primati e ungulati. Ad esempio, nell’87% delle specie di carnivori analizzate, i maschi sono più grandi delle femmine.

Contrariamente, in roditori e pipistrelli il 48% delle specie di roditori analizzate e il 46% delle specie di pipistrelli presentano femmine più grandi dei maschi.

Importanza di roditori e pipistrelli nello studio della dimensione corporea

Roth ha sottolineato come roditori e pipistrelli, nonostante rappresentino più della metà delle specie di mammiferi, siano spesso sottovalutati nelle ricerche scientifiche.

Il volo dei pipistrelli richiede moltissima energia, e questo potrebbe spiegare la presenza di femmine di dimensioni maggiori, meglio adattate a trasportare prole in sviluppo.

Ipotesi della “grande madre” e selezione naturale

L’ipotesi della “grande madre” suggerisce che femmine di dimensioni maggiori potrebbero avere piccoli più sani, favorendo così la loro sopravvivenza e la qualità delle cure fornite alla prole.

Secondo il dott. Tombak, ci sono forze contrapposte che influenzano le dimensioni del corpo maschile e femminile, portando in certi casi a una dimensione simile tra i sessi.

Riflessioni conclusive e prospettive future

Il 5% delle specie preso in considerazione nello studio offre solo un piccolo spaccato della varietà dei mammiferi. I ricercatori sottolineano che sono necessarie ulteriori ricerche per approfondire l’argomento.

Cox ha enfatizzato l’importanza di considerare le variazioni esistenti negli animali, sottolineando che generalizzazioni apparentemente solide possono crollare di fronte a dettagli specifici.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.