mercoledì 24 Aprile 2024

Per frenare l’influenza aviaria, i contribuenti pagano milioni per uccidere il pollame. È necessario?

3 settimane ago

Costi e Impatti dell’Influenza Aviaria: La Situazione Attuale

Un’epidemia di influenza aviaria altamente letale ha causato la morte di decine di milioni di uccelli, portando gli allevatori di pollame degli Stati Uniti a sacrificare interi branchi e causando un aumento temporaneo dei prezzi delle uova.

Recentemente, l’influenza ha infettato mucche da latte e persino una persona in Texas, sollevando preoccupazioni e spese significative per i contribuenti americani.

Compensazioni ai Produttori e le Critiche

Lo scorso anno, il Dipartimento dell’Agricoltura ha erogato oltre mezzo miliardo di dollari ai produttori di pollame per l’abbattimento di tacchini, polli e galline dopo la scoperta del ceppo influenzale H5N1 nelle loro aziende.

L’obiettivo delle compensazioni è incentivare le segnalazioni tempestive per contenere la diffusione del virus, ma gli abbattimenti provocano sofferenze agli animali, secondo esperti veterinari e organizzazioni per il benessere animale.

Beneficiari delle Indennità e la Distribuzione dei Fondi

Le maggiori indennità sono state percepite da Jennie-O Turkey Store, con oltre 88 milioni di dollari, e Tyson Foods, con quasi 30 milioni, nonostante le aziende abbiano comunque registrato profitti miliardari. La maggior parte dei fondi è andata a grandi aziende alimentari del paese.

Complessivamente, sono stati abbattuti oltre 82 milioni di uccelli da allevamento dall’inizio dell’epidemia nel 2022, sottolineando l’impatto devastante sull’industria avicola, che produce più di nove miliardi di polli e tacchini all’anno.

Riflessioni sull’Impatto Economico e Etico

L’attuale crisi dell’influenza aviaria solleva interrogativi sull’eticità degli abbattimenti di massa come misura preventiva e sull’equità della distribuzione delle compensazioni tra i produttori, ponendo in discussione il modello dominante dell’industria alimentare americana.

È essenziale bilanciare l’efficacia delle misure di contenimento con il rispetto per il benessere animale e la sostenibilità economica delle aziende agricole, considerando approcci alternativi per affrontare simili emergenze in futuro.

Risarcimenti controversi: incentivi per la pericolosa prassi agricola

Una richiesta al Freedom of Information Act all’USDA, presentata da Farm Forward, ha portato alla luce pagamenti controversi legati all’influenza aviaria, senza la divulgazione della ripartizione dei fondi.

I pagamenti agli agricoltori commerciali sollevano critiche per il sistema imperfetto di sussidi aziendali nel settore agricolo, che può incentivare pratiche a rischio di contagio senza vincoli preventivi.

Andrew deCoriolis di Farm Forward ha definito i pagamenti “folli e pericolosi”, sottolineando il mancato incentivo al cambiamento delle prassi dannose.

Le difese dell’industria avicola

Ashley Peterson del National Chicken Council ha respinto le critiche, sostenendo che i pagamenti governativi mirano a controllare il virus senza promuovere pratiche agricole problematiche.

Peterson ha denunciato le critiche come opera di “gruppi estremisti vegani” che perseguono una propria agenda, senza tenere conto della reale situazione.

La posizione dell’USDA e le conseguenze delle pratiche intensive

L’USDA ha difeso il programma di risarcimento, sottolineando che la tempestiva segnalazione aiuta a contenere la diffusione del virus nelle aziende agricole vicine.

L’industria intensiva delle proteine animali ha reso la carne più accessibile ma con effetti negativi come produzione e smaltimento eccessivi di rifiuti animali, impattando l’ambiente.

Le strutture sovraffollate favoriscono la diffusione di agenti patogeni infettivi, creando un ambiente ideale per la mutazione di tali agenti.

La criticità della produzione di carne

Gwendolen Reyes-Illg, scienziata dell’Istituto per il benessere degli animali, sottolinea che il pollo moderno allevato per una crescita rapida pone rischi significativi. L’allevamento selettivo ha reso questi animali più suscettibili alle infezioni e alla morte, secondo diversi studi.

Un’industria a rischio

Frank Reese, allevatore di tacchini, evidenzia che il tacchino moderno ha problemi di salute legati alla rapida crescita, come problemi cardiaci e articolazioni artritiche. Il sistema immunitario compromesso di questi animali li rende vulnerabili a varie patologie.

L’emergenza dell’influenza aviaria

Dal 1996 circola l’influenza aviaria ad alta patogenicità, diventata ancora più letale negli ultimi anni. Recenti focolai hanno portato all’abbattimento di milioni di uccelli d’allevamento e selvatici negli Stati Uniti, oltre a implicare rischi anche per gli esseri umani.

Influenza Aviaria: Una Minaccia per l’Industria Avicola

Il virus altamente contagioso si diffonde tra gli uccelli attraverso varie vie, complicando il controllo. Gli uccelli acquatici migratori sono i principali portatori, anche se spesso non mostrano sintomi. La trasmissione avviene anche attraverso stalle e abbigliamento degli agricoltori.

Andamento delle Infezioni in Nord America

Le infezioni hanno avuto alti e bassi negli ultimi anni in Nord America, ma nel 2022 si è registrata una diminuzione complessiva, come confermato dal Servizio di Ispezione Sanitaria Animale e Vegetale degli Stati Uniti.

Impatto su Cal-Maine Foods e le Altre Aziende Avicole

Cal-Maine Foods, primario produttore di uova nazionale, ha sospeso la produzione in Texas e abbattuto oltre 1,6 milioni di uccelli per contenere l’influenza. L’eventuale vaccinazione degli allevamenti è oggetto di discussione tra funzionari e industria.

Le Preoccupazioni degli Scienziati e le Politiche di Indennizzo

I ricercatori temono una potenziale pandemia da influenza aviaria adattata all’uomo, spingendo ad una campagna di vaccinazione. Il programma di indennizzo per il bestiame negli Stati Uniti ha erogato oltre 1 miliardo di dollari agli agricoltori colpiti dalla malattia.

Critiche al Programma di Indennizzo e alle Pratiche di Soppressione degli Animali

Alcuni critici sollevano preoccupazioni sull’indennizzo degli agricoltori, evidenziando la pratica della soppressione degli animali malati. Metodi come lo spegnimento dei sistemi di ventilazione e l’eliminazione degli animali sopravvissuti sollevano dubbi etici e pratici nel settore avicolo.

Le Raccomandazioni dei Veterinari e le Sfide dell’Industria

Veterinari come Crystal Heath promuovono pratiche etiche nell’affrontare le emergenze sanitarie nel settore avicolo. L’Associazione Medica Veterinaria Americana collabora con il Dipartimento dell’Agricoltura per garantire il benessere degli animali e la sicurezza alimentare dell’industria.

Metodi di abbattimento degli animali in agricoltura: la questione dell’arresto della ventilazione

Recentemente è emersa una polemica riguardo all’utilizzo dell’arresto della ventilazione come metodo di abbattimento degli animali in agricoltura. Secondo alcuni veterinari, questo metodo non sarebbe umano e dovrebbe essere evitato.

Una petizione per vietare l’arresto della ventilazione

Migliaia di veterinari hanno firmato una petizione chiedendo di classificare l’arresto della ventilazione come “non raccomandato” e di promuovere l’uso di metodi più umani, seppur più costosi, come l’utilizzo di anidride carbonica o azoto.

Richiesta di piani di spopolamento più umani

Alcuni istituti hanno presentato petizioni alle autorità agricole per richiedere piani di spopolamento più umani come condizione per ricevere un risarcimento. Tuttavia, l’agenzia deve ancora rispondere a tali richieste, rimanendo in attesa di decisioni ufficiali.

Approcci alternativi alla depopolazione degli animali

Alcuni difensori del benessere animale stanno sollevando dubbi sull’abbattimento di massa degli animali in caso di epidemie. In alcuni casi, come nel Santuario degli animali domestici della raccolta in California, sono state adottate misure di quarantena volte a salvare gli animali anziché abbatterli.

Esperienze di successo nella protezione degli animali

Christine Morrissey, direttrice esecutiva del santuario, ha riportato che, grazie a rigide misure di quarantena, molti degli animali colpiti da virus hanno potuto sopravvivere e riprendersi nonostante le condizioni iniziali critiche.

Alternative ai Abbattimenti di Massa

Secondo esperti, gli abbattimenti di massa potrebbero non essere la soluzione migliore per affrontare il virus. È necessario investire in più ricerche e sforzi per identificare metodi alternativi più efficaci.

La Preoccupazione degli Allevatori

Gli allevatori di pollame, come Caleb Barron in California, sono preoccupati a causa della migrazione verso nord in corso. Barron si trova in una situazione difficile poiché i suoi uccelli trascorrono gran parte del tempo all’aperto.

La Resilienza degli Animali

Nonostante le sfide, gli uccelli di Barron sono finora rimasti al sicuro. Questo potrebbe essere dovuto alla resistenza della razza di polli allevata o alle condizioni di vita ottimali offerte, come alimentazione di alta qualità e bassi livelli di stress.

La Fortuna dell’Agricoltore

Nonostante tutto, Barron ammette che la fortuna potrebbe giocare un ruolo cruciale nella protezione degli uccelli. La combinazione di fattori come genetica, cura e circostanze fortuite potrebbe contribuire al benessere degli animali.

Segui su...

Lascia un commento

Your email address will not be published.